Le nomine RAI e il delirio PD

Il deputato del Pd Michele Anzaldi è, all’interno del suo partito, uno dei massimi esperti di comunicazione e, per questo motivo, è membro e segretario della Commissione di Vigilanza Rai. L’onorevole Anzaldi, però, negli ultimi decenni probabilmente ha vissuto molto lontano dall’Italia, perché qualche giorno fa ha presentato un esposto alla Corte dei Conti e all’Anticorruzione, denunciando un danno erariale prodotto, a suo dire, dalle recenti nomine nelle testate giornalistiche della Rai.


Chiariamo subito: a nostro giudizio, in Rai c’è, anche a livello di telegiornali e giornali radio, un caos totale, con sovrapposizioni indecenti e un numero spropositato di giornalisti, con superminimi, aumenti “ad personam” e quant’altro davvero vergognosi. Ma questo non è certo colpa del governo gialloverde, come denuncia Anzaldi, ma, appunto, di decenni di lottizzazione delle posizioni, dirigenziali e non, delle testate giornalistiche Rai. Nella prima Repubblica erano lottizzate addirittura le assunzioni: là manca un giornalista del Pri, qua uno della Dc, lì uno del PSDI. E si procedeva di conseguenza. Poi, nella seconda Repubblica, si è guardato soprattutto ai direttori e ai vicedirettori, molto spesso assunti dall’esterno. Proprio quello che Anzaldi oggi imputa alla Rai “targata” M5S e Lega, accusandola di aver chiamato due esterni nelle testate giornalistiche.


Insomma, sembra di essere su “Scherzi a parte”: un esponente del partito che, negli ultimi anni, ha fatto danni in serie in Rai, con infornate di amici degli amici, oggi denuncia che in Rai si stanno sprecando soldi, perché sono stati assunti due esterni.


Scusi, onorevole Anzaldi, ma lei sa che il suo padrone (ex?) Renzi ha voluto, a suo tempo, come direttore generale il “genio” Campo Dall’Orto, strappato a Mtv grazie a uno stipendio da capogiro e alla possibilità di avere al suo fianco il dottor Rossi, anche lui convinto a trasferirsi a Roma, grazie all’assunzione come dirigente? E lo sa che, una volta cacciato Campo Dall’Orto, che aveva fallito su tutta la linea, il dottor Rossi è stato mantenuto in Rai, perché assunto a tempo indeterminato?


Ecco, signori del Pd, prima di parlare di Rai, pensateci bene. E, ora che si discute del contratto di Fazio, qualcuno di voi si è già alzato per difenderlo, per evitare il trasferimento da RaiUno a RaiTre. Anche qui: prudenza. Il contratto di Fazio è uno scandalo, come la sua trasmissione, un mero marchettificio, che perde ascolti di serata in serata. Difendere una vergogna di questo tipo potrebbe essere un altro boomerang.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia che non cambia

di Adriano Tilgher

Ho piacere di sentire le tante riforme che il governo a trazione leghista vuole fare in questa legislatura, magari siglando un nuovo contratto con i pentastellati. Mi lascia però perplesso l’assoluta mancanza di riferimento a qualsiasi punto fermo di visione complessiva della politica, della vita, dell’uomo cui ancorare queste ipotetiche riforme.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

I "valori" dell'Occidente

Messina 11 Giugno 2019, il filosofo russo Alexander Dugin, autore fra altri importanti testi, de: "La quarta teoria politica", doveva tenere una conferenza nella sala Cannizzaro del rettorato dell’università, il tutto organizzato da mesi, e con il patrocinio del Comune, ad un giorno dall'evento, (come accaduto a Roma per la presentazione del libro "la mia Avanguardia" del nostro direttore Adriano Tilgher), la sala viene negata per volere del Rettore Salvatore Cuzzocrea.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.