Zingaretti e la farsa dell'unità

“Il nostro obiettivo, nella circoscrizione del Centro Italia, è quello di far eleggere Massimiliano Smeriglio: è una questione di vita o di morte, dobbiamo impegnarci tutti al massimo per evitare che passino solo i candidati renziani”. È questo il mantra di Nicola Zingaretti e dei suoi fedelissimi, in vista delle elezioni europee del 26 maggio.

Il quadro, infatti, è abbastanza chiaro: il Pd, nel Centro Italia, potrà esprimere tre/quattro candidati, a meno di exploit, che i sondaggi indicano come altamente improbabili. La renziana di ferro Simona Bonafè, capolista e con un grande seguito personale, è praticamente certa del seggio a Strasburgo. Ne restano due, al massimo tre, e il secondo sembra “prenotato” da David Sassoli, il popolare ex conduttore del Tg1. C’è, quindi, un solo posto sicuro a disposizione e Zingaretti vuole, con tutte le sue forze, che vada a Massimiliano Smeriglio, attuale vicepresidente della Giunta Regionale del Lazio.

Smeriglio è uomo di potere, con un passato da ultrà di sinistra. Negli anni a via Cristoforo Colombo, però, si è molto ammorbidito, apprezzando i vantaggi delle poltrone importanti, ed è diventato il più fidato alleato di Zingaretti, che, in più di un’occasione, ha fatto di tutto per accontentarlo. E oggi il nuovo segretario del Pd proprio sulla figura di Smeriglio si gioca buona parte della sua credibilità: se riuscirà a mandarlo in Europa, dimostrerà di avere un forte peso elettorale; in caso contrario, la sua avventura al Nazareno comincerà col piede sbagliato.

La battaglia, però, è durissima, perché per il terzo posto sicuro (o quasi) per il Pd a Strasburgo, nella Circoscrizione Centro Italia, c’è un candidato forte, anzi fortissimo: l’eurodeputato uscente Nicolò Danti, fedelissimo di Matteo Renzi, che in Toscana farà il pieno di preferenze, grazie al “ticket” con Simona Bonafè. 

È vero che, se per il Pd non sarà un massacro, il quarto seggio dovrebbe scattare, ma è altrettanto vero che il segretario non vuole rischiare e, dunque, Smeriglio “deve” prendere almeno un voto in più di Danti. È per questo motivo che in Giunta e in Consiglio regionale gli uomini di Zinga, da tempo, a tutto pensano, fuorché ai cittadini della Regione Lazio. In testa hanno solo l’accoppiata Smeriglio-Novelli (Lina, l’altra candidata “portata” da Zingaretti e compagnia) e il solito nemico. Salvini? Assolutamente no. Matteo Renzi l’uomo che il segretario e i suoi tirapiedi vogliono uccidere politicamente.

Con buona pace dell’unità del partito, che Zingaretti continua a evocare come valore assoluto. Ma si sa: il fratello del commissario Montalbano, da sempre, dice una cosa e ne fa un’altra. Lo sanno bene i cittadini del Lazio, ormai da sei anni governati a colpi di annunci vuoti, che non hanno prodotto alcun risultato. E ora Zingaretti vuole esportare il suo Modello Lazio - tanti favori agli amici e agli amici degli amici e nessun fatto - anche in Europa, con un pezzo da novanta di questo sistema, qual è Massimiliano Smeriglio. Sinceramente, gli auguriamo di non riuscirci.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Lettera aperta al Presidente della Repubblica

di Adriano Tilgher

Egr. Presidente,

nel farLe gli auguri per l’odierno Ferragosto, non posso esimermi dall’esprimerLe la mia solidarietà per le difficili scelte che sono nelle Sue mani.

L’Italia è in un momento critico della sua storia...

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco


 

Elettroshock

1991. Dopo la cacciata del dittatore Siad Barre Somalia cadde nel caos il paese era nuovamente frammentato nelle antiche fazioni tribali. In poco tempo la Somalia si era trovata spaccata in due: chi sosteneva il presidente provvisorio Ali Mahdi e chi il capo militare Farah Aidid.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.