Gli avvoltoi del vaccino anti Covid-19

Il vaccino contro il Covid-19 ancora non c’è, malgrado i giornaloni e le tv “importanti” riferiscano che manca davvero poco: a Pomezia sarebbero in dirittura d’arrivo; allo Spallanzani stanno per partire per i test;  la Cina e la Russia sarebbero pronte a commercializzarne uno prodotto nei loro laboratori; il presidente americano, Donalo Trump, sta distribuendo miliardi di dollari per arrivare all’obiettivo.
Ci siamo quasi, insomma, ci raccontano i gazzettini di regime, imbeccati dai tanti padroni, siano essi politici, imprenditori, banchieri, finanzieri o case farmaceutiche. Il “verbo” si diffonde, insieme a fosche previsioni sull’imminente ritorno del virus, e gli avvoltoi si preparano al banchetto: sì, perché lo scenario assomiglia, sempre più, ad altri, già vissuti nel recente passato.
Tutti, ad esempio, ricorderanno una delle più incredibili bufale rifilate al popolo italiano: il virus dell’aviaria, che mise in ginocchio i produttori del settore, perché nessuno in Italia consumava più polli, per non beccarsi il virus. Eppure il pericolo, cuocendo il pollo (domanda: in Italia c’è qualcuno che mangia il pollo crudo?) era pari a zero. Il ministro della Salute, all’epoca, si chiamava Francesco Storace e il presidente del Consiglio era Silvio Berlusconi. Era un sabato, quando il ministro convocò, con aria grave, i suoi collaboratori al Ministero e annunciò, con una improvvisata conferenza stampa, che l’aviaria era sbarcata in Italia (un volatile, nel Nord Italia, era risultato positivo ai test). E che, dunque, si doveva correre ai ripari.
Il rimedio, manco a dirlo, fu semplicissimo: vennero acquistati vaccini per svariati milioni di euro, malgrado gli esperti del Ministero spiegassero che non c’era alcun pericolo. È vero, in Asia c’erano stati dei morti per il virus, ma in luoghi in cui il pollo veniva sgozzato e consumato crudo, spesso sulle rive di fiumi sporchi e inquinati. I nostri polli, invece, erano (e sono) supercontrollati, magari “gonfiati” e imbottiti di antibiotici negli allevamenti intensivi (ma questo è un altro discorso), e potevano essere tranquillamente consumati, ovviamente previa cottura.
I vaccini, però, furono ordinati e acquistati in tutta fretta, anche grazie al lavoro di uno zelante sottosegretario, per essere poi stipati in un magazzino e là dimenticati per sempre. La spesa, ovviamente, fu a carico dello Stato e di tutti noi, mentre il guadagno fu solo per le case farmaceutiche e per pochi altri, che non avranno mai un nome e un cognome, anche se qualche sospetto è lecito.
Ecco, oggi, a distanza di quindici anni, si sta preparando il terreno per un nuovo banchetto, di altri avvoltoi, stavolta pronti a “mangiare” sull’acquisto del vaccino anti Covid-19. Non è un caso, immaginiamo, se il senatore Renzi, uno degli azionisti di maggioranza di questo sciagurato governo, ha già fatto sapere che il vaccino contro il Covid-19 dovrà essere obbligatorio. Il vaccino non c’è, gli scienziati dicono che ci vorranno anni per sapere non solo se sarà valido, ma anche se sarà sicuro e non avrà controindicazioni, e già Renzi vuole obbligare gli italiani a farselo iniettare.
Ora, capiamo che il senatore Renzi ha necessità di una certa visibilità quotidiana, per uscire dall’irrilevanza in cui lo costringono tutti i sondaggi, ma regali di questo tipo alle case farmaceutiche - per uno che ha già danneggiato la comunità, favorendo le banche, quando governava - rischiano di trasformarsi in un ulteriore boomerang. I cittadini non sono, poi, così stupidi e certamente si domanderanno per quale motivo Renzi stia aprendo una strada, sulla quale cammineranno a breve anche i Conte, gli Speranza e gli Zingaretti. E, facendo un po’ di conti, anche il più sprovveduto comprenderà che, dietro tanta fretta, è probabile che ci siano interessi inconfessabili.
Vaccinare tutti gli italiani, infatti, vorrebbe dire acquistare - uno più, uno meno - circa 60 milioni di vaccini. Calcolando che una singola dose di vaccino antinfluenzale può essere acquistata a un prezzo oscillante tra i 12 e i 18 euro (in farmacia), possiamo prevedere che il vaccino anti Covid-19 costerà almeno la stessa cifra. Siamo pronti a scommettere che il prezzo sarà parecchio più alto, ma vogliamo tenerci bassi: 60 milioni per 15 euro, ossia 900 milioni di euro.
L’affare che si va delineando, dunque, è intorno al miliardo di euro. Nei corridoi dei Palazzi del potere si avverte già un forte odore di mazzette e gli scienziati della tangente sono al lavoro, per mettere a punto consulenze fittizie e collaborazioni fasulle. E gli avvoltoi da vaccino volano intorno alla tavola, apparecchiata per un altro lauto banchetto. A spese, inutile sottolinearlo, del popolo italiano.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Elezioni: il giorno dopo

di Adriano Tilgher

Diventa difficile comprendere, dopo questa ultima tornata elettorale, quali siano le posizioni in campo e soprattutto quali siano le differenze tra i vari partiti. Ancora una volta centro destra e centrosinistra hanno dimostrato di essere identici e di non voler in alcun modo differenziarsi. Anche i cosiddetti sovranisti, o populisti che dir si voglia, hanno dimostrato chiaramente quello che andiamo dicendo da tempo: non sanno cosa voglia dire essere dalla parte del popolo o propendere per il ritorno della sovranità al popolo.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Rien ne va plus

1986: Enrico Ruggieri partecipa al festival di San Remo con il brano "rien ne va plus" che otterrà il premio della critica, ne seguirà l'album "Difesa Francese" titolo mutuato dal gioco degli scacchi, (la difesa francese è una delle possibili sequenze di mosse iniziali). L'espressione rien ne va plus è costituita dalla parte finale della formula usata dai croupier per regolare i tempi delle puntate nel gioco della roulette (Faites vos jeux. Les jeux sont faits. Rien ne va plus «Fate i vostri giochi. I giochi sono fatti. Niente va più». Nella lingua italiana viene utilizzata in senso figurato per significare che quel che è stato è stato, che i giochi ormai sono fatti.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.