Il Governo del fallimento

Abbiamo questo grande conto del Papeete, che ci è stato lasciato da pagare, e dobbiamo farlo in modo equilibrato, senza danneggiare la crescita, trovando le soluzioni e anche la giusta mediazione tra le posizioni in campo”. A parlare così, in tv, nella sua prima vera uscita pubblica, è stato Roberto Gualtieri, ministro dell’Economia del cosiddetto governo giallorosso. Parole che, ovviamente, sono state salutate dalle ovazioni delle folle di giornalisti-tifosi dell’attuale esecutivo, così come è stata accolta da una vera e propria “ola” da stadio un’altra affermazione forte del simpatico ministro: “Il nostro è un governo pro-europeo, senza se e senza ma”.

Forse qualcuno aveva dubbi sull’europeismo di un esecutivo e di un ministro dell’Economia pretesi proprio da Bruxelles, dalla Merkel e da Macron, oltre che dai potentati economici e finanziari? Forse qualcuno si era scordato che il professor Gualtieri è uno storico e non un economista, eppure è titolare del dicastero dell’Economia? Chissà, ma, a scanso di equivoci, Gualtieri ha voluto sottolineare pubblicamente la sua devozione e la sua totale sottomissione a chi lo ha voluto su quella poltrona, per fare gli interessi di tutti, fuorché degli italiani.

Non a caso, il professore, dopo aver omaggiato i suoi “padroni”, non ha citato alcuna soluzione vera, per dare respiro a cittadini e imprenditori. Niente di niente. Ha fatto ciò che fanno tutti coloro che non hanno soluzioni: ha accusato i suoi predecessori, con la battuta (poco originale) sul Papeete, dimenticando, peraltro, che in quell’esecutivo c’erano anche i suoi attuali alleati a cinque stelle e, dunque, non ha senso attaccare il solo Salvini. Il problema vero è che, quando si va sui contenuti, quando si chiede conto di quelle che saranno le azioni dell’esecutivo giallorosso, Gualtieri si rifugia in frasi che non riescono a nascondere il vuoto, che è alla base di questa innaturale alleanza.

Gli italiani, però, sono ancora capaci di intendere e di volere e, magari, andranno a leggersi l’accordo sottoscritto da Pd e 5Stelle. Sì, perché è proprio in quei 29 punti che si certifica il nulla, la grande truffa che ha portato a questo matrimonio. Basta andare al capitolo “Ambiente”, quello che dovrebbe essere uno degli elementi-cardine dell’intesa, per comprendere bene come si sia in presenza di un enorme bluff: “Il Governo intende realizzare un Green New Deal, che comporti un radicale cambio di paradigma culturale”. Parole vuote, senza alcun senso. E certo non conforta leggere quanto il seguito, che si pone come obiettivo “…inserire la protezione dell’ambiente e della biodiversità tra i principi fondamentali del nostro sistema costituzionale”. Niente di più facile, per una maggioranza che, a malapena, riuscirà a far passare qualche legge a maggioranza semplice. Figuriamoci quanto è realistico proporsi di modificare addirittura la Costituzione.

Siamo alla farsa, insomma, e l’unica strada che il nostro Paese ha davanti è quella di nuove elezioni. Probabilmente, arriveranno a primavera e allora dobbiamo augurarci che il Governo del Fallimento, impostoci dall’Europa, non riesca a fare i danni che vorrebbero a Bruxelles, dove si ha un obiettivo chiarissimo: rendere quasi impossibile governare a chi arriverà dopo questo sciagurato esecutivo.

L’auspicio, in definitiva, è che Pd e 5Stelle implodano ancor prima di riuscire a mettere le mani nei portafogli degli italiani e che il futuro governo, quasi certamente a trazione leghista, riesca a realizzare tutto quello – dalla flat tax in poi – che la frangia sinistrorsa dei 5Stelle ha reso impossibile al governo gialloverde.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

ILVA: l'Italia massacrata

di Adriano Tilgher

“Dilettanti allo sbaraglio” è stata una delle definizioni meno offensive nei riguardi del governo Conte, Di Maio e Zingaretti, da me provocatoriamente definito governo Renzi, dal nome di chi li controlla e li gestisce a suo piacere. La definizione sembra “azzeccata”, ma lo è solo nella prima parte perché ad essere sbaragliati non sono i “dilettanti” ma gli Italiani e l’Italia tutta, che si sta coprendo di ridicolo e si sta giocando quello che rimane della sua capacità industriale.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco


 

Banda Bassotti

Enniskillen, contea di Fermanagh, Irlanda del Nord, 7 aprile 1894, nasce Charles Duff, fu autore di libri sull'apprendimento delle lingue fra cui "Italiano per principianti", e “Italiano per adulti”. Duff prestò servizio come ufficiale della marina britannica durante la Prima guerra mondiale e poi nella divisione di intelligence del Foreign Office, si dimise negli anni '30, sostenendo la propria solidarietà ai fascismi, e pronto a sostenere un sistema simile anche in Gran Bretagna. Fra i suoi libri più conosciuti "Manuale del boia" pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1928, tradotto in varie lingue, (in Italia è uscito per la Adelphi), il testo, una dissertazione agghiacciante e sarcastica di come si impicca un condannato, tecniche, e particolari, dalle dimensioni della corda, ad un gioco di contrappesi, fatto con sacchi di iuta pieni di sabbia. George Norman Douglas, scrittore britannico, famoso per il suo romanzo Vento del sud Scrisse: «Se ne avessi il potere, vorrei che su ogni tavolino (..), per la prima colazione, ci fosse una copia di questo libro».

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.