Foibe, una tragedia tradita

Immaginate cosa potrebbe succedere in Italia se, un giorno, qualcuno si alzasse e dicesse: “Sì, la Shoah è stata una grande tragedia, una mostruosità, ma rileggiamo bene la storia, cerchiamo di capire perché si è arrivati ai campi di concentramento e, soprattutto, non diamo una lettura univoca di quella storia, cercando di calcolare correttamente quanti sono stati davvero i martiri di quella follia”. Certamente, se qualcuno si azzardasse a pronunciare parole di questo tipo verrebbe accusato di essere nazista, revisionista, negazionista, insomma un vero pericolo pubblico. E, va da sé, qualche magistrato aprirebbe un fascicolo, cercando di mandarlo a processo per i reati più disparati.

Eppure, c’è stato qualcuno, nei giorni scorsi, che ha detto, in una sala del Senato della Repubblica, qualcosa di simile, non sull’Olocausto, ovviamente, ma sulle foibe. Ed è stato calorosamente applaudito dai presenti. Forse perché a parlare era il vicepresidente di un organismo che, nel nostro Paese, può dire e fare tutto, perché ha ragione a prescindere, vale a dire l’Anpi, l’Associazione nazionale dei partigiani. “Non è in discussione – ha detto il signor Gianfranco Pagliarulo – il giudizio relativo al dramma delle foibe, che riguarda l'uccisione di un ancora imprecisato numero di persone senza processo o con un processo sommario. Ma proprio questo giudizio sollecita la necessità di approfondire la ricerca storica su chi, perché, quanti e quando sono stati vittime, e chi, perché, quanti e quando sono stati carnefici. Questo è compito appunto della ricerca e non della politica; viceversa, la politica, in questa misura, distorce la verità storica e la presenta a vantaggio di questa o quella parte”.

Il vicepresidente dell’Anpi ha pronunciato questa frase introducendo un seminario, che precedeva di qualche giorno il 10 febbraio, data del ricordo delle foibe. E ha aggiunto: “La stessa drammatica vicenda delle foibe, a mio avviso, si caratterizza come un’esplosione di violenza che è l'esito di uno straordinario laboratorio di violenza qual è stato il fascismo di confine dal 1919 in poi, e, in seguito, l'invasione della Jugoslavia del 6 aprile 1941, ed ancora il dominio nazista sul Litorale adriatico”. Insomma, le foibe come reazione, non come barbaro e cieco massacro degli italiani della Venezia Giulia, del Quarnaro e della Dalmazia.

Parole che nessun esponente dei democratici partiti di governo si è sognato di condannare. Al contrario, gli esponenti del Pd hanno scelto di abbandonare le celebrazioni della giornata del ricordo delle foibe, perché, a loro dire, erano troppo di parte. Proprio come sostenuto dal compagno Pagliarulo.

Una vergogna assoluta, possibile solo in un Paese come l’Italia, dove si ricorda, giustamente, anche se forse troppo insistentemente, la tragedia degli ebrei deportati e uccisi nei campi di sterminio nazisti, mentre si prova fastidio per il ricordo dei martiri delle foibe e si mette in discussione non solo il numero delle vittime, ma anche chi siano le vittime e chi i carnefici.

Siamo alle solite: storia e cultura, in Italia, sono appannaggio di una élite sinistrorsa e salottiera, che stabilisce come sono andate le cose un secolo fa e come dovranno andare in futuro. E chi non è d’accordo è fascista, brutto e cattivo. Per fortuna, a scrivere la storia vera non sono questi signori, ma testimonianze, libri e scritti di chi ha vissuto il dramma delle foibe. Piaccia o no a Pagliarulo e compagnia cantante.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Non basta comunicare, occorre fare

di Adriano Tilgher

Il nostro è un Presidente del Consiglio cui piace fare annunci sensazionali cui segue poca concretezza. Le cose che sono state dette nell’ultima conferenza potevano sembrare ottime, contare su 400 miliardi è tanto, per lo meno per come sono state annunciate.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Povera Matria

È il 1991: nelle vetrine dei negozi di dischi, allora sparsi in tutta Italia, appare il sedicesimo album di Franco Battiato, Come un cammello in una grondaia.  Il titolo del disco è una citazione di Al-Biruni, scienziato persiano vissuto nell'XI secolo, che era solito pronunciare tale frase per indicare l'inadeguatezza della propria lingua nel descrivere argomenti di carattere scientifico. Ai tempi di Al Biruni il potere delle religioni poteva tacciare uomini di scienza di eresia, toglierne la libertà, e financo la vita; oggi la situazione è capovolta, è la scienza erettasi a religione che pretende di togliere libertà ha chi osa contestarne il “vangelo”, basti vedere nella recente crisi del Covid 19, il comportamento del fantomatico "Patto trasversale per la Scienza" di Burioni (quasi anagramma del suo predecessore),  che si propone di mettere sul rogo, se non fisico almeno mediatico e giudiziario, chi metta in dubbio l'infallibilità della scienza e chiunque faccia una professione di Fede.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.