25 aprile: l’antifascismo partigiano più forte del Covid19

Niente funerali, niente passeggiate con i bambini piccoli, niente spesa in più di uno. Niente di niente, tutto vietato, pur di scongiurare assembramenti e capannelli, che potrebbero essere la causa di nuovi focolai del micidiale (micidiale?) coronavirus. E, se proprio non potete lavorare da casa, andate in ufficio in macchina, in modo che bus e metro siano sempre poco popolati. 
Il Paese è chiuso per coronavirus da un mese e mezzo, bar e ristoranti sono sull’orlo (e oltre) del fallimento, come molte altre attività commerciali, bloccate in nome della salute nazionale. Le libertà personali sono state ristrette per tutti, in barba alla tanto osannata Costituzione più bella del mondo. E a Pasqua anche i cattolici più osservanti hanno dovuto rinunciare alla Messa, categoricamente vietata, in tempo di pandemia.

Nell’Italia del XXI secolo, però, mentre tutti sono costretti a casa, ci sono cittadini più uguali degli altri, ai quali il 25 aprile sarà concesso di scendere in piazza, a esporre i loro vessilli e a sventolare la loro bandiera: sono gli antifascisti di professione, i nipotini dei partigiani, vale a dire i rappresentanti dell’Anpi (Associazione Nazionale Partigiani, appunto).

Il “no” del governo a qualsiasi deroga alla circolare Fraccaro sul divieto di assembramenti si è trasformato rapidamente in un “sì “, appena questi signori, che vivono e lucrano sui racconti di nonni e bisnonni, ormai defunti, hanno abbaiato, attraverso un comunicato ufficiale: “Chiediamo al governo di cambiare questa norma. In ogni caso, l’Anpi parteciperà alle celebrazioni del 25 aprile”.

Figuriamoci se un governo a trazione grillina e postcomunista poteva tirare dritto e infischiarsene delle minacce di questi insignificanti arroganti. Non sono trascorse nemmeno ventiquattr’ore e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Fraccaro, ha risposto anche lui con un comunicato ufficiale: “La circolare inviata dalla Presidenza del Consiglio non esclude in alcun modo le associazioni partigiane dalle celebrazioni del 25 aprile”. Loro potranno esserci, le autorità, sindaci in testa, un po’ meno: dovranno limitare le presenze, causa Covid 19. Resta da capire se il divieto resta categorico per la Brigata Ebraica, che ogni anno sfila il 25 aprile e viene fischiatane contestata.

Una cosa, comunque, è chiara a tutti: i compagni eredi dei partigiani saranno, ancora una volta, protagonisti assoluti. In Italia, piaccia o no, l’antifascismo vale più della libertà, della salute e della Pasqua. 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

C'è ancora un governo in Italia?

di Adriano Tilgher

Ci hanno fatto vivere due giorni di “suspense”, secondo loro. Il governo Conte cade o non cade? I numeri ci sono, non ci sono, il mercato delle vacche (alcune autentiche, con tutto il rispetto per l’animale sacro agli Indiani), i costruttori, i distruttori, i responsabili, gli irresponsabili… Parole, tutte vere, tutte false, tutti ad accapigliarsi ma per cosa? Per andare a votare? Come se non sapessimo che anche con il voto nulla cambierebbe, tutte le forze in campo sono controllate, nessuno ha un autonomo progetto politico, tutti sono liberisti o, per lo meno, nessuno ha il coraggio di condannare apertamente liberismo e globalizzazione.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Confessioni di un fazioso

2006 lo storico leader politico Missino Tomaso Staiti di Cuddia delle Chiuse dà alle stampe per Mursia "Confessione di un fazioso" un vero atto d'amore (tradito) per un'Idea, per una comunità, e per un'area di riferimento che è storicamente anche la mia. In questo testo fondamentale, e nel successivo "Il Suicidio della destra - Non uno schianto ma una lagna", ci mostra una carrellata irriverente del Phanteon missino e post missino. Purtroppo nella mia avventura politica mi sono incrociato con "il "Barone nero" solo 2 volte, nel 1984 dove giovane segretario sezionale Toscano di area Niccolai cercai di promuoverne l'elezione alla Segreteria contro Giorgio Almirante, e nel 2008 quando accettò la candidatura nelle tre circoscrizioni Lombarde per "La Destra", partito dove militavo. Ne uscì un anno dopo, quando si capì che Storace strizzava l'occhio al "Popolo delle Libertà", io sono stato meno coraggioso, e l'ho fatto solo nel 2013. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.