Per l'ILVA si usa il codice penale del 1930

L’aggrovigliata questione dell’ILVA si è spostata nelle aule giudiziarie, per ricorsi e controricorsi riguardanti l’applicazione e l’interpretazione delle clausole del contratto di affitto dell’impianto, con correlato impegno a sistemare la situazione ambientale della località tarantina dove è collocato l’impianto siderurgico, stipulato un anno fa dalla multinazionale “Arcelor Mittal”.

Ma ora a queste vicende contrattuali si è aggiunta l’iniziativa della Procura della Repubblica di Taranto la quale, dinanzi alla volontà di spegnimento degli altiforni e quindi del blocco dell’impianto (è noto che la riaccensione degli altiforni richiede mesi e può anche comportare danni irreparabili agli stessi) – ipotesi al momento sospesa dalla Mittal – ha ritenuto che ricorra la fattispecie dell’art. 499 del Codice Penale italiano.

Cosa dice quest’articolo? Ecco il testo:

“ Chiunque, distruggendo materie prime o prodotti agricoli o industriali, o mezzi di produzione, cagiona un grave nocumento alla produzione nazionale o fa venir meno in misura notevole merci di comune o largo consumo, è punito con la reclusione da tre a dodici anni e con la multa non inferiore a 2.065 euro.”

Quest’articolo è il primo del Titolo VIII del Codice Penale intitolato “Delitti contro l’economia pubblica, l’industria e il commercio” e s’ispira alla concezione nazionale dello Stato in cui anche la produzione economica rientra nei beni da tutelare perché attiene all’indipendenza e alla sovranità dello Stato e al benessere dei cittadini.

E’ forse il caso di sottolineare che questa norma fu redatta nel 1930 a cura del giurista nazionalista Alfredo Rocco, autore di quei Codici che pur essendo definiti “fascisti” (recano infatti oltre a Rocco la firma di Mussolini…) sono tuttora sostanzialmente vigenti nella loro struttura, tranne qualche eliminazione e qualche aggiunta.

Cosa vuol dire ciò? Che nel momento in cui si palesa un grave danno all’economia nazionale (perché la chiusura di un’acciaieria come quella di Taranto che è la principale in Italia e la seconda in Europa danneggia non solo i lavoratori dipendenti e dell’indotto ma tutte le imprese metalmeccaniche e affini che devono utilizzare l’acciaio per i loro prodotti e anche quella parte di esportazione che verrebbe meno aggravando la bilancia commerciale) si deve necessariamente ricorrere a quelle norme che già avevano previsto situazioni simili.

Non sappiamo certamente quale sviluppo avrà questa iniziativa, probabilmente resterà come una minaccia latente per fare una pressione politica: ma è singolare che, mentre si diffonde un artificioso antifascismo di ritorno, si debba poi ricorrere a norme “fascistissime” come questa per cercare di frenare una perdita.

Ma, sempre riferendosi alle norme vigenti, vorremmo ricordare con l’occasione anche gli articoli 42 e 43 della Costituzione, che anch’essi sono d’ispirazione fascista, i quali stabiliscono come “la proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi d’interesse generale” (come indicato dall’art. 841 del Codice Civile, anch’esso a firma Rocco…); e che “ai fini di utilità generale la legge può trasferire allo Stato determinate imprese che abbiano carattere di preminente carattere generale”.

Insomma, tutto concorda nell’indicare che quel bene – costituito a spese del denaro pubblico, lo si ricordi, perché finanziato dall’Ente di partecipazione statale “Finsider” – o viene amministrato da un’impresa acquirente o concessionaria, o viene gestita direttamente dallo Stato che ne assume la proprietà totale o parziale. Da ricordare, a questo proposito, che il succitato articolo 43 della Costituzione parla anche di “comunità di lavoratori o di utenti” che si potrebbero costituire ad hoc. Vedremo quali sbocchi avrà questa importante vicenda che ha risvolti politici, economici, sociali.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'ovvio diventa legge

di Adriano Tilgher

Quando ero ragazzino era normale in tutte, o quasi tutte, le famiglie italiane lavarsi accuratamente le mani ogni volta che si rientrava in casa, quando si starnutiva usare un fazzoletto per coprirsi naso e bocca, quando si mangiava non parlare con il boccone in bocca, quando si stava nei luoghi pubblici, anche in quelli mobili, occorreva stare composti e cedere il posto a sedere alle persone anziane ed alle donne ed era assolutamente vietato sputare.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

L'amore ai tempi del Coronavirus

È il 1985: lo scrittore Colombiano premio Nobel per la letteratura Gabriel García Márquez dà alle stampe il romanzo L'amore ai  tempi del colera, romanzo da inserire in una speciale classifica che narra di sentimenti e vita, Eros e Thanatos, divinità del phanteon greco riciclate da Freud, che vanno ad indicare 2 tipi di pulsioni, quella per la vita" ("Eros"), comprendente libido e autoconservazione, e quella di morte" ("Thanatos"), che si manifesta in tendenze autodistruttive. L'amore e la malattia, il colera di Márquez, la peste descritta dal Manzoni nei Promessi sposi, mutuata da Boccaccio, che...

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.