L'UE crea disoccupazione con la trappola della formazione-certificazione

L'Ue crea disoccupazione nelle fasce più povere della popolazione, agevolando lo sfruttamento, e grazie alle norme sfornate negli ultimi cinque anni (recepite dagli stati membri). La novità è che, si potrà non pagare un lavoratore perché privo dei titoli richiesti dalle normative Ue per la prestazione d’opera. Così l’Unione Europea impone che l’azienda si sinceri, ed attraverso scrupolose indagini, che il lavoratore sia in possesso delle certificazioni che attestino i requisiti per svolgere qualsivoglia lavoro: dal medico all’ingegnere, dal ragioniere al geometra, dal giardiniere all’inserviente… tutti sono tenuti alla “formazione continua” e, soprattutto, a munirsi di “curriculum certificati” quando si presentano per una domanda di lavoro. E chi ha accumulato esperienza non dimostrabile, ovvero con lavori a nero? Per questi ultimi non c’è spazio, la certificazione (ovvero il responso degli enti previdenziali) avviene solo in cambio di un effettivo versamento contributivo.

L’idea del curriculum certificato nasce con “Europass”, uno dei cosiddetti “servizi” offerti dalla Commissione europea. L’obiettivo in origine era offrire un formato standard per i curriculum in Europa. Ovvero un servizio certificativo (piace tanto ai tedeschi) che accompagni la circolazione dei lavoratori in ambito Ue. Così nessun lavoratore potrà sfuggire al curriculum certificato ed agli obblighi formativi, pena perdere il lavoro, autonomo o dipendente che sia. Alla formazione continua saranno obbligati anche gli artigiani (falegnami, muratori, carrozzieri, meccanici, fabbri…) tutti costretti a perdere ore di lavoro per frequentare corsi di formazione presso enti regionali: carrozzoni pubblici finanziati dal Fondo sociale europeo (Fse) dove i docenti ne sanno meno degli studenti, soprattutto meno degli artigiani d’esperienza. Quelli dell’Europass sostengono che queste regole dovrebbero aumentare la qualità del lavoro, la trasparenza dei titoli e “la comunicazione tra chi cerca e chi offre lavoro”. Obiettivo dell’Ue è “la mobilità nell’occupazione. In pratica chi ha un negozio di ferramenta a Roma o nel Sud Italia potrebbe aprirsi anche una rosticceria a Parigi e Strasburgo: ridiamoci sopra che è meglio. Da Europass garantiscono che è “il curriculum certificato è gratuito presso le strutture abilitate alla certificazione”, soprattutto che serve “per avere sotto controllo la promozione della propria figura professionale”. Sono proprio “tempi moderni”, roba alla Charlotte.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Covid 19 e proteste

di Adriano Tilgher

In questi giorni di semilibertà la gente ha iniziato a protestare. Protestano le categorie più trascurate, come agenzie di viaggi, tour operator et similia, protestano quelli presi in giro dal governo come ristoratori, albergatori, negozianti di vario genere, molti dei quali hanno preso i 600 euro ma difficilmente riescono ad attingere ai finanziamenti garantiti dallo stato, protestano i disoccupati che crescono esponenzialmente, protestano i sottooccupati e chi la vorava in nero, lavoro che non esiste più e tutte persone che non hanno preso una lira, né a fondo perduto, né in prestito.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Storie di donne e di gelati

Oggi voglio parlare di due donne, donne diverse, per stile, nazionalità epoche e fama, donne che hanno avuto in comune amori, arte e frequentazioni con un vecchio satiro, innamorato dell'Italia, del Fascismo e della poesia, quell'Ezra Pound, da molti ritenuto fra i più grandi poeti del secolo scorso.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.