L'Europa matrigna favorisce chi specula sulla Grecia in fiamme

Il dito accusatorio dell'intero pianeta è puntato contro il presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, reo secondo più fonti di fare gli interessi delle banche del centro Europa. In nome di queste ultime avrebbe favorito le speculazioni in danno dei paesi più poveri dell'Ue.

A remare contro l'Unione europea anche il gelo verso l'ultima tragedia greca: i 48 focolai simultanei che, in cinque diversi fronti, hanno assediato Atene con le fiamme. Il governo greco ha chiesto aiuto all'Usa di Trump dopo le poche attenzioni dello staff di Juncker. Proprio i droni Uav, messi a disposizione dagli Usa per le attività di monitoraggio e coordinamento dei soccorsi, hanno evidenziato come tutti i focolai d'incendio fossero dolosi, provocati da unica regia che avrebbe gestito più di cinquanta sabotatori esperti in incendi. Quindi non opera di piromani occasionali, ma di uomini al soldo di speculatori internazionali.

Il premier greco Alexis Tsipras ha parlato di “minaccia asimmetrica” che si starebbe abbattendo sul Paese. C'è un tentativo d'ulteriore destabilizzazione della Grecia, ad opera di holding immobiliari collegate a banche d'affari lussemburghesi, belghe, olandesi e tedesche. Sull'argomento speculatori Tsipras ha detto “quando verrà il momento faremo le valutazioni che dobbiamo”.

La Grecia ha dovuto formalmente chiedere aiuto all'Unione Europea per spegnere i violenti incendi che accerchiano Atene: più di cento morti e migliaia di case distrutte, quasi cento mila persone in fuga. Ma sembra l'Ue starebbe valutando la cosa, e secondo rimpalli di competenza ed iter burocratici vari. A chi interessa la Grecia? Attualmente tutti i villaggi turistici sulle isole, con relativi porti, aeroporti, noli...sono ormai di proprietà di società riconducibili a multinazionali del nord Europa: è la contropartita chiesta cinque anni fa dalle banche Ue per non far fallire la Grecia. Ma ciò non sarebbe bastato. Speculatori immobiliari internazionali avrebbero proposto di trasformare la parte monumentale della Grecia continentale in una sorta di “Pergamon museum” all'aperto, con enorme ricaduta turistica, riconvertendo gran parte dei quartieri di Atene in plaghe alberghiere. Ed i residenti? Che fine farebbero i greci con reddito medio-basso? Uno studio finanziario avrebbe già previsto nel 2011 la loro migrazione nel mondo.

Lo sconcerto su queste situazioni sta indignando molti potenti della terra, immediata la solidarietà di Putin oltre che di Trump. Ma l'Europa tace su tutti i fronti, dagli incendi al commerciale passando per credito e agricoltura.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.