Zingaretti e la farsa dell'unità

“Il nostro obiettivo, nella circoscrizione del Centro Italia, è quello di far eleggere Massimiliano Smeriglio: è una questione di vita o di morte, dobbiamo impegnarci tutti al massimo per evitare che passino solo i candidati renziani”. È questo il mantra di Nicola Zingaretti e dei suoi fedelissimi, in vista delle elezioni europee del 26 maggio.

Il quadro, infatti, è abbastanza chiaro: il Pd, nel Centro Italia, potrà esprimere tre/quattro candidati, a meno di exploit, che i sondaggi indicano come altamente improbabili. La renziana di ferro Simona Bonafè, capolista e con un grande seguito personale, è praticamente certa del seggio a Strasburgo. Ne restano due, al massimo tre, e il secondo sembra “prenotato” da David Sassoli, il popolare ex conduttore del Tg1. C’è, quindi, un solo posto sicuro a disposizione e Zingaretti vuole, con tutte le sue forze, che vada a Massimiliano Smeriglio, attuale vicepresidente della Giunta Regionale del Lazio.

Smeriglio è uomo di potere, con un passato da ultrà di sinistra. Negli anni a via Cristoforo Colombo, però, si è molto ammorbidito, apprezzando i vantaggi delle poltrone importanti, ed è diventato il più fidato alleato di Zingaretti, che, in più di un’occasione, ha fatto di tutto per accontentarlo. E oggi il nuovo segretario del Pd proprio sulla figura di Smeriglio si gioca buona parte della sua credibilità: se riuscirà a mandarlo in Europa, dimostrerà di avere un forte peso elettorale; in caso contrario, la sua avventura al Nazareno comincerà col piede sbagliato.

La battaglia, però, è durissima, perché per il terzo posto sicuro (o quasi) per il Pd a Strasburgo, nella Circoscrizione Centro Italia, c’è un candidato forte, anzi fortissimo: l’eurodeputato uscente Nicolò Danti, fedelissimo di Matteo Renzi, che in Toscana farà il pieno di preferenze, grazie al “ticket” con Simona Bonafè. 

È vero che, se per il Pd non sarà un massacro, il quarto seggio dovrebbe scattare, ma è altrettanto vero che il segretario non vuole rischiare e, dunque, Smeriglio “deve” prendere almeno un voto in più di Danti. È per questo motivo che in Giunta e in Consiglio regionale gli uomini di Zinga, da tempo, a tutto pensano, fuorché ai cittadini della Regione Lazio. In testa hanno solo l’accoppiata Smeriglio-Novelli (Lina, l’altra candidata “portata” da Zingaretti e compagnia) e il solito nemico. Salvini? Assolutamente no. Matteo Renzi l’uomo che il segretario e i suoi tirapiedi vogliono uccidere politicamente.

Con buona pace dell’unità del partito, che Zingaretti continua a evocare come valore assoluto. Ma si sa: il fratello del commissario Montalbano, da sempre, dice una cosa e ne fa un’altra. Lo sanno bene i cittadini del Lazio, ormai da sei anni governati a colpi di annunci vuoti, che non hanno prodotto alcun risultato. E ora Zingaretti vuole esportare il suo Modello Lazio - tanti favori agli amici e agli amici degli amici e nessun fatto - anche in Europa, con un pezzo da novanta di questo sistema, qual è Massimiliano Smeriglio. Sinceramente, gli auguriamo di non riuscirci.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

I sintomi e la malattia

di Adriano Tilgher

Non sono un medico ma, fra le cose che mi ha insegnato l’esperienza, so che i sintomi servono a capire qual è la malattia che li ha generati e che colpire i sintomi non vuol dire combattere la malattia. Ora, tornando sul piano politico, la questione Sea Watch, il problema immigrazione, l’incapacità, o meglio, l’impossibilità di una ripresa economica, la denatalità e il conseguente invecchiamento della popolazione, il costo e la mancanza del lavoro, la crisi della famiglia, il pressoché totale disinteresse verso la nazione e la solidarietà di popolo, l’assoluto distacco dei giovani dalle ragioni della crisi, la mancata difesa in tutti i settori degli interessi del popolo italiano sono solo alcuni dei sintomi della grave malattia che ha colpito l’Italia, e in generale tutta la società.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Nicola Bombacci; un esempio rivoluzionario

Non me ne voglia l'amico Andrea, se per una volta la spina nel fianco si sovrappone ad altra seguitissima rubrica del nostro giornale, quel Exemplis Vitae che ci racconta periodicamente vita e morte di quei personaggi della storia del "Pensiero Forte" da conoscere o riscoprire, ma se un Pensiero Forte deve essere istillato nella mente dei lettori, non può essere fatto senza parlare di Nicola Bombacci, detto Nicolino,  nacque a Civitella di Romagna, in provincia di Forlì, il 24 ottobre 1879, dopo i primi studi, fu iscritto al seminario di Forlì,  si allontanerà nel 1900 per frequentare la Regia Scuola Normale di Forlimpopoli, dove si diploma maestro, in  ritardo sui suoi coetanei, ma in contemporanea con un amico di 4 anni più giovane, Benito Mussolini. Nel 1905 si sposa, comincia una peregrinazione come insegnante per le campagne Emiliano Romagnole, è in queste peregrinazioni che avviene la sua conversione al socialismo.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.