Il Governo deve andare avanti

I politologi di regime non hanno dubbi: il governo guidato da Giuseppe Conte imploderà da un momento all’altro. E indicano tanti argomenti che dividono Lega e Movimento Cinque Stelle, a partire dalla Tav, per finire all’autonomia “differenziata” delle Regioni. Ci spiegano, poi, questi sapientoni, che si esibiscono sui giornali di regime, che Mattarella, comunque, non vuole il voto e che, dunque, lo scenario che si prospetta è quello di un’ammucchiata governativa, guidata magari dal leghista Giorgetti, con dentro di tutto un po’: dai berluscones ai Renzi boys, oltre ai fratellini d’Italia e, ovviamente, alla Lega.

Sinceramente, davanti a una simile ipotesi, ci viene da dire “abbiamo già dato” e auspichiamo il governo gialloverde ad andare avanti, senza preoccuparsi di cosa dicono gli “scienziati” della politica sui giornaloni. Abbiamo visto, infatti, che, al di là delle logiche ed evidenti differenze tra Lega e M5S, il vero collante di governo è rappresentato dal contratto stipulato prima dell’inizio dell’avventura gialloverde. E a quello continuano a rifarsi Salvini e Di Maio. Finora lo hanno fatto benissimo, evitando tutte le trappole che sono state messe sul loro cammino.

Dicono che il popolo dei cinquestelle non gradisce questa fase governativa del partito, ma i numeri dicono qualcosa di diverso, se sulla vicenda Diciotti la base del Movimento si è espressa per il voto a favore di Salvini. Dicono anche che i governatori del Nord sono infuriati con Salvini, perché la Tav non si può bloccare. In realtà, Salvini sta lavorando per salvare il salvabile di un’opera partita male e, alla luce dei dati, forse non la più necessaria. Comunque, il ministro dell’Interno ritiene sbagliato andare alla rottura con i 5 Stelle e media su tutto: questa, a nostro giudizio, è la linea giusta, perché la verità è che al governo Conte, in questa legislatura, non c’è un’alternativa vera. Quello che ci propongono i notisti politici altro non sarebbe che un tristissimo ritorno al passato, con un governicchio basato su ricatti e ricattucci e, soprattutto, ostaggio di Mattarella e di questa Unione Europea, in mano a banchieri e finanzieri.

Ecco perché dobbiamo tenerci stretto il governo Conte, che, se non altro, si muove sulle linee di un programma, disegnato nel Contratto, e ha dato segnali di discontinuità con i precedenti esecutivi, rifilando anche sonori schiaffoni a questa Europa, che non piace più a nessuno. Tranne a quelli che, proni a questa stessa Europa, hanno ottenuto, in cambio, poltrone e incarichi profumatamente retribuiti. Ora, però, il vento è cambiato e l’auspicio è che Salvini e Di Maio tengano duro fino in fondo, garantendo lunga vita a Conte, per evitare una “restaurazione” del vecchio, che alla già martoriata Italia porterebbe ulteriori, gravissimi danni.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Domenica si vota

di Adriano Tilgher

Domenica dovremmo andare a votare. Per chi, per cosa? Per l’Europa rispondono i più. Ma, è vero? Esiste veramente un’Europa per cui andare a votare? Noi pensiamo di no, pensiamo che l’Europa non esista e che quello che ci propinano come Europa è soltanto un sistema economico finanziario teso a debellare i valori storici e culturali che hanno fatto grande l’Europa. Allora ha un senso andare a votare?

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Europa

Ormai ci siamo, le tanto agognate elezioni del Parlamento Europeo sono dietro l'angolo, dal 23 al 26 maggio 2019 in tutti gli stati membri dell'Unione Europea saranno aperte le urne per individuare la squadra di "Governo" che dovrà gestire le scelte per il prossimo quinquennio. In Italia la data del "cambiamento" è Domenica 26. Dal giorno dopo tutto sarà cambiato, o forse no. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.