Amatrice/Giappone: unica differenza il debito

Il programma di investimenti pubblici del nuovo governo prefigura una politica economica espansiva. Fra i molti interventi che il contratto di governo prevede vi è quello imprescindibile della ricostruzione delle zone terremotate. Una ricostruzione doverosa ma sicuramente tardiva. Come è possibile che le famiglie colpite dal terremoto non abbiano ancora visto un piano strutturale di ricostruzione completamente finanziato e già in partenza?

Se si vuole fare un paragone di due realtà emergenziali molto distanti (ma in cui il nostro panorama di ricostruzione risulta molto più facile da risanare) potremmo guardare a quanto avvenuto in Giappone dopo il Terremoto del 2011. Come è possibile che all'indomani di quello definito da alcuni come il più costoso disastro sismico della storia (danni per 250 miliardi di dollari) la ricostruzione sia stata fulminea? Per fare un esempio pratico vi sono autostrade, distrutte in quel terremoto, ricostruite in appena una settimana.

Certo i caratteri nazionali aiutano. Il popolo giapponese è noto per il senso del dovere rigidissimo, il rispetto delle istituzioni e dello stato, la capacità di organizzazione, la sua efficienza proverbiale e la prevenzione dei terremoti ormai elevata a sistema tramite edifici antisismici ed esercitazioni della popolazione. Ma non può essere tutto questo.

Eppure nel momento dell'immediata emergenza la macchina della Protezione Civile italiana si è mossa con tempestività pari a quella di un qualunque altro paese. Quando poi si è entrati nella fase della ricostruzione tutto cambia.

Cosa ha il Giappone che noi non abbiamo per far fronte a queste ed altre calamità? Semplice: la sovranità monetaria e la possibilità di fare debito.

I vincoli imposti dai burocrati europei (da cui recentemente è arrivata persino la richiesta di far pagare le tasse alle popolazioni disastrate del centro Italia) del pareggio di bilancio e del limite del 3% allo sforamento in deficit hanno paralizzato la ricostruzione quanto i mille cavilli burocrati e la mancanza di decisione politica.

A paragone la reazione del governo di Tokyo fu immediata grazie a più di 200 miliardi di valuta immediatamente messi a disposizione del paese ed emessi dalla banca centrale. Appena 60 ore dopo quel disastro i servizi idrici ed elettrici furono ristabiliti per il 98% della zona colpita. E 72 ore dopo la tragedia la Banca del Giappone iniettò 181 miliardi di dollari di denaro di Stato nella casse delle banche giapponesi come stop immediato a un tracollo finanziario. Con una ricostruzione stimata sui 128 miliardi di dollari, il governo giapponese si accordò con l’opposizione per un esborso totale di 230 miliardi di dollari. Inoltre, per rimborsare le vittime del disastro nucleare di Fukushima, il governo di Tokyo ha sborsato 20,6 miliardi di dollari alla Tokyo Electric Power Company, l’azienda responsabile della centrale.

Tutto questo possibile grazie ad un governo che non dovesse sottostare a vincoli di bilancio o piegare la testa di fronte ai diktat anti-popolari stranieri.

Una soluzione classicamente "all'italiana" per salvare capra e cavoli, non facendo debito ma per dare finalmente il via alla tanto agognata ricostruzione, potrebbe essere costituita dall'emissione dei minibot teorizzata da Claudio Borghi. Si starà dunque a vedere se difronte alla sofferenza dei terremotati il nuovo governo pseudo-sovranista avrà la spina dorsale di fregarsene degli ordini di Bruxelles.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

ILVA: l'Italia massacrata

di Adriano Tilgher

“Dilettanti allo sbaraglio” è stata una delle definizioni meno offensive nei riguardi del governo Conte, Di Maio e Zingaretti, da me provocatoriamente definito governo Renzi, dal nome di chi li controlla e li gestisce a suo piacere. La definizione sembra “azzeccata”, ma lo è solo nella prima parte perché ad essere sbaragliati non sono i “dilettanti” ma gli Italiani e l’Italia tutta, che si sta coprendo di ridicolo e si sta giocando quello che rimane della sua capacità industriale.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco


 

Banda Bassotti

Enniskillen, contea di Fermanagh, Irlanda del Nord, 7 aprile 1894, nasce Charles Duff, fu autore di libri sull'apprendimento delle lingue fra cui "Italiano per principianti", e “Italiano per adulti”. Duff prestò servizio come ufficiale della marina britannica durante la Prima guerra mondiale e poi nella divisione di intelligence del Foreign Office, si dimise negli anni '30, sostenendo la propria solidarietà ai fascismi, e pronto a sostenere un sistema simile anche in Gran Bretagna. Fra i suoi libri più conosciuti "Manuale del boia" pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1928, tradotto in varie lingue, (in Italia è uscito per la Adelphi), il testo, una dissertazione agghiacciante e sarcastica di come si impicca un condannato, tecniche, e particolari, dalle dimensioni della corda, ad un gioco di contrappesi, fatto con sacchi di iuta pieni di sabbia. George Norman Douglas, scrittore britannico, famoso per il suo romanzo Vento del sud Scrisse: «Se ne avessi il potere, vorrei che su ogni tavolino (..), per la prima colazione, ci fosse una copia di questo libro».

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.