Il saluto al Prof. Todini e il fantasma di Montanelli

Non si può nemmeno morire ed essere seppelliti in pace. In questo Paese di livorosi, dominato da un’informazione asservita ai potenti e mascherata dalla firma di giornalisti “indipendenti”, che hanno come solo obiettivo quello di veder lievitare il loro  conto corrente, fa notizia addirittura l’estremo saluto, con tanto di “presente”, a un uomo stimato come il professor Giampiero Todini, docente di Storia del diritto italiano all’Università di Sassari, universalmente riconosciuto esimio giurista e scomparso qualche giorno fa.


Si potrebbe dire che la morte di un uomo del suo calibro è degna di nota e fin  qui niente da obiettare. Il problema è che i soliti giornaloni di regime hanno dato risalto non alla scomparsa di cotanto professore, ma al saluto organizzato dal figlio di Todini, fuori dalla Chiesa in cui si è celebrato il funerale.


Sì, perché una sconosciuta consigliera comunale di Sassari (tal Lalla Careddu) ha pensato bene di filmare il commiato al professore - con tanto di bara avvolta nel vessillo di Salo’ e saluti romani - per trovare ampio spazio sulle prime pagine pagine (soprattutto quelle online) dei giornaloni, dichiarando che la cerimonia “non resterà impunita”.


Allora, ci domandiamo, curiosi: quale sarà la punizione, visto che proprio recentemente la Cassazione ha stabilito che il saluto romano, se a titolo commemorativo, non può essere considerato reato? Vuole indicare lei, gentile signora Lalla Careddu, una pena adeguata? Pensa a punizioni corporali o è sufficiente la pubblicazione del video dei giornaloni, cosa che, quella si’, in un Paese civile, potrebbe configurarsi come violazione della privacy di chi è andato a salutare, come preferisce, uno stimato professore e si ritrova sbattuto sui giornali.


La verità è che, ancora una volta, i nostri mezzi di informazione di sono dimostrati tutto fuorché tali: le notizie che danno sono di parte e sempre alla ricerca di qualche fantasma, che non c’è. Nei corridoi dei giornaloni, invece, aleggia il fantasma di Indro Montanelli, che immaginiamo osservi disperato e pianga in silenzio, per la triste fine del giornalismo di casa nostra.

       


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Covid 19 e proteste

di Adriano Tilgher

In questi giorni di semilibertà la gente ha iniziato a protestare. Protestano le categorie più trascurate, come agenzie di viaggi, tour operator et similia, protestano quelli presi in giro dal governo come ristoratori, albergatori, negozianti di vario genere, molti dei quali hanno preso i 600 euro ma difficilmente riescono ad attingere ai finanziamenti garantiti dallo stato, protestano i disoccupati che crescono esponenzialmente, protestano i sottooccupati e chi la vorava in nero, lavoro che non esiste più e tutte persone che non hanno preso una lira, né a fondo perduto, né in prestito.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Storie di donne e di gelati

Oggi voglio parlare di due donne, donne diverse, per stile, nazionalità epoche e fama, donne che hanno avuto in comune amori, arte e frequentazioni con un vecchio satiro, innamorato dell'Italia, del Fascismo e della poesia, quell'Ezra Pound, da molti ritenuto fra i più grandi poeti del secolo scorso.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.