Caso Logli-Ragusa, un colpevole annunciato

Antonio Logli, il marito di Roberta Ragusa, dovrà scontare venti anni di carcere, per l’omicidio e la distruzione del cadavere della moglie. Alla fine, dunque, è andato tutto come doveva andare, come voleva la maggioranza degli italiani e, soprattutto, come avevano già deciso i giudici di primo e secondo grado: la Cassazione non ha fatto altro che certificare che i processi si erano svolti secondo legge.

Tutto bene, dunque? Assolutamente no, perché la condanna di Logli lascia un lungo strascico di polemiche e, quel che è peggio, tanti tanti dubbi, perché a carico del marito di Roberta Ragusa, scomparsa dalla sua casa di Gello (Pisa) la notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012, non c’è una sola prova. Tanti indizi, sì, ma nemmeno una prova. Il castello costruito dagli accusatori - dopo che la Cassazione, nel 2016, aveva annullato il proscioglimento di Logli e ordinato un nuovo processo - è stato tenuto in piedi da un elemento principale: Logli era l’unico che poteva avere interesse a far sparire la moglie, perché aveva un’amante (la baby sitter Sarà Calzolaio), e non esistono ipotesi alternative. Quindi, si è ipotizzato, quella sera Roberta lo ha scoperto, lui l’ha uccisa e ha fatto sparire il corpo. Parole, congetture, ma nessuna prova. È solo un testimone, Loris Gozi, saltato fuori dopo un anno dalla scomparsa della Ragusa, sostenendo di aver visto un uomo e una donna (senza riconoscerli) litigare vicino a casa Logli e, poi, lui costringere lei a entrare in una macchina, che potrebbe essere una delle auto della famiglia Logli.

Poco, troppo poco, per condannare una persona a venti anni di carcere. È vero che la logica dice che è molto difficile che una donna scompaia, in pigiama e in ciabatte, di notte in pieno inverno, abbandonando i figli, che adorava; ma, se non si hanno prove, non si può escludere, ad esempio, che la Ragusa, magari dopo aver litigato col marito, sia uscita in strada e abbia incontrato qualcuno che le abbia fatto del male. E non si può certo dare credito, come invece è stato fatto, a un testimone che si è ricordato di aver visto qualcosa solo dopo un anno dalla scomparsa della Ragusa e che si è contraddetto più volte, mentre è stato giudicato inattendibile il testimone che diceva di aver visto Roberta salire su una macchina diversa da quella di Logli la notte della scomparsa. Così come non è mai stata presa in considerazione la testimonianza di una ex compagna di scuola della Ragusa, che sosteneva di averla incontrata al supermercato, in pigiama e ciabatte, la mattina del 14 gennaio.

In definitiva, il caso Ragusa è chiuso solo per la giustizia, ma non per gli avvocati e i familiari di Antonio Logli, che si batteranno per la revisione del processo. A partire dai due figli, che hanno sempre difeso il padre, accusato di aver ucciso la loro mamma. “Non è possibile”, hanno sempre detto Daniele e Alessia. Ma l’opinione pubblica voleva un colpevole e il colpevole perfetto adesso c’è.
Noi non entriamo nel merito della vicenda, non sta a noi stabilire se Logli è colpevole o meno. Ma sappiamo, questo sì, che, per condannare qualcuno, sono necessarie prove, che convincano i giudici, oltre ogni ragionevole dubbio. Qui, invece, abbiamo una condanna a venti anni di carcere, sulla base di indizi, suggestioni, ipotesi: le prove sono un’altra cosa. Così come, dispiace dirlo, è un’altra cosa la Giustizia che si aspettano i cittadini: una Giustizia equa e, soprattutto, fatta di certezze. Quelle che il caso Logli-Ragusa fa vacillare in modo davvero preoccupante.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'ovvio diventa legge

di Adriano Tilgher

Quando ero ragazzino era normale in tutte, o quasi tutte, le famiglie italiane lavarsi accuratamente le mani ogni volta che si rientrava in casa, quando si starnutiva usare un fazzoletto per coprirsi naso e bocca, quando si mangiava non parlare con il boccone in bocca, quando si stava nei luoghi pubblici, anche in quelli mobili, occorreva stare composti e cedere il posto a sedere alle persone anziane ed alle donne ed era assolutamente vietato sputare.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

L'amore ai tempi del Coronavirus

È il 1985: lo scrittore Colombiano premio Nobel per la letteratura Gabriel García Márquez dà alle stampe il romanzo L'amore ai  tempi del colera, romanzo da inserire in una speciale classifica che narra di sentimenti e vita, Eros e Thanatos, divinità del phanteon greco riciclate da Freud, che vanno ad indicare 2 tipi di pulsioni, quella per la vita" ("Eros"), comprendente libido e autoconservazione, e quella di morte" ("Thanatos"), che si manifesta in tendenze autodistruttive. L'amore e la malattia, il colera di Márquez, la peste descritta dal Manzoni nei Promessi sposi, mutuata da Boccaccio, che...

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.