Il saluto al Prof. Todini e il fantasma di Montanelli

Non si può nemmeno morire ed essere seppelliti in pace. In questo Paese di livorosi, dominato da un’informazione asservita ai potenti e mascherata dalla firma di giornalisti “indipendenti”, che hanno come solo obiettivo quello di veder lievitare il loro  conto corrente, fa notizia addirittura l’estremo saluto, con tanto di “presente”, a un uomo stimato come il professor Giampiero Todini, docente di Storia del diritto italiano all’Università di Sassari, universalmente riconosciuto esimio giurista e scomparso qualche giorno fa.


Si potrebbe dire che la morte di un uomo del suo calibro è degna di nota e fin  qui niente da obiettare. Il problema è che i soliti giornaloni di regime hanno dato risalto non alla scomparsa di cotanto professore, ma al saluto organizzato dal figlio di Todini, fuori dalla Chiesa in cui si è celebrato il funerale.


Sì, perché una sconosciuta consigliera comunale di Sassari (tal Lalla Careddu) ha pensato bene di filmare il commiato al professore - con tanto di bara avvolta nel vessillo di Salo’ e saluti romani - per trovare ampio spazio sulle prime pagine pagine (soprattutto quelle online) dei giornaloni, dichiarando che la cerimonia “non resterà impunita”.


Allora, ci domandiamo, curiosi: quale sarà la punizione, visto che proprio recentemente la Cassazione ha stabilito che il saluto romano, se a titolo commemorativo, non può essere considerato reato? Vuole indicare lei, gentile signora Lalla Careddu, una pena adeguata? Pensa a punizioni corporali o è sufficiente la pubblicazione del video dei giornaloni, cosa che, quella si’, in un Paese civile, potrebbe configurarsi come violazione della privacy di chi è andato a salutare, come preferisce, uno stimato professore e si ritrova sbattuto sui giornali.


La verità è che, ancora una volta, i nostri mezzi di informazione di sono dimostrati tutto fuorché tali: le notizie che danno sono di parte e sempre alla ricerca di qualche fantasma, che non c’è. Nei corridoi dei giornaloni, invece, aleggia il fantasma di Indro Montanelli, che immaginiamo osservi disperato e pianga in silenzio, per la triste fine del giornalismo di casa nostra.

       


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

ILVA: l'Italia massacrata

di Adriano Tilgher

“Dilettanti allo sbaraglio” è stata una delle definizioni meno offensive nei riguardi del governo Conte, Di Maio e Zingaretti, da me provocatoriamente definito governo Renzi, dal nome di chi li controlla e li gestisce a suo piacere. La definizione sembra “azzeccata”, ma lo è solo nella prima parte perché ad essere sbaragliati non sono i “dilettanti” ma gli Italiani e l’Italia tutta, che si sta coprendo di ridicolo e si sta giocando quello che rimane della sua capacità industriale.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco


 

Banda Bassotti

Enniskillen, contea di Fermanagh, Irlanda del Nord, 7 aprile 1894, nasce Charles Duff, fu autore di libri sull'apprendimento delle lingue fra cui "Italiano per principianti", e “Italiano per adulti”. Duff prestò servizio come ufficiale della marina britannica durante la Prima guerra mondiale e poi nella divisione di intelligence del Foreign Office, si dimise negli anni '30, sostenendo la propria solidarietà ai fascismi, e pronto a sostenere un sistema simile anche in Gran Bretagna. Fra i suoi libri più conosciuti "Manuale del boia" pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1928, tradotto in varie lingue, (in Italia è uscito per la Adelphi), il testo, una dissertazione agghiacciante e sarcastica di come si impicca un condannato, tecniche, e particolari, dalle dimensioni della corda, ad un gioco di contrappesi, fatto con sacchi di iuta pieni di sabbia. George Norman Douglas, scrittore britannico, famoso per il suo romanzo Vento del sud Scrisse: «Se ne avessi il potere, vorrei che su ogni tavolino (..), per la prima colazione, ci fosse una copia di questo libro».

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.