La Giustizia, questa sconosciuta

Nessuno (o quasi), in questo avvio di campagna elettorale, ha affrontato un tema che dovrebbe stare a cuore a tutti, ma che, invece, da tutti viene accuratamente evitato: la Giustizia. Eppure, se il grado di civiltà di un Paese si misurasse dal funzionamento del sistema della Giustizia, l’Italia non potrebbe dire di essere in testa a un’ipotetica classifica. E, dunque, i politici di professione, che, in queste settimane, distribuiscono a piene mani ricette per migliorare il Paese, dovrebbero spiegarci anche come uscire dalle sabbie mobili in cui è finito il nostro sistema giudiziario.

L’ultimo monitoraggio effettuato dal Ministero della Giustizia (relativo al III trimestre 2017) parla chiaro: i processi arretrati, in materia di diritto civile, sono 3.668.494 (590.861 riguardano esecuzioni e fallimenti). Un vero e proprio dramma, per chi aspetta risposte. Dietro ogni contenzioso, infatti, vi sono almeno due persone e, con un arretrato di questo tipo, giustizia sarà fatta solo dopo qualche anno: nel 2016 la media per la soluzione di un contenzioso in Tribunale (Lavoro e previdenza, Separazioni e divorzi, Commercio) era di 981 giorni. In buona sostanza, quasi tre anni.. Non solo: 131.928 di questi procedimenti non sono stati risolti nei termini previsti dalla legge e, dunque, sono “a rischio legge Pinto”, il che significa che i soggetti interessati potrebbero richiedere allo Stato un risarcimento.

Nel penale, poi, le cose non vanno meglio: i procedimenti pendenti sono 1.555.219, addirittura in aumento rispetto allo stesso periodo del 2016. E la durata media è più o meno analoga a quella del civile: 901 giorni, con 229.397 (19%) processi a rischio legge Pinto per il primo grado, 115.442 (41,6%) per il secondo grado e 463 (1,4%) per la Cassazione.

Insomma, rivolgendoci a un Tribunale siamo quasi certi che non avremo Giustizia. E, leggendo i proclami degli “scienziati” che si candidano a guidare la malridotta Italia nei prossimi cinque anni, sappiamo che non l’avremo neanche nell’immediato futuro. Perché di questa Giustizia malata nessuno parla: molto più facile promettere posti di lavoro, pensioni più alte e tasse azzerate. Tutte cose impossibili da realizzare, soprattutto con una Giustizia così. Sì, perché se, ad esempio, l’Italia fosse un Paese in cui la giustizia civile desse risposte rapide, magari qualche investitore straniero in più ci sarebbe. E, conseguentemente, anche qualche posto di lavoro in più. Ma farlo capire a chi non vuol sentire è molto difficile. Anzi impossibile. Proprio come mantenere le tante promesse che abbiamo ascoltato e che  ascolteremo di qui al 4 marzo.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La dittatura Conte

Di Adriano Tilgher

Siamo in pieno regime: terrorismo televisivo quotidiano, distanziamento personale, coprifuoco, chiusura di piazze e strade, chiusura dei punti di ritrovo, distanziamento sul lavoro e spersonalizzazione dello stesso, distanziamento nelle scuole superiori, divieto assoluto di congressi e convegni, impossibilità di svolgere attività politica. Durante il ventennio non si è mai arrivati a tanto, neanche nei periodi bui della guerra civile.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Feder-Azione

Il nuovo DPCM, l'ultimo di una lunga serie, subdolamente toglie ancora spazi di libertà, tolte le possibilità di assembramento, chiusi i bar alle ore 18, ed i ristoranti alle ore 24, vietate attività culturali, congressuali, e convegni, aumentate le pene economiche (e non solo) per chi non indossi la museruola, il tutto nel quasi totale silenzio delle opposizioni, a parte qualche leggero mugugno della leader di Fratelli d'Italia, tutto tace, i vecchi rivoluzionari sembrano arresi, e i giovani paiono più interessati al nuovo gadget inutile da acquistare su Amazon, che ad una rivolta contro chi li rinchiude in casa, impedendone la socializzazione. Ma è davvero così?

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.