La stampa di regime e la manovra economica

Leggendo i “giornaloni” di regime - quelli che, da sempre, privatizzano i guadagni e socializzano le perdite, attingendo a piene mani all’ormai quasi defunto fondo per l’editoria, pagato da tutti i cittadini - sembra che la manovra varata dal governo giallo-verde non lasci scampo all’Italia: sarà la rovina, per noi, ma anche per l’Europa, visto che, di fatto, l’Italia si prepara a uscire dall’euro e a generare, quindi, una valanga che travolgerà l’Unione Europea.

 Lo dicono un po’ tutti gli “scienziati” che, da mesi, ci spiegano quanto sia incapace e illiberale questa compagine di governo, sottolineando, molto spesso, che si tratta di una manovra “pericolosa”. Le facce allarmate e cupe, più del solito, dei vari Martina, Zingaretti e compagnia cantante, oltre agli editoriali di autorevolissimi commentatori sulla stampa nazionale, stavano quasi per convincerci che questa manovra economica potrebbe portarci davvero oltre il baratro. Poi, però, ci siamo fermati a ragionare con la nostra testa e non con quella di chi è pagato da banche, fondazioni, Confindustria, sindacati e potentati vari. E non è stato difficile ricordare chi ha portato l’Italia sull’orlo del baratro, vale a dire proprio i Martina, gli Zingaretti e compagnia, tutti, peraltro, acclamati e applauditi sui “giornaloni” di regime.

 Da Monti in poi, infatti, le manovre economiche dei vari governi sono state un esempio di macelleria sociale, impoverendo ulteriormente chi già era povero, tagliando diritti acquisiti e consentendo, addirittura, all’Agenzia dell’Entrate di entrare arbitrariamente nei nostri conti correnti. E, allora, ci domandiamo: dov’erano gli editorialisti “scienziati”, mentre questi governi, da una parte, massacravano i cittadini e il Paese e, dall’altra, “pompavano” miliardi di euro per salvare le banche amiche?

 Dopo tutto questo, oggi dovremmo essere preoccupati da una manovra economica, come quella del governo giallo-verde, che, in qualche modo, cerca di rimettere qualcosa nelle tasche degli italiani? Dovremmo essere preoccupati da una pace fiscale che, male che vada, farà recuperare qualche miliardo di euro e, soprattutto, farà tornare a dormire milioni di cittadini e imprenditori ossessionati da un Fisco-vampiro?

 No, non siamo preoccupati più di quanto lo eravamo otto mesi o un anno fa: il nostro Paese è stato in ginocchio per anni, prono davanti ai “padroni” europei, e, adesso che cerca di rialzare la testa, non possiamo che guardare con speranza ai tentativi di un esecutivo sicuramente giovane e inesperto, ma con tanta voglia di fare.

 Ben venga, dunque, una manovra economica “diversa”, che non ci parla di “lacrime e sangue”, ma dell’obiettivo di far ripartire il Paese, sia pure in deroga (peraltro parziale) ai vincoli europei. E, se Juncker annuncia che l’Unione Europea non potrà dare il suo “via libera”, questo proprio non ci toglie il sonno: in passato, Bruxelles ha sempre approvato le nostre manovre e le cose, per gli italiani, sono andate sempre peggio, mentre i banchieri continuavano ad arricchirsi. Se stavolta arriverà il “no” dell’Unione Europea, magari succederà che i banchieri guadagneranno meno e che ci sarà qualche euro in più per i cittadini meno ricchi. E, comunque, non potrà andare peggio di com’è andata con Monti, Renzi e Gentiloni.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La cultura dell’odio

di Adriano Tilgher

Ieri e oggi ho incontrato, separatamente, due signore, una relativamente giovane, l’altra relativamente anziana ed entrambe hanno usato una frase priva di qualsiasi significato, ma che è diventata un ritornello sistematicamente ripetuto dai diffusori del pensiero unico globale: “Io sono contro la cultura dell’odio”.

In Italia hanno addirittura fatto una legge in tal senso. Ma cosa significa la cultura dell’odio? Chi è che coltiva l’odio? Ma soprattutto chi può sostenere che in vita sua non ha mai odiato?

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Beat Generation

La settimana scorsa abbiamo parlato a margine del nostro articolo Helter Skelter della paranoia di Charles Manson riguardo alle simbologie Naziste, in articoli precedenti, della vicinanza della cosiddetta Beat Generation a scrittori come Ezra Pound, o ad esperienze artistiche come il futurismo, semplici note ai margini della storia, questo è evidente, ma si può parlare di una fascinazione della Beat Generation Statunitense ad un certo linguaggio e/o ad una certa simbologia ? Nel 1967 Jean-Louis Kerouac, meglio noto come Jack Kerouac, considerato uno dei maggiori e più importanti scrittori statunitensi del XX secolo, nonché padre del movimento "beat", che con i scritti esplicitò le idee di liberazione, ad un incontro presentò una sorta di programma politico culturale per la Beat Generation...

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.