In Campania il "modello Ruotolo"

Lo chiamano già il “modello Ruotolo”, riferendosi alla “straordinaria” affermazione del giornalista Sandro Ruotolo alle elezioni suppletive in un collegio senatoriale di Napoli. L’ex inviato di Santoro, insieme al quale si occupava non dei problemi del Paese, ma di quelli giudiziari di Berlusconi, ricamandoci sopra intere trasmissioni, ha sbaragliato la concorrenza, grazie all’appoggio del sindaco di Napoli, De Magistris, del Pd, di Italia Viva di Renzi, dei comunisti vecchi e nuovi e chi più ne ha più ne metta. A cementare questa unione non è stato il programma del prestigioso candidato, ma un collante che va di moda da settant’anni e più: l’antifascismo.

Il popolo ha risposto entusiasta all’appello del sindaco e di tutti coloro che sostenevano Ruotolo: alle urne si è presentato addirittura il 9 per cento degli aventi diritto. Ci siamo scordati uno zero? No, abbiamo scritto bene: 9 (nove) per cento. In pratica, hanno votato solo i fedelissimi del sindaco e del Pd, mentre gli altri cittadini sono rimasti a casa.

Ruotolo e De Magistris, però, probabilmente non lo hanno saputo, perché da lunedì imperversano sui giornaloni, alla radio e in tv, esaltando, appunto, il “modello Ruotolo”. “Quello che è avvenuto a Napoli - ha detto trionfante il giornalista baffuto - dev’essere replicato per le elezioni regionali in Campania: è questo il modo per sconfiggere la destra”. E il sindaco De Magistris ha aggiunto: “Ci dobbiamo sedere intorno a un tavolo, cercando di portare con noi anche i 5Stelle, perché in questo momento storico non possiamo permetterci di lasciar fuori qualcuno soltanto perché ha idee diverse dalle nostre: dobbiamo fare uno sforzo per restare uniti”. Tradotto: tutti insieme per battere Salvini e il centrodestra, malgrado l’esperienza del governo nazionale dimostri come sinistra e 5Stelle insieme siamo capaci di creare solo disastri.

Prepariamoci, dunque, a sorbirci ancora per qualche mese la beatificazione del “modello Ruotolo”, da parte di tutti i commentatori e gli editorialisti, i quali ci spiegheranno che Ruotolo è stato eletto per il suo impegno civile, per la sua lotta alla camorra, che lo costringe a vivere sotto scorta, eccetera eccetera.
Frasi che abbiamo sentito decine, centinaia di volte anche per Saviano e altre icone della cultura (cultura?) di sinistra. Siamo stufi, davvero, di questi partigiani dell’informazione, che ci raccontano una realtà che non esiste, come se fossimo tutti incapaci di intendere e di volere. Ruotolo è stato eletto, in quel collegio di Napoli, col voto clientelare di De Magistris e Pd e con l’astensione di quasi tutti gli altri elettori. Questa è la verità. Il resto sono solo chiacchiere e rese dei conti interne a una sinistra dilaniata, che in Campania vive uno scontro feroce tra il sindaco De Magistris e il governatore della Regione, De Luca. Il quale, ovviamente, si vuole ricandidare. Ma De Magistris, grazie ai media compiacenti, per fermarlo gli sbatte in faccia il “modello Ruotolo”, l’unico in grado di frenare i consensi della destra di Salvini.

L’auspicio è che, chiunque vinca, tra De Magistris e De Luca, alle urne venga, poi, sconfitto dal candidato del centrodestra. L’esperienza ci insegna che anche a destra, più di una volta, ci sono state sonore delusioni. Ma in Campania certamente non potrà fare peggio di chi, nel 2020, ha come programma l’antifascismo e l’odio per Salvini.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

C'è ancora un governo in Italia?

di Adriano Tilgher

Ci hanno fatto vivere due giorni di “suspense”, secondo loro. Il governo Conte cade o non cade? I numeri ci sono, non ci sono, il mercato delle vacche (alcune autentiche, con tutto il rispetto per l’animale sacro agli Indiani), i costruttori, i distruttori, i responsabili, gli irresponsabili… Parole, tutte vere, tutte false, tutti ad accapigliarsi ma per cosa? Per andare a votare? Come se non sapessimo che anche con il voto nulla cambierebbe, tutte le forze in campo sono controllate, nessuno ha un autonomo progetto politico, tutti sono liberisti o, per lo meno, nessuno ha il coraggio di condannare apertamente liberismo e globalizzazione.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Confessioni di un fazioso

2006 lo storico leader politico Missino Tomaso Staiti di Cuddia delle Chiuse dà alle stampe per Mursia "Confessione di un fazioso" un vero atto d'amore (tradito) per un'Idea, per una comunità, e per un'area di riferimento che è storicamente anche la mia. In questo testo fondamentale, e nel successivo "Il Suicidio della destra - Non uno schianto ma una lagna", ci mostra una carrellata irriverente del Phanteon missino e post missino. Purtroppo nella mia avventura politica mi sono incrociato con "il "Barone nero" solo 2 volte, nel 1984 dove giovane segretario sezionale Toscano di area Niccolai cercai di promuoverne l'elezione alla Segreteria contro Giorgio Almirante, e nel 2008 quando accettò la candidatura nelle tre circoscrizioni Lombarde per "La Destra", partito dove militavo. Ne uscì un anno dopo, quando si capì che Storace strizzava l'occhio al "Popolo delle Libertà", io sono stato meno coraggioso, e l'ho fatto solo nel 2013. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.