La deriva narcisistica dell’economia e la globalizzazione deviata

Nel 1971 la celebre casa editrice londinese Penguin pubblicò un volume curato da Kurt Wilhelm Rothschild. Tra i contributi del libro, uno era stato scritto nel 1950 da François Perroux e si intitolava The Domination Effect and Modern Economic Theory.

L’economista francese, in quelle pagine, sosteneva che «l’economia è guidata non solo dalla ricerca del guadagno, ma anche dalla ricerca del potere». In effetti, a ben pensarci, la vita economica non può essere considerata un insieme di rapporti di scambio. Piuttosto, essa pare la risultante di un campo di forze, nel quale «domanda» e «offerta» si incontrano, ma sempre perché tale incontro è frutto di un rapporto di potere.

Qualche esempio: un’impresa esercita la sua influenza sulle decisioni in materia di prezzi o distribuzione di un’altra, magari più piccola o da meno tempo costituita; un settore dell’economia provoca un innalzamento (o un abbassamento) dei costi o dei prezzi in un altro settore dal quale però, non subisce influenze comparabili per portata e intensità; una Nazione impone ad un’altra (in un rapporto di forza asimmetrico) beni/servizi o un certo modo di produzione o di scambio.

Questo squilibrio di forze, nel Terzo millennio, è stato moltiplicato dal peso specifico che l’economia ha progressivamente aumentato rispetto a tutti i tradizionali riferimenti della società: la politica, la religione, la tradizione, l’ideologia. La “costellazione di interessi” ‒ di cui parlava Max Weber ‒ si è drasticamente semplificata in una polarizzazione pericolosa: «domanda» e «offerta».

Tutto ciò è successo perché l’“economico” da aspetto particolare della vita, è divenuto mentalità dominante e principio formante delle relazioni sociali. Con il trionfo dell’economia sulla politica ‒ consumatasi sull’olocausto dello Stato-Nazione disintegrato dalla globalizzazione e dal connesso neoliberismo ‒ la società liquida, per dirla con Bauman, si è data una nuova ideologia totale (o se preferite, un nuovo totalitarismo): l’economia.

Non più quella “politica”, ma quella della peggior specie, improntata su una tecnica economica distante ormai anni luce dai postulati classici dell’economia politica poiché resa “finanziaria” e “virtuale” dall’evoluzione dei mercati internazionali. Ciò ha tagliato ogni spazio alla solidarietà, al welfare, al “reale” insomma.

Basta guardarci intorno: lo sviluppo della cultura è impostato sul controllo dello spazio attraverso la comunicazione globale ‒ del web e del tempo ‒ attraverso l’enfasi di un presente che trascura il passato (cioè la traditio) e riduce il futuro ad un presente esteso; il legame sociale è ridotto alla provvisorietà e alla superficialità dell’interesse e del calcolo; il disegno di una “società globale” ‒ che è stato imposto nell’ultimo trentennio ‒ non ha affatto realizzato l’emancipazione dell’umanità ma, piuttosto, creato solo maggiore spazio per gli interessi delle élite dominanti a danno del “popolo” forzatamente globalizzato; il microcosmo della vita quotidiana è stato abbandonato all’interesse e al calcolo individuale ricadendo in un “tribalismo primitivo” che nei social media mostra i suoi peggiori aspetti (esibizionismo, bullismo, culto dell’effimero, etc.).  

In estrema sintesi, ideologizzandosi, l’economia ha sconvolto l’equilibro tra l’Io e il Noi che era alla base della precedente società moderna. In quella post-moderna, invece, il Noi è diventato il prodotto del calcolo e della combinazione: esso non riesce più a limitare il narcisismo dell’Io e il feticismo delle merci che invece sono deflagrati imponendo la ricerca della felicità solo in ciò che si consuma.

E così la globalizzazione si è rivelata come un processo imposto e deviato da una deriva narcisistica rinvenibile nel disegno inquietante dell’élite finanziaria che ha strumentalmente sostituito il pubblico con il pubblicitario, la continuità con la contemporaneità, il pellegrino col turista, il cittadino con l’avente diritto, la rappresentanza libera con quella degli interessi e così via. E ponendo in un angolo tutti gli eretici che, coraggiosamente, continuano a cercare un nuovo centro di gravità permanente.

Occhio, però, non è detto che non lo trovino.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Elezioni: il giorno dopo

di Adriano Tilgher

Diventa difficile comprendere, dopo questa ultima tornata elettorale, quali siano le posizioni in campo e soprattutto quali siano le differenze tra i vari partiti. Ancora una volta centro destra e centrosinistra hanno dimostrato di essere identici e di non voler in alcun modo differenziarsi. Anche i cosiddetti sovranisti, o populisti che dir si voglia, hanno dimostrato chiaramente quello che andiamo dicendo da tempo: non sanno cosa voglia dire essere dalla parte del popolo o propendere per il ritorno della sovranità al popolo.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Rien ne va plus

1986: Enrico Ruggieri partecipa al festival di San Remo con il brano "rien ne va plus" che otterrà il premio della critica, ne seguirà l'album "Difesa Francese" titolo mutuato dal gioco degli scacchi, (la difesa francese è una delle possibili sequenze di mosse iniziali). L'espressione rien ne va plus è costituita dalla parte finale della formula usata dai croupier per regolare i tempi delle puntate nel gioco della roulette (Faites vos jeux. Les jeux sont faits. Rien ne va plus «Fate i vostri giochi. I giochi sono fatti. Niente va più». Nella lingua italiana viene utilizzata in senso figurato per significare che quel che è stato è stato, che i giochi ormai sono fatti.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.