Le bugie di Zingaretti e le colpe delle opposizioni

“È un bilancio di svolta”. Il governatore della Regione Lazio, nonché candidato alla segreteria del Pd, Nicola Zingaretti, ha salutato così il Bilancio di previsione 2019, attualmente all’esame del Consiglio regionale del Lazio. È l’ennesima bugia di un presidente, che dal 2013 sta condannando all’immobilismo una delle Regioni più importanti d’Italia. I suoi quasi sei anni di governo sono stati un disastro totale e il Bilancio in via di approvazione per il 2019 ne è la conferma.


Ancora una volta, infatti, la Giunta Zingaretti, che dice di voler puntare alla crescita dopo aver risanato i conti, non proporrà nulla di concreto per combattere la disoccupazione giovanile, ne’ metterà in campo politiche di vero contrasto alla povertà. Dice il Governatore che ci sarà una riduzione delle tasse, perché i cittadini vivono momenti difficili. La notizia non è la riduzione dell’Irpef regionale - parliamo del nulla, visto che i benefici per i lavoratori dipendenti saranno nell’ordine di qualche decina di euro annui - ma il fatto che Zingaretti si sia finalmente accorto che, nel Lazio, ci sono molti cittadini in difficoltà, che sono scivolati dalla fascia media della società verso la povertà. Il problema è che, anche per il 2019, la Regione non farà nulla per loro. Basti pensare che, nelle due campagne elettorali, Zingaretti aveva promesso di dare risposte vere sul fronte dell’edilizia popolare e dell’housing sociale e, invece, in quasi sei anni, non ha stanziato nemmeno un euro per realizzare nuove abitazioni per le fasce più deboli della popolazione.


Parole, parole, parole, bugie, bugie, bugie. Questo è Nicola Zingaretti, l’uomo che vuole prendersi il Partito democratico. Da un bugiardo (Renzi) all’altro, si potrebbe dire. Vero, ma almeno Renzi era esattamente come si vedeva: uno spaccone, un bulletto, che ha fatto la fine che si è quasi cercato. Ma Zingaretti no: lui parla in modo pacato, dice bugie spacciandole per verità assolute e ha un sistema di potere radicato, che premia sempre e solo gli amici e gli amici degli amici. Sta distruggendo il Lazio, ma attacca il governo nazionale, accusandolo di fare macelleria sociale.


In definitiva, l’auspicio è che i cittadini si sveglino e comprendano bene chi hanno davanti: non un politico al servizio del popolo, come vuol far credere, ma un bugiardo e un freddo calcolatore, che ha nel mirino solo il potere. Poi, che vinca o no la corsa alla segreteria del Pd ci interessa poco: quel partito è morto e non lo risolleverà certo Zingaretti. Importante, questo sì, è che chi deve combatterlo in Regione Lazio lo faccia con determinazione e lo mandi a casa il prima possibile. I numeri per cacciare la banda Zingaretti ci sono, tenere in vita questa Giunta regionale è una colpa gravissima delle opposizioni.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La politica

di Adriano Tilgher

Il vocabolario Treccani definisce la politica come “la scienza e l’arte di governare”.

Purtroppo quelli che oggi si dicono politici non mi sembrano né scienziati né artisti e quindi neanche politici. Qualcuno sarà colto, qualche altro laureato, qualche altro ancora esperto di musica, di canto e di teatro ma ben altra cosa è essere persone che conoscono “l’arte e la scienza di governare”.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

L'anno che verrà

1978, Lucio Dalla esce nei negozi di dischi (allora ancora esistevano) con l'album "Lucio Dalla" contenente il brano "l'anno che verrà". Il brano fu dedicato ad un suo grande amico Giuseppe Rossetti, incarcerato per motivazioni politiche e rinchiuso in prigione alla Dozza. Si racconta che Lucio passò una notte di Capodanno in compagnia di Giuseppe in carcere. La prima versione del testo venne scritta nella casa di Rossetti a Monghidoro. Il testo venne poi rivisto da Lucio Dalla insieme al frate domenicano padre Michele Casali. Nel testo, riferimenti ai "sacchi di sabbia vicino alle finestre", o alla scomparsa dei "troppo furbi e dei cretini di ogni età".

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.