La vera "monnezza" è questa politica

Roma è ridotta in uno stato talmente pietoso che qualcuno arriva a rimpiangere sindaci del passato, che pure hanno fatto danni in abbondanza. Il livello di inefficienza di questa Giunta comunale, del resto, è davvero ai limiti del ridicolo: non c’è un solo problema, affrontato da Virginia Raggi e dai suoi assessori, che si possa dire risolto.

L’elenco è lungo ed è lo stesso che aveva fatto proprio la Raggi in campagna elettorale, promettendo di restituire dignità e vivibilità alla Capitale: chiunque non viva chiuso ventiquattr’ore dentro al suo appartamento, però, sa bene che il traffico è addirittura peggiorato, rispetto al passato, anche per le cervellotiche scelte in tema di lavori stradali, effettuati sempre in periodi e orari sbagliati, così da paralizzare la circolazione;  le buche, malgrado abbiano mietuto vittime tra centauri e automobilisti, non sono mai state riparate in modo organico e l’asfalto di Roma continua a essere una specie di groviera, che in alcune zone si trasforma in un percorso di montagne russe, a causa delle radici degli alberi, che hanno deformato il manto stradale, nell’indifferenza dell’Amministrazione capitolina; i trasporti pubblici, tra dichiarazioni d’intenti, tagli e nomine scellerate, sono stati praticamente distrutti dalla Giunta Raggi, incapace addirittura di riaprire per mesi stazioni della metro, chiuse per inagibilità di scale mobili o altri inconvenienti tutt’altro che irrisolvibili, in una società civile; il problema dei rifiuti doveva essere preso di petto fin dall’insediamento della nuova Amministrazione e, invece, dopo oltre tre anni di Raggi ci ritroviamo con le strade e i marciapiedi invasi dalla “monnezza”.

Eppure l’ineffabile Virginia Raggi continua a twittare e a postare video su Facebook, denunciando non la sua totale incapacità, ma la Giunta Regionale, guidata da Nicola Zingaretti, a suo dire la vera colpevole dello stallo della raccolta dei rifiuti a Roma. È vero, senza ombra di dubbio, che anche sul versante dei rifiuti la Regione Lazio è totalmente assente, in perfetto stile Zingaretti: mai prendere una decisione, se non costretti dall’emergenza. Ma è altrettanto vero che, così come ha fatto con Atac, la Raggi e i suoi assessori hanno ridotto l’Ama, che deve occuparsi della raccolta dei rifiuti, all’inefficienza totale, tra tagli, licenziamenti e nomine disastrose. Si è scambiata, ancora una volta, la propaganda con la realtà e i risultati fallimentari di questa gestione li pagano i romani.
La verità è che la vera “monnezza” è questa politica che non decide e, quando lo fa, immancabilmente sbaglia. Basti pensare che sabato scorso il sindaco Raggi, per dimostrare che l’ordinanza della Regione sui rifiuti non funzionava, è partita alla volta di un impianto di raccolta rifiuti, ad Aprilia, postando un video, nel quale si vedeva che i cancelli erano chiusi. E questa sarebbe stata la dimostrazione che i siti indicati dalla Regione disattendevano l’ordinanza e, dunque, Zingaretti bluffava. Piccolo particolare: l’impianto scelto dalla Raggi non era tra quelli previsti dalla Regione Lazio.

Ecco, questa è la politica con la quale ci dobbiamo confrontare: esibizionista, incapace, disattenta, pronta a puntare il dito contro gli altri, ma mai in grado di risolvere un problema. In una parola: una “monnezza”.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

ILVA: l'Italia massacrata

di Adriano Tilgher

“Dilettanti allo sbaraglio” è stata una delle definizioni meno offensive nei riguardi del governo Conte, Di Maio e Zingaretti, da me provocatoriamente definito governo Renzi, dal nome di chi li controlla e li gestisce a suo piacere. La definizione sembra “azzeccata”, ma lo è solo nella prima parte perché ad essere sbaragliati non sono i “dilettanti” ma gli Italiani e l’Italia tutta, che si sta coprendo di ridicolo e si sta giocando quello che rimane della sua capacità industriale.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco


 

Banda Bassotti

Enniskillen, contea di Fermanagh, Irlanda del Nord, 7 aprile 1894, nasce Charles Duff, fu autore di libri sull'apprendimento delle lingue fra cui "Italiano per principianti", e “Italiano per adulti”. Duff prestò servizio come ufficiale della marina britannica durante la Prima guerra mondiale e poi nella divisione di intelligence del Foreign Office, si dimise negli anni '30, sostenendo la propria solidarietà ai fascismi, e pronto a sostenere un sistema simile anche in Gran Bretagna. Fra i suoi libri più conosciuti "Manuale del boia" pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1928, tradotto in varie lingue, (in Italia è uscito per la Adelphi), il testo, una dissertazione agghiacciante e sarcastica di come si impicca un condannato, tecniche, e particolari, dalle dimensioni della corda, ad un gioco di contrappesi, fatto con sacchi di iuta pieni di sabbia. George Norman Douglas, scrittore britannico, famoso per il suo romanzo Vento del sud Scrisse: «Se ne avessi il potere, vorrei che su ogni tavolino (..), per la prima colazione, ci fosse una copia di questo libro».

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.