Il Ribaltone dei Vaffa-boys

Erano quelli del Vaffa, erano quelli del “mai accordi con i partiti”; erano quelli che definivano Renzi “l’ebetino”; erano quelli che si attribuivano l’etichetta di anti-politica. Erano, perché dal 3 settembre 2019 - giorno in cui, sulla piattaforma Rousseau, il 79 per cento dei 79.634 iscritti grillini votanti ha detto sì al governo che unisce in matrimonio Pd e 5Stelle -  nessuno più, tra i militanti del Movimento 5Stelle, potrà invocare questa “differenza”, questa supposta “superiorità” (quale???) rispetto a tutto il resto dell’universo politico.

Dal 3 settembre, il Movimento 5Stelle, semmai prima sia stato davvero qualcosa di diverso, è un partito come tutti gli altri, che ha, tra i suoi obiettivi principali, non il bene dei cittadini, ma il raggiungimento e la conservazione, a tutti i costi, di posizioni di potere.

Quel che è avvenuto - e sta avvenendo - col governo Conte bis è qualcosa di vergognoso, che lascia esterrefatti. L’obiettivo unico di tutti gli attori principali di questa vicenda non era certo quello di salvare, ma fermare l’ascesa di Matteo Salvini, che in caso di elezioni politiche avrebbe stravinto.
Lui, il Capitano della Lega, ha facilitato il compito ai suoi nemici, con il clamoroso autogol dell’8 agosto, quando ha staccato la spina al governo gialloverde. Si è fidato, Salvini, non solo delle parole di quasi tutti gli esponenti del Pd - che a fine luglio definivano “impossibile” e “impensabile” un’intesa con i 5Stelle - ma delle decisioni di un organismo ufficiale, quale la Direzione del Partito Democratico, che il 26 luglio scorso ha approvato la relazione del segretario Zingaretti, nella quale si chiudeva a la porta a qualsiasi futuro accordo col  Movimento di Grillo, assicurando che, in caso di crisi, il Pd avrebbe chiesto elezioni immediate.

È stato ingenuo, Matteo Salvini, perché gli infimi personaggi del Pd, appena scoppiata la crisi, si sono affannati a dire che “per il bene del Paese” era “necessario cercare di salvare la legislatura, anche accordandosi coi 5Stelle”. Il primo è stato Renzi, cui ha fatto seguito Zingaretti: pur di non votare, hanno smentito se stessi e la loro storia recente, cedendo ai diktat di chi li ha insultati per anni.

Il Pd, in tutte le sue sfaccettature, lo conosciamo, però, da sempre e non riusciamo a meravigliarci, davanti a una giravolta, che comporta l’ennesima rinuncia alla dignità. Ma la nascita del governo Conte bis segna, a nostro giudizio, l’inizio della fine del Movimento 5Stelle. Un conto era il governo del cambiamento, con una forza politica fresca e innovatrice, come la Lega di Salvini, ben diverso è sedersi al tavolo del Consiglio dei ministri, con Franceschini e compagnia. Un conto era trattare con l’Europa a petto in fuori, come stava facendo Matteo Salvini, diverso è mettersi proni, davanti agli ordini di Bruxelles e delle banche, come farà, senza ombra di dubbio, il Conte bis, che è già stato accolto da una benevola riduzione dello spread, gentile omaggio di finanzieri e banchieri, per aver eliminato il pericolo-Salvini e per tutto ciò che cercherà di fare nei prossimi mesi, favorendo i potenti e punendo i cittadini italiani.

Alla fine, ci risiamo. Pagheremo noi, come sempre. Ma stavolta grazie al Ribaltone di quei Vaffa-boys, che volevano cambiare l’Italia e l’Europa. E, invece, sono stati cambiati loro, dalle poltrone, dalle auto blu e da tutto ciò che significa essere ministri o, comunque, uomini di governo, che hanno in testa non il bene comune, ma l’interesse personale. Non hanno capito, però, che il tradimento delle loro radici, delle loro origini, del motivo stesso per cui erano arrivati tanto in alto, sarà, inevitabilmente, la causa della loro morte politica.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

A chi appartiene il domani?

di Adriano Tilgher

Io non so se questa pandemia sia vera o inventata, non so se sia stata creata in laboratorio o trasferita dai pipistrelli, non so dove inizi la verità e dove la menzogna (che i più schiavi di tutti chiamano “fake news”), ma soprattutto non so dove andremo a finire. Sicuramente so che di questo Covid 19 pochi sanno qualcosa che viene spesso trasformata e imbrogliata da chi, al servizio di interessi terzi, ha inteso approfittarne per incutere terrore nella gente affinché tutti accettassero di non vivere per evitare di morire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

No Vax no Dux

30 maggio 1431 Giovanna d'Arco morì arsa viva dopo un processo per eresia. 14 maggio 2020 la deputata del gruppo misto Sara Cunial, eletta con il movimento 5 stelle, ed espulsa ad aprile 2019 ha tenuto un discorso alla Camera, in cui ha criticato il governo per la gestione dell’emergenza coronavirus. Nella lettura del discorso, tenuto con voce tremolante ma di forte impatto emotivo, ha sferrato un attacco diretto al Presidente del Consiglio Conte, al Presidente della Repubblica, a Big Pharma a Bil Gates e a tutto ciò che gira intorno a varie teorie, considerate di controllo da alcuni, e di complotto da altri.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.