L'UE crea disoccupazione con la trappola della formazione-certificazione

L'Ue crea disoccupazione nelle fasce più povere della popolazione, agevolando lo sfruttamento, e grazie alle norme sfornate negli ultimi cinque anni (recepite dagli stati membri). La novità è che, si potrà non pagare un lavoratore perché privo dei titoli richiesti dalle normative Ue per la prestazione d’opera. Così l’Unione Europea impone che l’azienda si sinceri, ed attraverso scrupolose indagini, che il lavoratore sia in possesso delle certificazioni che attestino i requisiti per svolgere qualsivoglia lavoro: dal medico all’ingegnere, dal ragioniere al geometra, dal giardiniere all’inserviente… tutti sono tenuti alla “formazione continua” e, soprattutto, a munirsi di “curriculum certificati” quando si presentano per una domanda di lavoro. E chi ha accumulato esperienza non dimostrabile, ovvero con lavori a nero? Per questi ultimi non c’è spazio, la certificazione (ovvero il responso degli enti previdenziali) avviene solo in cambio di un effettivo versamento contributivo.

L’idea del curriculum certificato nasce con “Europass”, uno dei cosiddetti “servizi” offerti dalla Commissione europea. L’obiettivo in origine era offrire un formato standard per i curriculum in Europa. Ovvero un servizio certificativo (piace tanto ai tedeschi) che accompagni la circolazione dei lavoratori in ambito Ue. Così nessun lavoratore potrà sfuggire al curriculum certificato ed agli obblighi formativi, pena perdere il lavoro, autonomo o dipendente che sia. Alla formazione continua saranno obbligati anche gli artigiani (falegnami, muratori, carrozzieri, meccanici, fabbri…) tutti costretti a perdere ore di lavoro per frequentare corsi di formazione presso enti regionali: carrozzoni pubblici finanziati dal Fondo sociale europeo (Fse) dove i docenti ne sanno meno degli studenti, soprattutto meno degli artigiani d’esperienza. Quelli dell’Europass sostengono che queste regole dovrebbero aumentare la qualità del lavoro, la trasparenza dei titoli e “la comunicazione tra chi cerca e chi offre lavoro”. Obiettivo dell’Ue è “la mobilità nell’occupazione. In pratica chi ha un negozio di ferramenta a Roma o nel Sud Italia potrebbe aprirsi anche una rosticceria a Parigi e Strasburgo: ridiamoci sopra che è meglio. Da Europass garantiscono che è “il curriculum certificato è gratuito presso le strutture abilitate alla certificazione”, soprattutto che serve “per avere sotto controllo la promozione della propria figura professionale”. Sono proprio “tempi moderni”, roba alla Charlotte.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La finanziarizzazione del potere

di Adriano Tilgher

Forse è questo il tema più delicato da trattare, per le sue implicazioni e per le sue conseguenze. Infatti i detentori del potere oggi non sono identificabili, sono un insieme di società, per lo più rette da prestanome anche di prestigio, neutralizzando i quali, non risolveresti nulla, data la totale spersonalizzazione di queste scatole cinesi dietro le quali si nascondono una serie di magnati e di inqualificabili oppressori. Eppure eliminare lo strapotere della finanza e dei suoi manipolatori sarebbe teoricamente molto semplice, basterebbero due leggine o, meglio, due articoli di legge, uno sulla moneta e l’altro sul mercato azionario, per destabilizzarlo totalmente. Il potere finanziario si regge tutto sulle carte; siano esse cartamoneta, azioni, obbligazioni o derivati sempre e soltanto carte sono.

Leggi tutto...

Video

Il Bastian Contrario

 

Tanto amore

Da alcune settimane anche le pagine di Fb sono inondate dalle sequenze del film So-no tornato, di un Mussolini che riappare nel nostro presente – imitazione cialtrona e da guitti di analoga operazione realizzata di recente in Germania. Facile strappare la risata, la battuta irridente, ma a me sembra come si sia, anche qui, di fronte a inconsapevole o meno atto di una sorta di ‘nostalgia’… senza, va da sé, la forza di quel ‘romanticismo fascista’ che ci appartiene e coinvolge e a cui non intendiamo rinunciare, noi ostinati proscritti contro l’invadenza dell’oggi. Non è di questo, però, che intendo scrivere se non come un qualsiasi possibile esordio. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.