Moderati: braccio operativo dell'establishment

Ormai il sistema euro riceve un colpo ad ogni elezione a cui i singoli paesi sono chiamati. Degli ultimi giorni è il turno elettorale in Baviera dove l'asse CDU-CSU-SPD subisce una bocciatura cocente e senza appello mentre avanzano le forze dei Verdi ambientalisti oltre che dei borghesi Liberi Elettori baveresi e l'AFD passa da 0 al 10%. Seppur conservando quasi sicuramente la presidenza del Land il partito cristiano-sociale perde, per la terza volta in più di 70 anni di storia, la maggioranza nel parlamento regionale vedendosi così costretto a scendere a patti. È bene tacere quanto riguarda i socialdemocratici tedeschi. Non è mai bello parlar male di un moribondo. Ciò che più conta è che i risultati di queste elezioni locali mettano in crisi il governo Merkel, cuore pulsante dell'europeismo.

Storia non troppo dissimile da quella tedesca avviene in Svezia dove a seguito delle ultime elezioni legislative i tradizionali blocchi di centro-destra e centro-sinistra si trovano ad aver ottenuto l'uno 143 e l'altro 144 con una maggioranza richiesta di 175 su 349. In mezzo a loro il convitato di pietra con cui nessuno vuol parlare dei Democratici Svedesi, formazione di estrema destra avversa alle politiche migratorie degli ultimi anni. Perciò razzisti brutti, sporchi e cattivi. Il primo ministro in carica, il socialdemocratico Lofven, ha tentato di avviare un governo di minoranza in quanto leader del primo partito (nonostante la più brutta flessione negativa della loro storia i socialdemocratici si sono comunque assicurati 100 seggi su 349) venendo però respinto con perdite, per la prima volta nella storia svedese con una sfiducia in parlamento, dalla coalizione di centro-destra e dai Democratici Svedesi affratellati dal desiderio di voler mettere fine alle politiche europeiste e immigrazioniste di Lofven. È stata quindi la volta del capo del Partito Moderato Kristersson che però non è riuscito a sua volta a trovare la quadra della situazione dovendo rimettere il mandato pur con un significativo “per il momento”. Si starà a vedere. Il dato fondamentale è il trend positivo dell'euroscetticismo e quello negativo dell'immigrazionismo.

Ancora una volta dunque le forze di centro-destra, che si definiscano conservatrici o cristiano-sociali, sono state dunque ancora una volta chiamate ad essere il braccio operativo d'emergenza dell'establishment ordoliberale di matrice atlantica nemico del cambiamento ed avverso anche al nuovo corso nazional-borghese intrapreso dai popoli del vecchio continente. Si è sempre sostenuto che un ambiente politico di tipo nazionale e borghese sia il migliore per un’evoluzione in senso comunitario od anche solo verso una più elementare conservazione dello Stato-Nazione. Possibile che forze di centro-destra come Fratelli d'Italia, i Liberi Elettori bavaresi, i Moderati svedesi o i Popolari spagnoli non capiscano che il loro elettorato di riferimento, la media e alta borghesia dei rispettivi paesi, vogliano ed auspichino proprio questa svolta? Possibile che siano così cieche da non riuscire a leggere una situazione geopolitica internazionale, ma in particolare europea, così chiara e lampante? O sono pagati o sono cretini. È bene augurarsi che sia la seconda e meno grave delle due.

Le borghesie nazionali anelano ad un ritorno quasi ottocentesco della funzione protezionistica da parte dello stato della loro attività. E soprattutto anelano ad una fuga da questo modello di Unione Europea disfunzionale e dalle estreme conseguenze. Nella vasca troppo grande rappresentata dal liberismo globalista i pesci piccoli nazionali vengono inevitabilmente mangiati dai pesci grossi dunque è bene rompere la vasca e dotarsi un acquario più piccolo e confortevole dove si è i più grossi e si riesce ad avere sempre la situazione sotto controllo.

Personalmente non mi opporrei a questa svolta miglior preludio possibile ad una virata rivoluzionaria. Che lor signori sappiano però che quando arriverà il nostro momento anche quelle acque placide si tingeranno di rosso.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L’abominio del pensiero politicamente corretto

di Adriano Tilgher

Siamo all’assurdo ciò che è vero per la gente non lo è per gli sconfitti della storia e della politica. La sinistra attuale rifiutata in blocco dal popolo italiano utilizza in modo selvaggio ed antidemocratico i miracolati della loro gestione. Uno dei torti, ma non è l’unico, della gestione di centrodestra è di non aver fatto pulizia di tutti i quadri al servizio della parte e non della Patria. Il che forse sta a significare che tutto sommato erano compagni di merende ed è proprio questa la ragione profonda della vittoria massiccia delle forze antisistema.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Perché Sanremo è Sanremo

1971 nei Jukebox passa un brano originale, come solo i brani del post Beat sapevano esserlo: “La realtà non esiste”. L'autore un giovane cantautore milanese, alla ricerca di un proprio stile musicale, e di una più complessa ricerca spirituale, Claudio Rocchi. Rocchi nel 1969 entra come bassista negli Stormy Six, il gruppo viene notato da Alberto Salerno produttore per casa discografica Ariston, che produrrà il loro primo  Lp.: "Le idee di oggi per la musica di domani."

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.