Lavoratori uccisi dal liberal-capitalismo

Anche nella scorsa settimana, ci sono state molte morti sul lavoro. E alcune di queste sono indubbiamente dovute alla scarsa manutenzione e attenzione: la fuoriuscita di un getto di acciaio fuso nella fabbrica di Padova delle “Acciaierie Venete” e il distacco di una lastra di metallo a Sovere (Bergamo) nel cantiere della ELTI, che hanno provocato gravissime ferite e morti, sono eventi prevedibili per il tipo di lavorazioni effettuate. Eppure, incidenti simili stanno succedendo con un impressionante crescendo.

Ricordiamo al riguardo che le leggi in vigore stabiliscono che l’imprenditore debba tutelare il lavoratore alle sue dipendenze, e non da poco tempo. Lo stabilì già il Codice Civile (emesso nel 1942, firmato da Benito Mussolini e tuttora vigente) che all’art. 2087 recita : “l’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro”. Notate bene l’ultimo periodo: si parla, già allora, di “personalità morale”, cosa che verrà scoperta solo nell’ultimo decennio inventandosi le parole inglesi “mobbing” e “stalking”… L’art. 41 della Costituzione Repubblicana - che qualcuno chiama (erroneamente) “antifascista” - non usa questo termine ma lo nasconde dietro le parole “dignità umana”. Inoltre, nel 2008 fu approvato, dopo un lungo e costruttivo confronto con le Parti Sociali, il Testo Unico sulla sicurezza che stabiliva norme dettagliate e soprattutto l’istituzione nelle aziende dei “Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza”. La vigilanza era affidata al Ministero del Lavoro che a sua volta avrebbe dovuto costituire una Commissione Nazionale per la Sicurezza sul Lavoro.

Perché allora accadono questi gravissimi incidenti? Per due ragioni principali. La prima è l’abuso degli appalti e dei subappalti, in modo che le responsabilità vengono scaricate dall’uno all’altro dei datori di lavoro, e le piccole aziende subappaltanti non hanno i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; la seconda, è l’utilizzo incontrollato di lavoratori precari e stranieri (non a caso, negli ultimi incidenti sono stati coinvolti romeni e croati). E’ noto che costoro non conoscono e non hanno la cultura sociale di pretendere l’applicazione corretta delle norme di sicurezza, perché la loro principale preoccupazione è quella di avere un’occupazione anche se poco retribuita nonostante il rischio che comporta (si parla di 1.100 -1.200 euro al mese). Insomma, l’immigrazione e il precariato forniscono le vittime predestinate agli infortuni sul lavoro: e gli imprenditori che li utilizzano spesso sfuggono alle loro responsabilità e conseguenze anche penali. Per il gravissimo incendio a Torino nello stabilimento della “Thyssens Krupp” dove morirono sette operai, ci sono state nel 2017 (dopo dieci anni!) pesanti condanne agli amministratori ma – essendo cittadini tedeschi – non sono state mai scontate, e probabilmente non lo saranno mai…

A monte, vi è poi la responsabilità politica (e morale) del Ministero del Lavoro, attualmente affidato ad un ex-comunista-capitalista della Lega delle Cooperative che brilla per la sua assenza anche in questi momenti e non fa funzionare come dovrebbe gli Ispettorati e la Commissione Nazionale per la Sicurezza sul lavoro.

Insomma, il liberal-capitalismo accumula utili sulla salute e spesso la vita dei lavoratori, agevolato indirettamente dalle “liberalizzazioni” in materia di rapporti di lavoro e dall’ignavia delle istituzioni che dovrebbero, in base alle leggi vigenti, vigilare e punire comportamenti pericolosi.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'ovvio diventa legge

di Adriano Tilgher

Quando ero ragazzino era normale in tutte, o quasi tutte, le famiglie italiane lavarsi accuratamente le mani ogni volta che si rientrava in casa, quando si starnutiva usare un fazzoletto per coprirsi naso e bocca, quando si mangiava non parlare con il boccone in bocca, quando si stava nei luoghi pubblici, anche in quelli mobili, occorreva stare composti e cedere il posto a sedere alle persone anziane ed alle donne ed era assolutamente vietato sputare.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

L'amore ai tempi del Coronavirus

È il 1985: lo scrittore Colombiano premio Nobel per la letteratura Gabriel García Márquez dà alle stampe il romanzo L'amore ai  tempi del colera, romanzo da inserire in una speciale classifica che narra di sentimenti e vita, Eros e Thanatos, divinità del phanteon greco riciclate da Freud, che vanno ad indicare 2 tipi di pulsioni, quella per la vita" ("Eros"), comprendente libido e autoconservazione, e quella di morte" ("Thanatos"), che si manifesta in tendenze autodistruttive. L'amore e la malattia, il colera di Márquez, la peste descritta dal Manzoni nei Promessi sposi, mutuata da Boccaccio, che...

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.