Lo scontro tra Virginia Raggi e Matteo Salvini

Lo scontro tra Virginia Raggi e il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, andato in scena in questi giorni e probabilmente destinato a durare per qualche tempo, lascia davvero basiti. Non tanto per le parole di Salvini, che denuncia, a ragione, la situazione drammatica della Capitale, quanto per la faccia tosta del sindaco di Roma, che, evidentemente non comprendendo lo stato in cui versa la città, si permette di andare in tv a polemizzare e ad attaccare il ministro dell’Interno. Siamo convinti che al suo posto, con i pessimi risultati ottenuti finora da sindaco, sarebbe stato molto più dignitoso il silenzio.

A giugno, infatti, saranno tre anni da quando Virginia Raggi si è insediata in Campidoglio e, da allora, la vita dei cittadini della Capitale è peggiorata sempre più: dal traffico alle buche nelle strade, dai cassonetti pieni d’immondizia ai trasporti paralizzati, passando per i cinghiali a spasso nelle periferie, Roma è diventata davvero invivibile. E la colpa di Matteo Salvini è stata una sola: denunciare questo stato di cose, dichiarandosi pentito di aver invitato i romani, tre anni fa, a votare Virginia Raggi.
Del resto, quanti sono oggi gli abitanti della Capitale che voterebbero la Raggi, in caso di elezioni? Pochi, molto pochi, mentre Salvini e la Lega, al contrario, volano nei sondaggi. Così, anche i media tradizionalmente ostici all’attuale sindaco di Roma - da Repubblica al Corriere della Sera - sembrano “pendere” dalla parte della Raggi e denunciano “l’attacco di Salvini, che vuole prendersi Roma”.

Tutto questo, ovviamente, con totale disprezzo per l’unica cosa che dovrebbe contare davvero, la qualità della vita dei romani, e senza un briciolo di vergogna, perché i giornaloni di regime, in fondo, se la prendono con Salvini per aver fatto ciò che stanno facendo loro da tre anni, infatti hanno sempre sostenuto che Virginia Raggi è un sindaco inadeguato.

È chiaro, in definitiva, che il vero nemico degli apparati di potere, strettamente connessi, quando non sottomessi, ai potentati economici e finanziari, è Matteo Salvini, il quale, ancora una volta, viene attaccato su più fronti, fortunatamente con scarsi risultati.

Sì, perché, alla fine, quel che conta è il giudizio del popolo. Che sembra aver capito che Salvini rappresenta l’unica vera speranza, in un quadro politico desolante. Sono in molti, nelle stanze dei bottoni, a sperare che finisca presto il governo gialloverde, magari per dar spazio a un’ammucchiata, con dentro Zingaretti e Fico, ovviamente benedetta da Mattarella.

È per questo motivo che da queste colonne continuiamo a “tifare” per un Esecutivo che, tra mille difficoltà, sta cercando di cambiare verso, sul serio e non a chiacchiere, a questo Paese. E Matteo Salvini ci sembra l’interprete più autentico di questa voglia di cambiamento, in favore degli italiani e non delle élite.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

ILVA: l'Italia massacrata

di Adriano Tilgher

“Dilettanti allo sbaraglio” è stata una delle definizioni meno offensive nei riguardi del governo Conte, Di Maio e Zingaretti, da me provocatoriamente definito governo Renzi, dal nome di chi li controlla e li gestisce a suo piacere. La definizione sembra “azzeccata”, ma lo è solo nella prima parte perché ad essere sbaragliati non sono i “dilettanti” ma gli Italiani e l’Italia tutta, che si sta coprendo di ridicolo e si sta giocando quello che rimane della sua capacità industriale.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco


 

Banda Bassotti

Enniskillen, contea di Fermanagh, Irlanda del Nord, 7 aprile 1894, nasce Charles Duff, fu autore di libri sull'apprendimento delle lingue fra cui "Italiano per principianti", e “Italiano per adulti”. Duff prestò servizio come ufficiale della marina britannica durante la Prima guerra mondiale e poi nella divisione di intelligence del Foreign Office, si dimise negli anni '30, sostenendo la propria solidarietà ai fascismi, e pronto a sostenere un sistema simile anche in Gran Bretagna. Fra i suoi libri più conosciuti "Manuale del boia" pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1928, tradotto in varie lingue, (in Italia è uscito per la Adelphi), il testo, una dissertazione agghiacciante e sarcastica di come si impicca un condannato, tecniche, e particolari, dalle dimensioni della corda, ad un gioco di contrappesi, fatto con sacchi di iuta pieni di sabbia. George Norman Douglas, scrittore britannico, famoso per il suo romanzo Vento del sud Scrisse: «Se ne avessi il potere, vorrei che su ogni tavolino (..), per la prima colazione, ci fosse una copia di questo libro».

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.