Il Governo non uccida radio e tv locali

Abbiamo scritto più e più volte che l’informazione, nel nostro Paese, è asservita ai potentati politici e finanziari, che le notizie pubblicate dai “giornaloni” sembrano fotocopie l’una dell’altra e che la Rai è un’Azienda che viene meno al suo dovere istituzionale di informare in modo imparziale i cittadini, costretti peraltro a pagare il canone. C’è, però, il rovescio della medaglia, rappresentato da radio e tv locali, che, da sempre, cercano di darci, pur con tutti i loro limiti, notizie fresche e vere, riguardanti il territorio di cui si occupano. Eppure, adesso è proprio su queste emittenti che si addensano nubi molto scure e viene addirittura messa in discussione la sopravvivenza di moltissime di loro.


Il problema è esploso nei giorni scorsi, quando dirigenti, giornalisti e tecnici di radio e tv locali hanno manifestato davanti al Ministero dello Sviluppo Economico, per una norma passata sotto silenzio sui “giornaloni” e su Tg e Gr Rai, ma approvata nel cosiddetto Milleproroghe. Si tratta, in buona sostanza, della traduzione in legge del Regolamento già inserito nel Dpr 146/2017, col quale si stabilivano le nuove regole per accedere ai contributi statali per radio e tv locali. Un Regolamento che, di fatto, convoglierà il 90 per cento (e forse anche qualcosa in più) dei 300 milioni annui a disposizione verso pochissime emittenti (le più vicine ai potenti) e lascerà soltanto qualche briciola alle altre.


In definitiva, se la norma introdotta nel Milleproroghe non verrà modificata, circa 1.200 tra radio e tv locali rischiano di scomparire. Parliamo di 400 tv, 800 radio e oltre 2.500 dipendenti. Questo, almeno, è quanto denuncia la Rea (Radiotelevisioni europee associate), che ha lanciato l’allarme, promuovendo la protesta al Ministero, cui hanno preso parte tantissimi rappresentanti di radio e tv, provenienti da tutta Italia.


Allora, da queste colonne vogliamo lanciare un appello al Governo, che si proclama del cambiamento: invece di recepire passivamente un Regolamento messo a punto dal precedente esecutivo, incontri gli esponenti di radio e tv locali, per trovare una soluzione, che garantisca la sopravvivenza di queste emittenti, che rappresentano un presidio di pluralismo, nel mare piatto di una cosiddetta “informazione”, prona e serva dei potenti. Ecco, il Governo del cambiamento dovrebbe dare un segnale forte e, anziché varare norme che ne mettano in discussione l’esistenza, avrebbe il dovere di sostenere e rilanciare il variegato e prezioso pianeta dell’informazione locale. Il tempo per invertire la rotta c’è. L’auspicio è che ci sia anche la volontà.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Un nuovo Rinascimento

di Adriano Tilgher

Chi ci segue su questa rubrica de Il Pensiero Forte sa che parliamo della necessità di una rivoluzione culturale. Perché diciamo questo? Quali sono i motivi profondi per cui proponiamo un rivoltamento generale o, se preferite, una rivoluzione dei cardini formativi della società attuale?

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Helter Skelter

Il 22 novembre 1968 la Apple Records distribuisce nei negozi del regno unito il decimo album dei Beatles, "White Album". La rivista Rolling Stone lo ha inserito al decimo posto della lista dei 500 migliori album di sempre. Venne considerato come uno dei più importanti e complessi capolavori musicali del XX secolo. La formazione era reduce dalla trasferta in India e dall'esperienza della meditazione trascendentale sotto la guida del guru Maharishi.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.