Zingaretti e la farsa dell'unità

“Il nostro obiettivo, nella circoscrizione del Centro Italia, è quello di far eleggere Massimiliano Smeriglio: è una questione di vita o di morte, dobbiamo impegnarci tutti al massimo per evitare che passino solo i candidati renziani”. È questo il mantra di Nicola Zingaretti e dei suoi fedelissimi, in vista delle elezioni europee del 26 maggio.

Il quadro, infatti, è abbastanza chiaro: il Pd, nel Centro Italia, potrà esprimere tre/quattro candidati, a meno di exploit, che i sondaggi indicano come altamente improbabili. La renziana di ferro Simona Bonafè, capolista e con un grande seguito personale, è praticamente certa del seggio a Strasburgo. Ne restano due, al massimo tre, e il secondo sembra “prenotato” da David Sassoli, il popolare ex conduttore del Tg1. C’è, quindi, un solo posto sicuro a disposizione e Zingaretti vuole, con tutte le sue forze, che vada a Massimiliano Smeriglio, attuale vicepresidente della Giunta Regionale del Lazio.

Smeriglio è uomo di potere, con un passato da ultrà di sinistra. Negli anni a via Cristoforo Colombo, però, si è molto ammorbidito, apprezzando i vantaggi delle poltrone importanti, ed è diventato il più fidato alleato di Zingaretti, che, in più di un’occasione, ha fatto di tutto per accontentarlo. E oggi il nuovo segretario del Pd proprio sulla figura di Smeriglio si gioca buona parte della sua credibilità: se riuscirà a mandarlo in Europa, dimostrerà di avere un forte peso elettorale; in caso contrario, la sua avventura al Nazareno comincerà col piede sbagliato.

La battaglia, però, è durissima, perché per il terzo posto sicuro (o quasi) per il Pd a Strasburgo, nella Circoscrizione Centro Italia, c’è un candidato forte, anzi fortissimo: l’eurodeputato uscente Nicolò Danti, fedelissimo di Matteo Renzi, che in Toscana farà il pieno di preferenze, grazie al “ticket” con Simona Bonafè. 

È vero che, se per il Pd non sarà un massacro, il quarto seggio dovrebbe scattare, ma è altrettanto vero che il segretario non vuole rischiare e, dunque, Smeriglio “deve” prendere almeno un voto in più di Danti. È per questo motivo che in Giunta e in Consiglio regionale gli uomini di Zinga, da tempo, a tutto pensano, fuorché ai cittadini della Regione Lazio. In testa hanno solo l’accoppiata Smeriglio-Novelli (Lina, l’altra candidata “portata” da Zingaretti e compagnia) e il solito nemico. Salvini? Assolutamente no. Matteo Renzi l’uomo che il segretario e i suoi tirapiedi vogliono uccidere politicamente.

Con buona pace dell’unità del partito, che Zingaretti continua a evocare come valore assoluto. Ma si sa: il fratello del commissario Montalbano, da sempre, dice una cosa e ne fa un’altra. Lo sanno bene i cittadini del Lazio, ormai da sei anni governati a colpi di annunci vuoti, che non hanno prodotto alcun risultato. E ora Zingaretti vuole esportare il suo Modello Lazio - tanti favori agli amici e agli amici degli amici e nessun fatto - anche in Europa, con un pezzo da novanta di questo sistema, qual è Massimiliano Smeriglio. Sinceramente, gli auguriamo di non riuscirci.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La cultura dell’odio

di Adriano Tilgher

Ieri e oggi ho incontrato, separatamente, due signore, una relativamente giovane, l’altra relativamente anziana ed entrambe hanno usato una frase priva di qualsiasi significato, ma che è diventata un ritornello sistematicamente ripetuto dai diffusori del pensiero unico globale: “Io sono contro la cultura dell’odio”.

In Italia hanno addirittura fatto una legge in tal senso. Ma cosa significa la cultura dell’odio? Chi è che coltiva l’odio? Ma soprattutto chi può sostenere che in vita sua non ha mai odiato?

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Beat Generation

La settimana scorsa abbiamo parlato a margine del nostro articolo Helter Skelter della paranoia di Charles Manson riguardo alle simbologie Naziste, in articoli precedenti, della vicinanza della cosiddetta Beat Generation a scrittori come Ezra Pound, o ad esperienze artistiche come il futurismo, semplici note ai margini della storia, questo è evidente, ma si può parlare di una fascinazione della Beat Generation Statunitense ad un certo linguaggio e/o ad una certa simbologia ? Nel 1967 Jean-Louis Kerouac, meglio noto come Jack Kerouac, considerato uno dei maggiori e più importanti scrittori statunitensi del XX secolo, nonché padre del movimento "beat", che con i scritti esplicitò le idee di liberazione, ad un incontro presentò una sorta di programma politico culturale per la Beat Generation...

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.