L'interesse personale dello "statista" Di Maio

“Giggino” Di Maio è un ragazzo venuto dal nulla, che si è ritrovato, in pochi anni, dallo strappare biglietti allo stadio San Paolo di Napoli all’essere, nell’ordine, deputato, capo politico del Movimento 5Stelle, vicepremier e ministro dell’Economia, prima, e degli Esteri, poi. Un quadruplo salto mortale, che deve avergli dato un tantino alla testa, facendogli perdere il senso della misura e del ridicolo.

Nel giro di un anno e mezzo, infatti, Di Maio ha portato il Movimento 5Stelle al governo, in un primo momento, con la Lega, e, successivamente, con i post-comunisti, contraddicendo, nei fatti, tutto quello che aveva sempre detto sui “poltronari” di professione, oltre che sui 5Stelle contrari a qualsiasi accordo con chicchessia. Non solo i grillini, pur di andare al governo, si sono accordati con Salvini, ma, per restarci, hanno raggiunto un compromesso anche con chi è più lontano dalle idee della Lega, vale a dire, Renzi, Pd e Leu. Ovviamente, questa doppia giravolta non è piaciuta a chi aveva dato il voto ai 5Stelle, sperando in un nuovo modo di intendere la politica, e tutte le ultime tornate elettorali – dalle Europee alle Regionali, passando per le Comunali – sono state delle vere e proprie Caporetto per Di Maio e compagnia.

In qualsiasi partito serio, la leadership di “Giggino” sarebbe stata messa in discussione, ma in un Movimento che di democrazia si riempie la bocca, ma che in realtà è diretto da due persone (Grillo e Casaleggio figlio), il dissenso è stato tacitato, blindando Di Maio. Il quale, a dire il vero, non era favorevole al Conte bis e all’alleanza con Renzi, Zingaretti e Bersani, ma – di fronte all’ipotesi di perdere tutto, sia la guida dei 5Stelle che la poltrona di ministro – si è insediato alla Farnesina, bevendo l’amaro calice dell’intesa con i post comunisti.

I risultati, però, continuano a essere drammatici per il Movimento, come testimonia l’ennesima disfatta in Umbria. E il governo continua a fare acqua da tutte le parti, a partire dalla vicenda dell’Ilva di Taranto, figlia, peraltro, anche dei tanti errori dello stesso Di Maio. “Giggino” si agita, prende in mano la situazione (o almeno ci prova) e fa più danni della grandine. Così, il secondo esecutivo Conte è perennemente sull’orlo della crisi, tra un braccio di ferro e uno scambio di accuse tra Di Maio, Renzi e Zingaretti.

Tutti contro tutti, insomma, ma con Di Maio sempre protagonista mediatico, malgrado tutte le sconfitte elettorali collezionate in questo anno e mezzo dovrebbero consigliargli prudenza e moderazione. Lui, al contrario, parla e sparla, imperversa in tv e sui giornali, non ci abbandona un attimo. E, allora, la domanda è d’obbligo: possibile che non si renda conto? Possibile che non capisca che, così facendo, danneggia il governo, rendendolo sempre più instabile?


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La cultura dell’odio

di Adriano Tilgher

Ieri e oggi ho incontrato, separatamente, due signore, una relativamente giovane, l’altra relativamente anziana ed entrambe hanno usato una frase priva di qualsiasi significato, ma che è diventata un ritornello sistematicamente ripetuto dai diffusori del pensiero unico globale: “Io sono contro la cultura dell’odio”.

In Italia hanno addirittura fatto una legge in tal senso. Ma cosa significa la cultura dell’odio? Chi è che coltiva l’odio? Ma soprattutto chi può sostenere che in vita sua non ha mai odiato?

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Beat Generation

La settimana scorsa abbiamo parlato a margine del nostro articolo Helter Skelter della paranoia di Charles Manson riguardo alle simbologie Naziste, in articoli precedenti, della vicinanza della cosiddetta Beat Generation a scrittori come Ezra Pound, o ad esperienze artistiche come il futurismo, semplici note ai margini della storia, questo è evidente, ma si può parlare di una fascinazione della Beat Generation Statunitense ad un certo linguaggio e/o ad una certa simbologia ? Nel 1967 Jean-Louis Kerouac, meglio noto come Jack Kerouac, considerato uno dei maggiori e più importanti scrittori statunitensi del XX secolo, nonché padre del movimento "beat", che con i scritti esplicitò le idee di liberazione, ad un incontro presentò una sorta di programma politico culturale per la Beat Generation...

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.