Plauto, i politici e i banchieri

L’intreccio tra politica e finanza, tra il potere dei Palazzi e quello bancario ha origini antiche: ne troviamo traccia già ai tempi dei Greci e dei Romani, popoli che ritenevano estremamente sconveniente il fatto che un politico si occupasse di affari economici, commerciali e, più in generale, pratici. Cosa che non impediva certo ai politici corrotti e senza scrupoli di partecipare, per interposta persona, a traffici di ogni tipo.

Nell’antica Roma, ad esempio, il politico “affarista” si procurava un cavaliere (dallo status di militare si passava a fare il commerciante, una volta terminata l’attività bellica e una delle attività principali era quella di “argentario”, vale a dire l’attuale banchiere), che gli facesse da prestanome, così da rimanere pulito. In buona sostanza, allora commercianti e banchieri facevano da prestanome ai politici. Oggi avviene esattamente il contrario: sono i politici che fanno da prestanome ai banchieri.

Lo abbiamo visto, in modo chiaro, nella vicenda del Mes, la misura voluta dalla Merkel e approvata dalla politica, che serve alle banche tedesche. E questo testimonia, una volta di più, che la finanza domina la politica e che, nel giro di due o tre millenni, il mondo si è rovesciato. Eppure nessuno si prende la briga di denunciarlo.

Nell’epoca di Internet, di radio e tv, dei giornali online, dei social e quant’altro, non c’è nessuno – o quasi – che abbia il coraggio di denunciare questa vergogna, questo assoggettamento del potere politico ai centri di potere finanziari, nelle mani – da secoli – dei soliti noti. Nell’antica Roma, invece, c’era qualcuno che denunciava pubblicamente lo scandalo dei banchieri prestanome dei politici: era Plauto, che nelle sue commedie dissacrava l’intreccio tra politica e affari di Stato.

Oggi no. Oggi nessuno si alza per dire che il MES è tutto, fuorché un meccanismo per salvare gli Stati: in realtà è un meccanismo per salvare le banche private, in particolare quelle tedesche. Ecco, nel Terzo Millennio avremmo bisogno di un nuovo Plauto, di qualcuno che quotidianamente condannasse un mondo politico che fa da prestanome al mondo finanziario.

Anche perché quello del Mes è solo un esempio, ma potremmo citarne decine di altri. A partire dal salvataggio del Monte dei Paschi, costato miliardi di euro, passando per quello di Banca Etruria, per arrivare a quello, recentissimo, della Banca Popolare di Bari. Tutte facce di una stessa medaglia, che vede i politici proni davanti ai banchieri, che sono i loro veri padroni. E tutti con uno stesso comune denominatore: a pagare è sempre Pantalone. Sì, sono sempre i cittadini a pagare gli errori dei banchieri, ai quali una classe politica incapace e asservita garantisce impunità e buonuscite milionarie. Con i nostri soldi.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Pieni poteri e immagine

di Adriano Tilgher

Che tristezza questa Italia! Veramente deprimente.

Ligi agli ordini di partito? No! Timorosi che si possa tornare a votare quasi tutti i parlamentari di governo hanno votato contro i loro reali convincimenti, ammesso che ne abbiano qualcuno, per prorogare i poteri da stato di emergenza a Conte.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Veritas in Fabula

«Siamo impegnati in un gioco in cui non possiamo vincere. Alcuni fallimenti sono migliori di altri, questo è tutto.»

George Orwell, pseudonimo di Eric Arthur Blair (1903 – 1950),  scrisse questa profetica realtà nel suo romanzo più famoso, “1984” dove l'attivista socialista, volontario nella guerra di spagna nelle fila del Partito Operaio di Unificazione Marxista (POUM) combattè contro altri "socialisti", quei volontari Italiani e Tedeschi che scelsero l'altro fronte, che in seguito divenne Asse, e fu sconfitto anche da quel regime tanto ostico ad Orwell e che farà da filo conduttore delle sue opere più famose, "1984" e "La fattoria degli animali".

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.