La Boschi, i video e gli affari di famiglia

Patetica. Nulla di più, nulla di meno. Maria Elena Boschi – con il video indirizzato al papà di Luigi Di Maio (accusato di varie irregolarità nella conduzione della sua azienda, lavoro nero in primis), nel quale augura all’illustre genitore di non provare ciò che ha provato la sua famiglia, secondo lei infangata da Di Maio junior e colleghi per la vicenda di Banca Etruria – conferma tutte le sue doti di attrice di scarso livello, ma anche la sua totale incapacità di comprendere la politica e, soprattutto, la differenza tra le due vicende.

A suo tempo, come tutti ricorderanno, non solo Di Maio, ma buona parte del Parlamento si scagliò contro Renzi, Boschi e compagnia, per aver salvato Banca Etruria, che era affondata non per cause divine, ma per una gestione folle, che garantiva prestiti e scoperti agli amici e agli amici degli amici, pur senza le adeguate garanzie. E papà Boschi, vicepresidente dell’Istituto, non era un osservatore, ma uno degli attori principali di questa conduzione, che è difficile chiamare manageriale. Gli attacchi a Renzi e Boschi furono politici, perché, anziché guardare ai correntisti di Banca Etruria, trovarono una via d’uscita per chi era stato artefice di quella tragica stagione, che aveva portato la banca toscana al default.

Non solo: qualsiasi politico dotato di un minimo senso delle istituzioni si sarebbe dimesso dall’incarico di ministro, se avesse avuto il papà coinvolto in una situazione tale da dover costringere il governo a intervenire, per lanciare un’ancora di salvataggio miliardaria. La Boschi, invece, pensò bene di rimanere al suo posto. E questa, probabilmente, fu una delle cause del tracollo patito, poi, da Renzi e dal Pd in sede elettorale.

Adesso, la Boschi torna alla carica, con una recita mediocre, senza comprendere che le vicende dei due papà sono molto diverse tra loro. Nessuno, infatti, andrà in soccorso di Antonio Di Maio: se ha sbagliato, come dicono, pagherà. Se ha fatto le cose secondo le regole, continuerà a lavorare con la sua azienda, senza nessun problema. Ma non ci sarà alcun soccorso dalle istituzioni.

Ecco, Maria Elena Boschi, nel video, dice anche che continuerà a fare politica per la sua nipotina, affinché possa dimostrare che la sua è una famiglia perbene. Forse, per fare un favore alla sua nipotina, farebbe meglio a ritirarsi dalla politica. Quantomeno sarebbe più dignitoso. Se la Boschi tornerà subito a fare l’avvocato, infatti, la sua nipotina, quando sarà grande, probabilmente non saprà neanche che la zia, un tempo, era in politica. E non le chiederà per quali magiche doti la signorina Boschi, a poco più di trent’anni, si sia ritrovata prima ministro della Repubblica italiana e, poi, addirittura sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. Meglio finirla qui e stendere, come si dice, un velo pietoso sulla bruciante carriera di M.E.B.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Domenica si vota

di Adriano Tilgher

Domenica dovremmo andare a votare. Per chi, per cosa? Per l’Europa rispondono i più. Ma, è vero? Esiste veramente un’Europa per cui andare a votare? Noi pensiamo di no, pensiamo che l’Europa non esista e che quello che ci propinano come Europa è soltanto un sistema economico finanziario teso a debellare i valori storici e culturali che hanno fatto grande l’Europa. Allora ha un senso andare a votare?

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Europa

Ormai ci siamo, le tanto agognate elezioni del Parlamento Europeo sono dietro l'angolo, dal 23 al 26 maggio 2019 in tutti gli stati membri dell'Unione Europea saranno aperte le urne per individuare la squadra di "Governo" che dovrà gestire le scelte per il prossimo quinquennio. In Italia la data del "cambiamento" è Domenica 26. Dal giorno dopo tutto sarà cambiato, o forse no. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.