RaiSport in fiamme, direttore alle corde

La spartizione in Rai, anche col governo del cambiamento, è andata in scena come sempre: un direttore a me, due vicedirettori a te, quattro caporedattori a tutti e due, qualche scarto alle opposizioni. Così, come di consueto, le testate giornalistiche più importanti della Rai hanno visto assurgere al ruolo di protagonisti non i più bravi, ma i più “vicini” ai politici forti del momento. Una vergogna che si ripete, alla faccia del contribuente, oggi addirittura costretto a pagare il canone con la bolletta dell’elettricità.


In questo contesto, tra le direzioni più ambite c’è quella di RaiSport, per tutta una serie di motivi, non sempre nobili: i rapporti con le miliardarie squadre di calcio, i diritti tv, il Giro d’Italia e tutto il suo indotto e via discorrendo. La volata per la carica di direttore è stata vinta, qualche mese fa, da Auro Bulbarelli, in quota Lega. L’appoggio, però, è arrivato anche dai 5Stelle, che in cambio hanno chiesto tutela per il loro uomo di fiducia all’interno di RaiSport, vale a dire Enrico Varriale, nominato vicedirettore.


Tutto a posto e palla al centro? Assolutamente no. Varriale, infatti, non si è accontentato della vicedirezione e ha preteso, per la stagione 2019/2020, la conduzione della storica trasmissione “Novantesimo Minuto”. Impossibile, gli è stato risposto, perché direttori e vicedirettori non possono condurre trasmissioni, in base a una precisa regola interna.


Niente è impossibile, però, per chi ha agganci forti: così, l’amministratore delegato Rai, Salini, ha concesso a Varriale una deroga - negata, nel recente passato, a molti altri vicedirettori - grazie alla quale il direttore Bulbarelli ha scritto un ordine di servizio “ferragostano”, indicando Varriale come conduttore della prossima edizione di “Novantesimo Minuto”. Subito, è scattata la rivolta, capitanata dal Comitato di Redazione, che ha emesso un comunicato durissimo contro Bulbarelli.
Sarebbe, a dire il vero, una notizia da “chissenefrega”, se non nascondesse l’ostinazione di certi personaggi, che si sentono superprotetti, di fare ciò che vogliono, senza preoccuparsi minimamente degli utenti finali del loro lavoro, vale a dire i telespettatori, che pagano il canone. Bulbarelli, peraltro, si era presentato con un piano editoriale che inneggiava al cambiamento, alle pari opportunità e quant’altro e, invece, ripropone il vecchio più vecchio.


Vogliamo dirlo chiaramente: direttori di questo tipo sono la rovina di un’Azienda, la Rai, che è patrimonio di tutti noi. Quest’estate abbiamo vissuto una bellissima esperienza, col Mondiale femminile, e proprio RaiSport è stata protagonista, grazie a tanti volti nuovi, in particolare femminili, che hanno portato una ventata di freschezza e ascolti impensabili. Appare, perciò, come un suicidio riproporre - peraltro con una forzatura - personaggi come Varriale per la prossima stagione calcistica. Non si possono lasciare in panchina risorse importanti, per mera antipatia personale, come ha denunciato il Comitato di redazione. Nell’ordine di servizio di Bulbarelli non compaiono nomi di giornalisti e giornaliste, che hanno già dimostrato di piacere al pubblico: pensiamo a Paolo Paganini, Fabrizio Tumbarello, Monica Matano, Franco Lauro, Arianna Secondini. Che fine hanno fatto?


Direttore, è ancora in tempo per fare marcia indietro ed evitare che, entro poche settimane, RaiSport diventi un terreno di battaglia ingovernabile. A chi giova un ritorno all’antico, che peraltro lei aveva promesso di voler mettere definitivamente da parte? Ci pensi. E cerchi di recuperare credibilità tra chi ha sostenuto la sua corsa e, soprattutto, tra i suoi amici, che assistono basiti a questo inspiegabile scempio.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

ILVA: l'Italia massacrata

di Adriano Tilgher

“Dilettanti allo sbaraglio” è stata una delle definizioni meno offensive nei riguardi del governo Conte, Di Maio e Zingaretti, da me provocatoriamente definito governo Renzi, dal nome di chi li controlla e li gestisce a suo piacere. La definizione sembra “azzeccata”, ma lo è solo nella prima parte perché ad essere sbaragliati non sono i “dilettanti” ma gli Italiani e l’Italia tutta, che si sta coprendo di ridicolo e si sta giocando quello che rimane della sua capacità industriale.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco


 

Banda Bassotti

Enniskillen, contea di Fermanagh, Irlanda del Nord, 7 aprile 1894, nasce Charles Duff, fu autore di libri sull'apprendimento delle lingue fra cui "Italiano per principianti", e “Italiano per adulti”. Duff prestò servizio come ufficiale della marina britannica durante la Prima guerra mondiale e poi nella divisione di intelligence del Foreign Office, si dimise negli anni '30, sostenendo la propria solidarietà ai fascismi, e pronto a sostenere un sistema simile anche in Gran Bretagna. Fra i suoi libri più conosciuti "Manuale del boia" pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1928, tradotto in varie lingue, (in Italia è uscito per la Adelphi), il testo, una dissertazione agghiacciante e sarcastica di come si impicca un condannato, tecniche, e particolari, dalle dimensioni della corda, ad un gioco di contrappesi, fatto con sacchi di iuta pieni di sabbia. George Norman Douglas, scrittore britannico, famoso per il suo romanzo Vento del sud Scrisse: «Se ne avessi il potere, vorrei che su ogni tavolino (..), per la prima colazione, ci fosse una copia di questo libro».

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.