Le “gaffe” di alcuni uomini delle istituzioni

Non c’è niente da fare: i politici di casa nostra non perdono occasione per fare brutta figura. Sanno bene, i nostri lettori, che abbiamo una certa simpatia per il governo gialloverde, ma le “gaffe” che continuano a collezionare alcuni ministri e i due vicepremier, anche sotto il profilo della comunicazione, dovrebbero indurre a una certa prudenza, di cui, invece, non c’è traccia.


Tralasciamo per pietà il povero ministro delle Infrastrutture, Toninelli, perché sarebbe come sparare sulla Croce Rossa, e il ministro vicepremier Di Maio, che ha problemi oggettivi con la lingua italiana, ma almeno da Matteo Salvini, politico esperto, che sulla comunicazione ha basato buona parte della sua straordinaria ascesa, ci aspetteremmo meno scivoloni. Certamente, non potevamo immaginare di vederlo “postare” sui social una sua foto, mentre fa colazione con pane e Nutella, mentre l’Etna sputa lava e il ministro dell’Interno, più che sulla Nutella, dovrebbe concentrarsi sugli interventi possibili della Protezione Civile.


La voglia eccessiva di apparire gioca brutti scherzi, mentre talvolta sarebbe meglio stare in disparte e, magari, aiutare in silenzio il prossimo. La presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, ad esempio, ha “spinto”, attraverso il suo ufficio stampa, una notizia fondamentale, ovviamente riportata da tutti i giornaloni di regime, come la sua visita al contingente militare italiano in Libano, alla vigilia di Natale. Tutti i Tg, nessuno escluso, e tutte le radio nazionali si sono affrettate a raccontarci l’ineffabile presidente del Senato, accompagnata dal ministro della Difesa, Trenta, mentre allietava, con la sua presenza, i nostri militari in Libano. E, allora, ci sorge spontanea una domanda: lo capisce o no la presenzialista Casellati che il cittadino comune si indigna, quando legge che la signora presidente e il suo codazzo di lecchini si sono spostati con mezzi militari, che hanno costi altissimi a carico dello Stato, per una vista di cui nessuno, tranne lei e il ministro Trenta, sentiva il bisogno?


Lo capiscono questi “geni” della politica che, quando un Tg annuncia l’arrivo della Casellati in Libano, il cittadino pensa “ecchissenefrega”?


Ecco, non sarebbe meglio che questi signori e signore, magari solo sotto le feste, smettessero di pensare a come farsi notare e pensassero davvero al prossimo? Potrebbero imparare, ad esempio, dagli U2, la nota band musicale, che il giorno di Natale ha suonato gratis, per raccogliere fondi, insieme ad altri artisti, per i senza tetto. O da quel ristoratore milanese, che, avendo sul groppone 60 pizze, ordinate ma mai ritirate, ha deciso di regalarle, tramite la Croce Rossa, ai senza tetto di Milano.


No, i nostri politici non ci arrivano proprio. Loro pensano solo ed esclusivamente alla loro immagine. E il giorno di Natale, anziché fare qualcosa per i più poveri, stanno nei loro palazzi, con i loro milioni di euro. Mentre i tg di regime fanno passare le immagini delle loro eroiche imprese in Libano o davanti a un barattolo di Nutella.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La cultura dell’odio

di Adriano Tilgher

Ieri e oggi ho incontrato, separatamente, due signore, una relativamente giovane, l’altra relativamente anziana ed entrambe hanno usato una frase priva di qualsiasi significato, ma che è diventata un ritornello sistematicamente ripetuto dai diffusori del pensiero unico globale: “Io sono contro la cultura dell’odio”.

In Italia hanno addirittura fatto una legge in tal senso. Ma cosa significa la cultura dell’odio? Chi è che coltiva l’odio? Ma soprattutto chi può sostenere che in vita sua non ha mai odiato?

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Beat Generation

La settimana scorsa abbiamo parlato a margine del nostro articolo Helter Skelter della paranoia di Charles Manson riguardo alle simbologie Naziste, in articoli precedenti, della vicinanza della cosiddetta Beat Generation a scrittori come Ezra Pound, o ad esperienze artistiche come il futurismo, semplici note ai margini della storia, questo è evidente, ma si può parlare di una fascinazione della Beat Generation Statunitense ad un certo linguaggio e/o ad una certa simbologia ? Nel 1967 Jean-Louis Kerouac, meglio noto come Jack Kerouac, considerato uno dei maggiori e più importanti scrittori statunitensi del XX secolo, nonché padre del movimento "beat", che con i scritti esplicitò le idee di liberazione, ad un incontro presentò una sorta di programma politico culturale per la Beat Generation...

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.