A proposito della “RECESSIONE” in Italia

 

Da giorni i media italiani, stampa e televisione, insistono sul fatto che l’Italia sarebbe in “recessione tecnica” perché l’indice di crescita del prodotto interno lordo dell’ultimo semestre sarebbe diminuito dello 0,2%.

Premesso che questa modalità - derivante dalla globalizzazione e dal primato dell’economia sui valori sociali e civili - di valutare uno Stato e un popolo esclusivamente in base ad indici economici, è una distorsione della situazione reale di una Nazione  che non è determinata solo dall’economia, è comunque opportuna una riflessione su queste affermazioni.

Innanzitutto, cosa vuol dire “recessione tecnica”? E’ solo un modo di comunicare tra economisti: se un calo prosegue per due trimestri, allora si chiama “tecnica”… E’ quindi solo un modo di dire.

Potremmo a questo punto osservare che nessuno parlava di recessione, tecnica o meno che fosse, quando nell’anno 2012 (governo “europeista” di Monti) il calo era del 2,8% e nel 2013 (governo anch’esso di un”europeista”, Letta) dell’1,7%: no, allora si parlava solo di “austerità” per non spaventare il popolo.

Vediamo adesso prima i numeri e poi le possibili cause.

Precisiamo intanto che un calo dello 0,2% in un trimestre non significa automaticamente che tale diminuzione permanga nel periodo successivo, tant’è che il 2 febbraio scorso il quotidiano “Il Messaggero”, riepilogando le previsioni dei vari organismi, indicava nello 0,6% la crescita dell’Italia nel 2019 come valutata dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca d’Italia. Quindi, crescita e non diminuzione; quindi, non più recessione.

Ma poi andiamo a vedere i numeri. Il prodotto interno lordo italiano nel 2018 è stato valutato a 2.190 miliardi di euro: quindi, un calo dello 0,2% corrisponderebbe a 4,38 miliardi di euro prodotti in meno, ossia 73 euro all’anno a persona. E’ una cifra del tutto inavvertita, e se si chiama “recessione” questa, non sappiamo come si potrebbe allora definire una vera crisi economica, come quelle vissute dopo il 1929 e dopo la guerra.

Per quanto riguarda le cause, esse sono tante e si sommano. Vi è innanzitutto la disoccupazione, causata dall’innovazione tecnologica, dalla scarsa preparazione professionale, dal deserto produttivo in alcune regioni; vi è la delocalizzazione di imprese fuori d’Italia, che esse sì tolgono incrementi produttivi visibili; vi è la libertà assoluta di commercio che fa importare a bassissimo costo prodotti da Paesi come la Cina che mette in crisi le aziende nazionali; vi sono i blocchi burocratici e inquisitori come la legge sugli appalti e i controlli dell’Autorità anticorruzione che impediscono lo svolgimento di opere pubbliche grandi e piccole; vi è anche il lavoro non registrato, “in nero”, che non viene rilevato statisticamente. E potremmo continuare a lungo con altre esemplificazioni.

Il governo in carica ritiene che la tendenza si possa invertire con le sue politiche di bilancio e in particolare con i pensionamenti, che creano il ricambio generazionale nei posti di lavoro, e il reddito di cittadinanza, teoricamente mirato per avviare al lavoro. Certo, servono anche investimenti produttivi soprattutto nei settori trainanti per il futuro.

Non sappiamo se ciò avverrà: però certamente non si può alimentare un terrorismo psicologico basato sulla parola “recessione”, tanto più che essa è comune ai maggiori Paesi membri dell’Unione Europea. Quindi, se una critica alla politica economica dovesse farsi, essa deve rivolgersi in primis alla Commissione Europea responsabile delle sue “direttive” a cominciare da quelle penalizzanti per il sistema bancario e dal rigido controllo sulla circolazione monetaria.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La società dell'assurdo

di Adriano Tilgher

Certe volte mi sembra di vivere in un tempo non mio; tutto quello che per me è normale per chi gestisce i mezzi di comunicazione è assurdo e piano piano la gente si convince che è assurdo e, siccome dicono che viviamo in democrazia e i più si convincono che l’assurdo è normale, viviamo in una realtà che secondo me è falsa e distorta.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Influencer

1970, Adriano Celentano, assieme alla moglie Claudia Mori, interpreta una delle sue canzoni più famose e dal forte impatto sociale, “chi non lavora non fa all'amore”. Era l'epoca degli scontri sociali, delle ideologie vive, e ben nutrite dal sangue dei giovani caduti sulle opposte fazioni, il sogno del sessantotto, che aveva unito per pochi giorni una generazione, era già diventato l'incubo, dei diritti senza doveri, del 6 politico e del libero amore. La chiesa, dopo millenni, con la chiusura del Concilio Vaticano secondo si era spostata in direzione antropocentrica, (l'antropocentrismo, dal greco anthropos, uomo, e kentron "centro", è la tendenza a considerare l'uomo, come centrale nell'Universo).

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.