La comunicazione e la politica dell'effimero

Appesi a un “tweet” o a un “post” su Facebook. I cittadini italiani, ormai, sanno che i loro rappresentanti in Parlamento e nelle più importanti istituzioni, italiane ed europee, quando devono annunciare qualcosa di importante o, più semplicemente, quando sentono il bisogno di dire la loro su argomento, prendono in mano lo smartphone (la versione moderna del vecchio telefono cellulare) e “digitano” la loro verità. Che molto spesso, a dire il vero, fa acqua da tutte le parti, lascia perplessi i cittadini e viene sommersa da migliaia di altri tweet o da commenti al post. E, quindi, molto spesso i nostri politici sono costretti a fare marcia indietro, cancellando tweet o post. 

Questo avviene in Italia, dove il dilettantismo degli attuali politici è a dir poco imbarazzante, ma anche nel resto del mondo, a cominciare dagli Stati Uniti d’America. E a noi appare la dimostrazione concreta di quanto sia effimera e vuota l’attuale politica, facendoci rimpiangere i “sani” comunicati di una volta. “Il Quirinale ha annunciato con una nota che il Presidente della Repubblica si recherà a visitare le zone terremotate”, annunciava solenne il Tg1 delle 20, in occasione di una visita ufficiale.

Già, la nota, il comunicato, allora, era qualcosa di solenne, di importante. Un politico, soprattutto se aveva incarichi di governo, prima di scrivere un comunicato, studiava quel che voleva annunciare, poi, insieme al suo addetto stampa, buttava giù una bozza, che, prima di diventare ufficiale e di essere data in pasto alle agenzie di stampa, veniva vagliata attentamente dalle “teste” più importanti dello staff.

Insomma, prima di dare un annuncio, ci si pensava non una, ma dieci volte. Adesso, invece, nella società dell’immagine, del “presenziassimo” a tutti i costi, si fa a gara a chi “twitta” di più e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: stupidaggini a qualunque ora del giorno, che, se non sono motivo di scontro, costringono comunque l’estensore a dover precisare, rettificare e, spesso, a cancellare. Per carità, anche nell’epoca dei comunicati stampa si faceva marcia indietro e si rettificava, ma si trattava di casi rari, che, il giorno dopo, finivano nei “pastoni” politici dei giornali: “Il ministro Tizio costretto a rettificare il suo comunicato”. Notiziona, che oggi, invece, non ha alcuna importanza, perché è pane quotidiano.

Il punto, in definitiva, è proprio questo: la notizia. Sì, perché il novantanove per cento dei “tweet” o dei “post” che leggiamo oggi - e, sinceramente, possiamo metterci anche quelli non politici - sono proprio da “chissenefrega”. Oggi siamo invasi da “non notizie”: politici parlano di cose che non conoscono, dicendo castronerie clamorose, o che devono avvenire, annunciandole come fatte, per essere poi smentiti dopo poche ore o dopo qualche giorno; mistificano i dati, esultando per risultati futuri “certi”, che alla prova dei fatti si dimostrano, quasi sempre, pura utopia.

Ecco, la notizia non c’è più. Siamo ridotti al “tweet”, al “post”, al “like”, che possono essere rimossi in batter d’occhio. Si può dire tutto e il contrario di tutto, tanto, poi, basta un clic per cancellarlo. Alla faccia della capacità e della serietà, che dovrebbero essere prerogative immancabili di chi rappresenta un Paese. E, invece, sceglie l’effimero, per mascherare il nulla che lo contraddistingue.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

ILVA: l'Italia massacrata

di Adriano Tilgher

“Dilettanti allo sbaraglio” è stata una delle definizioni meno offensive nei riguardi del governo Conte, Di Maio e Zingaretti, da me provocatoriamente definito governo Renzi, dal nome di chi li controlla e li gestisce a suo piacere. La definizione sembra “azzeccata”, ma lo è solo nella prima parte perché ad essere sbaragliati non sono i “dilettanti” ma gli Italiani e l’Italia tutta, che si sta coprendo di ridicolo e si sta giocando quello che rimane della sua capacità industriale.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco


 

Banda Bassotti

Enniskillen, contea di Fermanagh, Irlanda del Nord, 7 aprile 1894, nasce Charles Duff, fu autore di libri sull'apprendimento delle lingue fra cui "Italiano per principianti", e “Italiano per adulti”. Duff prestò servizio come ufficiale della marina britannica durante la Prima guerra mondiale e poi nella divisione di intelligence del Foreign Office, si dimise negli anni '30, sostenendo la propria solidarietà ai fascismi, e pronto a sostenere un sistema simile anche in Gran Bretagna. Fra i suoi libri più conosciuti "Manuale del boia" pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1928, tradotto in varie lingue, (in Italia è uscito per la Adelphi), il testo, una dissertazione agghiacciante e sarcastica di come si impicca un condannato, tecniche, e particolari, dalle dimensioni della corda, ad un gioco di contrappesi, fatto con sacchi di iuta pieni di sabbia. George Norman Douglas, scrittore britannico, famoso per il suo romanzo Vento del sud Scrisse: «Se ne avessi il potere, vorrei che su ogni tavolino (..), per la prima colazione, ci fosse una copia di questo libro».

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.