Basta con questo governo arrogante e inadeguato

Parole, parole, parole: il premier Conte, i suoi ministri e i capi politici della maggioranza governativa, finora, ci hanno riempito di promesse. “Siamo in un’emergenza straordinaria - hanno detto, a turno e a più riprese - e metteremo in campo tutto il possibile per sostenere economicamente chi è stato danneggiato dal blocco delle attività, chi ha perso il lavoro e chi, in un modo o nell’altro, è entrato in difficoltà “. Bene, a distanza di due settimane dal 9 marzo - giorno in cui Conte ha annunciato che tutto il Paese era “zona rossa” per la pandemia del coronavirus - non è stato fatto praticamente nulla per aiutare i cittadini. E quel poco che c’è non è chiaro, non si capisce e crea disagi e malintesi.
Pensiamo, in primis, ad Agenzia delle Entrate Riscossione, con la quale ognuno di noi ha fatto i conti. Ci sono in ballo la rottamazione, il saldo e stralcio, le rateizzazioni, le nuove cartelle e nessuno ha mai detto in modo chiaro che, fino al 31 maggio, è tutto sospeso. Bisogna interpretare uno dei tanti decreti legge del Governo o andare a visitare il sito di Agenzia delle Entrate, dove, comunque, il concetto non è espresso in modo inequivocabile. Perché non scrivere, a caratteri ben visibili a tutti, che le cartelle non vanno pagate fino al 31 maggio? Sarebbe troppo facile e, soprattutto, non sarebbe in linea con il concetto che ha questo governo del cittadino: un bancomat da usare fino a che non esce l’ultimo centesimo. E lasciare uno spiraglio all’equivoco fa in modo che i più sprovveduti continuino a pagare.


Stesso discorso per le categorie massacrate dal blocco delle diverse attività: da quindici giorni almeno non incassano un euro (e in molti casi continuano a pagare i dipendenti), ma non hanno avuto alcun aiuto dallo Stato. Pensate, ad esempio, ai tassisti: il loro volume di affari è praticamente azzerato, ma se hanno le rate della macchina da pagare devono continuare a farlo. E l’assicurazione? Si era detto che sarebbe stata rinnovata automaticamente per almeno un mese, ma le pressioni della lobby delle compagnie assicurative ha indotto il governo a fare retromarcia e a dare, così, solo una proroga di quindici giorni, equivalente al nulla assoluto.

 
Ecco, con quali soldi un tassista pagherà rate della macchina e assicurazione? Possibile che nessuno, tra gli “scienziati” che affiancano Conte, ci abbia pensato? Il ministro dell’Economia - che recentemente si è fatto eleggere deputato a Roma, in un’elezione suppletiva blindata, perché da ministro guadagnava troppo poco - cos’ha in mente per venire incontro alle esigenze di questi e di tutti gli altri cittadini ridotti allo stremo? Parole, soltanto parole.


Fortunatamente, anche il capo dello Stato si è accorto dell’inadeguatezza di questo governo, che va di pari passo a una straordinaria arroganza: così, Mattarella ha invitato il premier a consultare le opposizioni, in un momento di emergenza totale del Paese. Conte lo ha fatto, ma siamo certi che continuerà a procedere a colpi di parole, annunci e nulla più. E, allora, resta solo da augurarci che i “boatos” del Palazzo - secondo i quali sarebbe già pronto un esecutivo di salvezza nazionale - non restino vuote indiscrezioni. Nella speranza che - se davvero dovesse nascere un governo di questo tipo - si guardi, per una volta, agli interessi della comunità, per far ripartire l’Italia, appena sarà possibile.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Coronavirus e geopolitica

di Adriano Tilgher

Quali sono gli scenari internazionali che si stanno preparando? Cosa c’è dietro lo scontro tra i sistemi finanziari? L’Italia può sfruttare questa situazione per uscire più forte di prima da questa crisi sanitaria, economica e sociale che sta affrontando? Noi pensiamo di sì. Basta fare un esame accurato delle forze autentiche in campo, tirare fuori tanto coraggio e stare attenti ai venduti ed ai traditori.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Lettera dal Duca

 Festiva di Sanremo 2018, Enrico Ruggeri riunisce il suo storico gruppo, i Decibel, e si presenta con un brano scritto da lui e con musiche di Fulvio Muzio e Silvio Capeccia, "Lettera dal Duca" un omaggio riuscito ad un mostro sacro della musica il "Duca Bianco" David Bowie. "Passano vecchie immagini / Indelebili su di noi  / Io non capisco più certe meschinità / Le misere mediocrità / Io vivo un’altra dimensione" La dimensione di Bowie era realmente "Altra" è stato uno dei personaggi più poliedrici, importanti ed influenti della scena pop/rock internazionale per cinque decenni.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.