L'interesse personale dello "statista" Di Maio

“Giggino” Di Maio è un ragazzo venuto dal nulla, che si è ritrovato, in pochi anni, dallo strappare biglietti allo stadio San Paolo di Napoli all’essere, nell’ordine, deputato, capo politico del Movimento 5Stelle, vicepremier e ministro dell’Economia, prima, e degli Esteri, poi. Un quadruplo salto mortale, che deve avergli dato un tantino alla testa, facendogli perdere il senso della misura e del ridicolo.

Nel giro di un anno e mezzo, infatti, Di Maio ha portato il Movimento 5Stelle al governo, in un primo momento, con la Lega, e, successivamente, con i post-comunisti, contraddicendo, nei fatti, tutto quello che aveva sempre detto sui “poltronari” di professione, oltre che sui 5Stelle contrari a qualsiasi accordo con chicchessia. Non solo i grillini, pur di andare al governo, si sono accordati con Salvini, ma, per restarci, hanno raggiunto un compromesso anche con chi è più lontano dalle idee della Lega, vale a dire, Renzi, Pd e Leu. Ovviamente, questa doppia giravolta non è piaciuta a chi aveva dato il voto ai 5Stelle, sperando in un nuovo modo di intendere la politica, e tutte le ultime tornate elettorali – dalle Europee alle Regionali, passando per le Comunali – sono state delle vere e proprie Caporetto per Di Maio e compagnia.

In qualsiasi partito serio, la leadership di “Giggino” sarebbe stata messa in discussione, ma in un Movimento che di democrazia si riempie la bocca, ma che in realtà è diretto da due persone (Grillo e Casaleggio figlio), il dissenso è stato tacitato, blindando Di Maio. Il quale, a dire il vero, non era favorevole al Conte bis e all’alleanza con Renzi, Zingaretti e Bersani, ma – di fronte all’ipotesi di perdere tutto, sia la guida dei 5Stelle che la poltrona di ministro – si è insediato alla Farnesina, bevendo l’amaro calice dell’intesa con i post comunisti.

I risultati, però, continuano a essere drammatici per il Movimento, come testimonia l’ennesima disfatta in Umbria. E il governo continua a fare acqua da tutte le parti, a partire dalla vicenda dell’Ilva di Taranto, figlia, peraltro, anche dei tanti errori dello stesso Di Maio. “Giggino” si agita, prende in mano la situazione (o almeno ci prova) e fa più danni della grandine. Così, il secondo esecutivo Conte è perennemente sull’orlo della crisi, tra un braccio di ferro e uno scambio di accuse tra Di Maio, Renzi e Zingaretti.

Tutti contro tutti, insomma, ma con Di Maio sempre protagonista mediatico, malgrado tutte le sconfitte elettorali collezionate in questo anno e mezzo dovrebbero consigliargli prudenza e moderazione. Lui, al contrario, parla e sparla, imperversa in tv e sui giornali, non ci abbandona un attimo. E, allora, la domanda è d’obbligo: possibile che non si renda conto? Possibile che non capisca che, così facendo, danneggia il governo, rendendolo sempre più instabile?


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Sindaci, sardine e MES

di Adriano Tilgher

Come è strana questa Italia, ci vogliono far credere che siamo tutti stupidi e non capiamo le cose.

Ci vogliono convincere che loro sono buoni e noi siamo cattivi, loro sono nel giusto e noi abbiamo torto, loro hanno la verità e noi siamo portatori della menzogna, quella che con lingua fredda e povera di vocaboli, ma oggi molto di moda, viene detta “fake news”. (E’ la lingua dell’impero).

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

L'esoterismo di René Guénon

1979, Franco Battiato pubblica uno dei suoi lp più importanti, l'era del cinghiale bianco, album che contiene oltre al brano che da titolo all'album, Il Re del mondo e magic shop, ispirati alle letture Guènoniane e del Bhagavad Gita. René Guénon nasce a Blois, in Francia il 15 novembre 1886, intellettuale, filosofo, esoterista insieme a Julius Evola codificatore di una corrente di pensiero chiamata perennialismo.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.