L'Elite Finanziaria si riserva di orientare le scelte di fondo

Come altre volte abbiamo scritto, il processo di globalizzazione economica ha favorito negli ultimi decenni l’ascesa al potere di una elite finanziaria transnazionale che ha acquisito un potere di controllo di fatto sul sistema economico mondiale tramite il monopolio degli strumenti finanziari e la supervisione sui principali organismi che svolgono la funzione di regolatori dei mercati dei capitali e dei principali indici finanziari (dal Fondo Monetario Internazionale, alla Banca mondiale, al potentissimo WTO, oltre alla Banca dei Regolamenti Internazionali, alla Goldman Sachs, alla JP Morgan, ecc..).

Le ultime elezioni politiche in Italia confermano il profondo distacco delle elites dai ceti popolari. Infatti il voto degli Italiani, che di fatto hanno voltato le spalle ai partiti che rappresentano l'assetto finanziario e la conformità con la oligarchia europea, viene considerato “non in linea” con il Pensiero Unico e viene quindi classificato come “populista”, “demagogico e fuorviante”.

La democrazia viene accettata dal sistema delle centrali dominanti soltanto quando, grazie alla manipolazione mediatica, la gente viene convinta a votare seguendo le indicazioni ricevute. Se questo non accade, allora il voto non vien considerato “legittimato” e si scatena la reazione delle proteste manovrate. Esattamente come è accaduto negli States dove, a seguito della vittoria di Trump, candidato sgradito all’establishment, molta gente, aizzata dalle varie ONG di Soros e di altri miliardari collusi con la famiglia Clinton, è scesa in strada con i cartelli  “Trump not my President”.

Le proteste di piazza  in Italia, inscenate contro il Governo Conte/Salvini, ricalcano lo stesso copione ed è facile prevedere che andranno in crescita. Questo spiega la spocchia delle dichiarazioni di alcuni personaggi politici del PD e fiancheggiatori , fra i quali qualcuno aveva già affermato in precedenza che “Il suffragio universale comincia a rappresentare un serio pericolo per la civiltà occidentale”.

Queste dichiarazioni dimostrano il disprezzo nei confronti dei ceti popolari da parte della classe elitaria formata dai funzionari del grande capitale, dagli opinionisti dei media, dagli esponenti (spesso non eletti) della classe politica dominante, coloro che hanno fatto della carriera e dei privilegi il loro principale obiettivo di conservazione nel potere.

I componenti di questa elite, attraverso le loro fondazioni, le cattedre e le docenze, oltre ai media controllati, hanno diffuso la convinzione che non esista alcuna alternativa possibile ai dogmi del neoliberismo caratterizzato dal mito della globalizzazione come processo ineluttabile ed irreversibile.

Da questo deriva l’assoluta distanza dai veri problemi della gente mascherata nella omologazione delle idee alla nuova ideologia globalista e mondialista che viene imposta dall’ordine finanziario che esige la rinuncia ad ogni forma di sovranità.

In realtà la sovranità che viene dismessa non è soltanto quella della Nazione, ma proprio quella popolare. L’elite deve decidere per conto del popolo, per il suo bene perchè il popolo è incolto, non comprende e si lascia fuorviare dagli agitatori e dai “populisti”.

Questo spiega perchè la possibilità di affidare al voto dei cittadini le scelte importanti è questione che si cerca di evitare o di limitare al massimo. In Italia, ad esempio, si esclude da sempre (per Costituzione) il voto popolare sui  trattati internazionali e la scelta di partecipare a “missioni internazionali”, naturalmente sempre “umanitarie”. Sono le elite e soltanto loro che possono decidere.

La  situazione determinatasi con l'ascesa dei partiti populisti in Europa è una situazione inedita. Non c'è dubbio che l'elite dominante non accetterà di perdere il controllo delle decisioni fondamentali e di mettere in gioco i suoi colossali interessi.

Disponendo del controllo quasi totale dei media e degli strumenti finanziari, l'elite dominante non tarderà a prendere le sue decisioni che saranno riservate ma inevitabili. Ne vedremo presto gli effetti.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

ILVA: l'Italia massacrata

di Adriano Tilgher

“Dilettanti allo sbaraglio” è stata una delle definizioni meno offensive nei riguardi del governo Conte, Di Maio e Zingaretti, da me provocatoriamente definito governo Renzi, dal nome di chi li controlla e li gestisce a suo piacere. La definizione sembra “azzeccata”, ma lo è solo nella prima parte perché ad essere sbaragliati non sono i “dilettanti” ma gli Italiani e l’Italia tutta, che si sta coprendo di ridicolo e si sta giocando quello che rimane della sua capacità industriale.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco


 

Banda Bassotti

Enniskillen, contea di Fermanagh, Irlanda del Nord, 7 aprile 1894, nasce Charles Duff, fu autore di libri sull'apprendimento delle lingue fra cui "Italiano per principianti", e “Italiano per adulti”. Duff prestò servizio come ufficiale della marina britannica durante la Prima guerra mondiale e poi nella divisione di intelligence del Foreign Office, si dimise negli anni '30, sostenendo la propria solidarietà ai fascismi, e pronto a sostenere un sistema simile anche in Gran Bretagna. Fra i suoi libri più conosciuti "Manuale del boia" pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1928, tradotto in varie lingue, (in Italia è uscito per la Adelphi), il testo, una dissertazione agghiacciante e sarcastica di come si impicca un condannato, tecniche, e particolari, dalle dimensioni della corda, ad un gioco di contrappesi, fatto con sacchi di iuta pieni di sabbia. George Norman Douglas, scrittore britannico, famoso per il suo romanzo Vento del sud Scrisse: «Se ne avessi il potere, vorrei che su ogni tavolino (..), per la prima colazione, ci fosse una copia di questo libro».

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.