Il folle accordo su autostrade

Due anni di minacce, liti feroci tra partiti, dichiarazioni di guerra a generazioni di Benetton e, alla fine, il risultato è il solito: a pagare, per il crollo del ponte di Genova, saranno i cittadini italiani. L’ingresso nella società Autostrade, con la quota di maggioranza, di Cassa Depositi e Prestiti, infatti, significa esattamente questo. Certo, adesso si dovranno esaminare i documenti e leggere bene i termini dell’accordo e le carte che produrranno gli studi legali, che saranno inondati da valanghe di incarichi e, dunque, di denari. Ma una cosa si può dire con certezza fin da ora ed è, appunto, che tutta questa manfrina finirà dritta sulla schiena del popolo italiano.
Per arrivare a questa soluzione, che non scontenta nessuno degli attori politici e, tantomeno, la famiglia Benetton, che non ci rimetterà un solo euro e che sarà liquidata per le quote di Autostrade che dovrà cedere (rimarrà comunque in società con un 10 per cento), il premier Conte e i suoi ministri politicamente più importanti si sono accapigliati per giorni e giorni, mentre i vari Renzi e Boschi avvertivano che la revoca era impossibile, “perché troppo costosa”.
Già, la revoca sarebbe costata molto allo Stato, ma di fronte a validi motivi - e 43 morti sono un motivo validissimo - probabilmente sarebbe stato il caso di andare proprio alla revoca, dimostrando tutte le mancanze della gestione Benetton sul fronte della manutenzione. Il ponte di Genova non è crollato per una bomba, ma perché la società Autostrade, per risparmiare, non ha eseguito la manutenzione necessaria. E anche se lo Stato, attraverso il ministero competente, non ha svolto in modo esemplare il suo compito di sorveglianza, non c’è giustificazione per le gravissime carenze riscontrate nella gestione di Autostrade.
Con questi signori, che hanno lucrato per anni sulla pelle dei cittadini italiani, fino alla tragedia di Genova, non si doveva andare alla trattativa, come hanno voluto i loro sodali Renzi e Boschi, ma allo scontro frontale. Il Governo, invece, si è piegato, ha trattato e ha salvato i Benetton, anziché portarli in Tribunale per le loro inefficienze e per aver determinato, con il crollo del ponte di Genova, danni miliardari all’economia ligure e italiana.
Si è scelta, invece, la strada del pastrocchio, che ha fatto precipitare e poi rimbalzare il titolo Autostrade in Borsa, facendo guadagnare ancora i soliti noti, padroni delle piazze finanziarie. Uno scandalo nello scandalo: i ricchi guadagnano sempre di più, i cittadini “normali”, già bastonati dal Fisco, da Equitalia e da un Governo incapace, pagano ancora. L’ingordigia dei potentati economici e finanziari e il servilismo di una classe politica inetta non si sono arrestati nemmeno davanti ai morti del Ponte Morandi.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Le riforme indispensabili

di Adriano Tilgher

L’Italia deve essere ricostruita dalle fondamenta, perché, ormai è una nazione che ha perso la sua ragion d’essere, soprattutto per aver smarrito il suo senso di appartenenza, la sua identità che nasce da una storia ed una cultura millenaria ed è cementata da una lingua fra le più ricche e le più studiate del mondo. Gli attacchi sistematici alle nostre istituzioni, come la scuola, la giustizia, la sanità… - un tempo punti fermi nei quali riconoscersi, copiate e imitate in tutto il mondo – le hanno ridotte a simulacro di sé stesse. Il tutto agevolato dall’insipienza e l’incapacità del ceto politico e della classe dirigente.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Il mal borghese

Prima Repubblica, prima che Mario Draghi, ed i suoi compagni di merende si facessero sicari dell'industria italiana, nell'immaginario collettivo, e nelle tv di stato, emergeva la figura del “self made man”, ci mostravano una borghesia, stereotipata, contrapposta ad una classe operaia ancora memore delle battaglie sindacali, degli scontri di piazza, piazza, che si legittimava con i festeggiamenti del primo maggio, che vedeva il metalmeccanico della Fiat, fieramente opposto al "Cummenda" della commedia all'italiana, fiero di indossare la "Tuta Blu" come giusta divisa da contrapporre allo stile borghese. Da sinistra il lavoratore rivendicava la lotta di classe, da destra, la socializzazione, il "ricco" anche quello che si era fatto da solo, veniva visto come diverso, e lungi dall'essere invidiato, veniva studiato per capirne e carpirne, le debolezze umane. Fra i mali criticati, l'ostentazione della ricchezza, la mancanza di empatia, la promiscuità sessuale, sino ad arrivare all'omosessualità, definita "Il Mal Borghese".

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.