Lazio, l’edilizia popolare è morta, cercasi qualcuno che la resusciti

L’edilizia popolare è morta. O, perlomeno, è morta nel Lazio. Sì, perché, mai come nell’ultimo decennio, il settore, che dovrebbe essere al servizio delle fasce più deboli della popolazione, è stato abbandonato al suo destino. Nel Lazio ci sono ben sette Aziende che si occupano di edilizia residenziale pubblica: Ater di Roma, Ater della Provincia di Roma, Ater di Civitavecchia, Ater di Latina, Ater di Frosinone, Ater di Rieti e Ater di Viterbo. E, poi, c’è la Regione, padrona delle Ater.

Il problema è che, dal 2013 a oggi, dalla Giunta regionale non è stato stanziato un solo euro in più, per la realizzazione di nuovi alloggi. Così, le Ater si limitano a gestire il patrimonio, ma non hanno più quelle belle iniezioni di denaro fresco, che arrivavano in passato dalla Regione, e, dunque, oggi hanno difficoltà anche a garantire la manutenzione degli alloggi.

Non potrebbe essere altrimenti, visto che gli affitti pagati dagli inquilini toccano un minimo di 7 euro al mese, che a Roma, ad esempio, è corrisposto, quando non sono morosi, da quasi il 50% degli assegnatari degli immobili. Troppo poco per garantire la liquidità per la manutenzione dei quasi 70mila alloggi di proprietà dell’Azienda romana. E piani di vendita, quelli che dovevano consentire alle Ater di fare cassa, si sono rivelati un fallimento. Chi è il pazzo che compra casa, se può starci dentro a 7 euro al mese?

La domanda, allora, sorge spontanea: a che servono ancora le Ater? Di fatto, solo a garantire una poltrona ben retribuita a direttori generali e presidenti e consiglieri di amministrazione. Nei cinque anni di Giunta Zingaretti, a dire il vero, presidenti e cda sono stati sostituiti dai commissari straordinari, per ottenere un risparmio. Ma il risparmio vero, quello che doveva arrivare dall’accorpamento delle Ater, non c’è mai stato: Zingaretti aveva promesso la riforma nella scorsa campagna elettorale, ma una volta eletto non è stato in grado di mantenere la promessa. Troppe resistenze interne, troppi interessi in gioco, per mollare la presa: ogni partito ha il suo “feudo” e se lo tiene stretto.

Così, alla fine, come sempre, a rimetterci sono i cittadini, soprattutto i più poveri, quelli a cui spetterebbe di diritto un alloggio popolare. La lista di attesa del Comune di Roma è infinita e le case non ci sono. E altrove non va meglio. La polemica, poi, sul fatto che le case vadano solo agli stranieri è fondata, ma il nodo è nella legge: poiché a tot metri quadri di casa corrispondono tot inquilini, gli stranieri, che hanno famiglie più numerose, quasi sempre ottengono i pochi appartamenti disponibili. Ma nessuno, proprio nessuno, si preoccupa di cambiare la legge, di trovare il modo per venire incontro anche alle coppie italiane, magari senza figli, oltre che senza un euro.  

L’auspicio è che, nella prossima legislatura regionale, ci sia qualcuno – di qualsiasi partito, di maggioranza o di opposizione – che, tra una difesa e l’altra del vitalizio, si faccia carico di tirare fuori dal cilindro una proposta in grado di far sì che l’edilizia popolare torni a dare risposte concrete a chi, davvero, ha bisogno di un tetto.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

C'è ancora un governo in Italia?

di Adriano Tilgher

Ci hanno fatto vivere due giorni di “suspense”, secondo loro. Il governo Conte cade o non cade? I numeri ci sono, non ci sono, il mercato delle vacche (alcune autentiche, con tutto il rispetto per l’animale sacro agli Indiani), i costruttori, i distruttori, i responsabili, gli irresponsabili… Parole, tutte vere, tutte false, tutti ad accapigliarsi ma per cosa? Per andare a votare? Come se non sapessimo che anche con il voto nulla cambierebbe, tutte le forze in campo sono controllate, nessuno ha un autonomo progetto politico, tutti sono liberisti o, per lo meno, nessuno ha il coraggio di condannare apertamente liberismo e globalizzazione.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Confessioni di un fazioso

2006 lo storico leader politico Missino Tomaso Staiti di Cuddia delle Chiuse dà alle stampe per Mursia "Confessione di un fazioso" un vero atto d'amore (tradito) per un'Idea, per una comunità, e per un'area di riferimento che è storicamente anche la mia. In questo testo fondamentale, e nel successivo "Il Suicidio della destra - Non uno schianto ma una lagna", ci mostra una carrellata irriverente del Phanteon missino e post missino. Purtroppo nella mia avventura politica mi sono incrociato con "il "Barone nero" solo 2 volte, nel 1984 dove giovane segretario sezionale Toscano di area Niccolai cercai di promuoverne l'elezione alla Segreteria contro Giorgio Almirante, e nel 2008 quando accettò la candidatura nelle tre circoscrizioni Lombarde per "La Destra", partito dove militavo. Ne uscì un anno dopo, quando si capì che Storace strizzava l'occhio al "Popolo delle Libertà", io sono stato meno coraggioso, e l'ho fatto solo nel 2013. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.