L'Europa del dumping sociale

Il caso dell’azienda “Embriaco” di Riva di Chieri che ha deciso di chiudere il proprio stabilimento a Riva di Chieri (provincia di Torino) licenziando 497 dipendenti e trasferendo la produzione nella Slovacchia, quindi in un altro Paese dell’Unione Europea, ha messo in luce l’assurda costruzione dell’Unione Europea e l’assoluta indifferenza sia per quanto riguarda l’occupazione sia per quanto riguarda le sovranità nazionali degli Stati membri. Infatti, il trasferimento – come altri avvenuti in passato in Polonia, Romania, Bulgaria e altri Paesi dell’Est europeo – è stato voluto dalla proprietà aziendale (che poi è americana, la Whirpool Corporation produttrice di lavatrici, lavastoviglie, frigoriferi e altri elettrodomestici) a causa del fatto che le retribuzioni e le condizioni ambientali e sociali del nuovo Paese dove si svolgerà la produzione sono più basse e meno vincolanti di quelle italiane. Questo in termini economici si chiama “dumping”, ovvero “scavalco” nella produzione risparmiando sui costi del lavoro e sociali. Ora, se ciò è consueto, anche se censurabile, per quello che avviene fuori dall’Unione Europea perché conseguente alla malaugurata istituzione del “WTO” (Organizzazione Mondiale del Commercio) effettuata su basi esclusivamente capitaliste e del cosiddetto “libero mercato” senza tener conto dei vincoli e degli oneri relativi alla tutela del lavoro, dell’ambiente, della sicurezza, della salute, della qualità dei prodotti (vedi l’invasione di prodotti cinesi, bengalesi, indiani), ciò è assolutamente inammissibile per quanto concerne gli spostamenti all’interno dell’Unione Europea. Ma come: l’Unione Europea, che emette “direttive” per qualsiasi stupidaggine, che minaccia multe milionarie per le mancate applicazioni, che controlla minuziosamente le leggi di bilancio, che impone l’età pensionabile, non si preoccupa poi di eguagliare le condizioni retributive dei lavoratori europei e comunque d’impedire – a scanso di severe sanzioni – la concorrenza sleale tra un Paese e un altro per accaparrarsi aziende, che poi non sono neanche europee? Eppure l’Unione Europea, in teoria, era nata proprio per la “giustizia sociale”: ha addirittura un “Consiglio economico e sociale”, ha un Commissario per il dialogo sociale, un altro per gli affari sociali, un altro ancora per l’occupazione e poi quello per la concorrenza. Ma nessuno ha emesso qualche “direttiva” per impedire questi “dumping” sociali, peraltro senza prevedere neanche risarcimenti per i lavoratori colpiti dal provvedimento. Senza contare, poi, il “vulnus” alla sovranità nazionale dello Stato vittima dei licenziamenti che avrebbe dovuto almeno avere un confronto preventivo, in sede europea, con l’altro Stato che accoglie l’industria in corso di trasferimento per concordare, insieme, condizioni e risarcimenti. Questo episodio, e ciò che esso rappresenta, dovrebbe far riflettere e agire tutti coloro che sono coinvolti in questa campagna elettorale e renderli consci che è veramente giunto il momento di rivedere i rapporti con questa Europa che pensa solo ai “mercati” e non alle “persone”!


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Covid 19 e proteste

di Adriano Tilgher

In questi giorni di semilibertà la gente ha iniziato a protestare. Protestano le categorie più trascurate, come agenzie di viaggi, tour operator et similia, protestano quelli presi in giro dal governo come ristoratori, albergatori, negozianti di vario genere, molti dei quali hanno preso i 600 euro ma difficilmente riescono ad attingere ai finanziamenti garantiti dallo stato, protestano i disoccupati che crescono esponenzialmente, protestano i sottooccupati e chi la vorava in nero, lavoro che non esiste più e tutte persone che non hanno preso una lira, né a fondo perduto, né in prestito.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Storie di donne e di gelati

Oggi voglio parlare di due donne, donne diverse, per stile, nazionalità epoche e fama, donne che hanno avuto in comune amori, arte e frequentazioni con un vecchio satiro, innamorato dell'Italia, del Fascismo e della poesia, quell'Ezra Pound, da molti ritenuto fra i più grandi poeti del secolo scorso.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.