L'UE crea disoccupazione con la trappola della formazione-certificazione

L'Ue crea disoccupazione nelle fasce più povere della popolazione, agevolando lo sfruttamento, e grazie alle norme sfornate negli ultimi cinque anni (recepite dagli stati membri). La novità è che, si potrà non pagare un lavoratore perché privo dei titoli richiesti dalle normative Ue per la prestazione d’opera. Così l’Unione Europea impone che l’azienda si sinceri, ed attraverso scrupolose indagini, che il lavoratore sia in possesso delle certificazioni che attestino i requisiti per svolgere qualsivoglia lavoro: dal medico all’ingegnere, dal ragioniere al geometra, dal giardiniere all’inserviente… tutti sono tenuti alla “formazione continua” e, soprattutto, a munirsi di “curriculum certificati” quando si presentano per una domanda di lavoro. E chi ha accumulato esperienza non dimostrabile, ovvero con lavori a nero? Per questi ultimi non c’è spazio, la certificazione (ovvero il responso degli enti previdenziali) avviene solo in cambio di un effettivo versamento contributivo.

L’idea del curriculum certificato nasce con “Europass”, uno dei cosiddetti “servizi” offerti dalla Commissione europea. L’obiettivo in origine era offrire un formato standard per i curriculum in Europa. Ovvero un servizio certificativo (piace tanto ai tedeschi) che accompagni la circolazione dei lavoratori in ambito Ue. Così nessun lavoratore potrà sfuggire al curriculum certificato ed agli obblighi formativi, pena perdere il lavoro, autonomo o dipendente che sia. Alla formazione continua saranno obbligati anche gli artigiani (falegnami, muratori, carrozzieri, meccanici, fabbri…) tutti costretti a perdere ore di lavoro per frequentare corsi di formazione presso enti regionali: carrozzoni pubblici finanziati dal Fondo sociale europeo (Fse) dove i docenti ne sanno meno degli studenti, soprattutto meno degli artigiani d’esperienza. Quelli dell’Europass sostengono che queste regole dovrebbero aumentare la qualità del lavoro, la trasparenza dei titoli e “la comunicazione tra chi cerca e chi offre lavoro”. Obiettivo dell’Ue è “la mobilità nell’occupazione. In pratica chi ha un negozio di ferramenta a Roma o nel Sud Italia potrebbe aprirsi anche una rosticceria a Parigi e Strasburgo: ridiamoci sopra che è meglio. Da Europass garantiscono che è “il curriculum certificato è gratuito presso le strutture abilitate alla certificazione”, soprattutto che serve “per avere sotto controllo la promozione della propria figura professionale”. Sono proprio “tempi moderni”, roba alla Charlotte.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

ILVA: l'Italia massacrata

di Adriano Tilgher

“Dilettanti allo sbaraglio” è stata una delle definizioni meno offensive nei riguardi del governo Conte, Di Maio e Zingaretti, da me provocatoriamente definito governo Renzi, dal nome di chi li controlla e li gestisce a suo piacere. La definizione sembra “azzeccata”, ma lo è solo nella prima parte perché ad essere sbaragliati non sono i “dilettanti” ma gli Italiani e l’Italia tutta, che si sta coprendo di ridicolo e si sta giocando quello che rimane della sua capacità industriale.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco


 

Banda Bassotti

Enniskillen, contea di Fermanagh, Irlanda del Nord, 7 aprile 1894, nasce Charles Duff, fu autore di libri sull'apprendimento delle lingue fra cui "Italiano per principianti", e “Italiano per adulti”. Duff prestò servizio come ufficiale della marina britannica durante la Prima guerra mondiale e poi nella divisione di intelligence del Foreign Office, si dimise negli anni '30, sostenendo la propria solidarietà ai fascismi, e pronto a sostenere un sistema simile anche in Gran Bretagna. Fra i suoi libri più conosciuti "Manuale del boia" pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1928, tradotto in varie lingue, (in Italia è uscito per la Adelphi), il testo, una dissertazione agghiacciante e sarcastica di come si impicca un condannato, tecniche, e particolari, dalle dimensioni della corda, ad un gioco di contrappesi, fatto con sacchi di iuta pieni di sabbia. George Norman Douglas, scrittore britannico, famoso per il suo romanzo Vento del sud Scrisse: «Se ne avessi il potere, vorrei che su ogni tavolino (..), per la prima colazione, ci fosse una copia di questo libro».

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.