Fallimento

Strette creditizie e carestia nel nome del “Rosatellum”

Meno d’un mese fa ha fatto capolino su siti internet e giornali tedeschi la notizia che dall’Europa avrebbero chiuso i rubinetti del danaro verso l’Italia. Una scelta di politica bancaria, monetaria e creditizia che si sposerebbe con la tattica d’osservare il Belpaese sino a dopo le prossime elezioni politiche. E questo con la scusa di non fidarsi delle scelte politiche del popolo italiano. Ovvero poter dire “ha vinto uno che non ci piace, quindi vi lasciamo senza soldi perché non fareste buon uso delle risorse”, oppure “c’è un clima di generale marasma politico in Italia, ha vinto una maggioranza risicata, anzi non c’è un vero vincitore, quindi fino a quando non farete una grossa coalizione vi lasciamo alla fame”. E’ evidente che dietro questa politica di Ue, Bce e banche varie si celino i veri suggeritori del “Rosatellum”, la nuova regola secondo cui si dovrà votare. Quindi i tedeschi, o chi per loro, hanno dettato ai camerieri di Pd, Fi e parmentarume vario la nuova legge elettorale, fatta a posta per non dare all’Italia una maggioranza forte e dotata d’ampio potere legislativo. Una trovata che permette ai poteri forti in seno all’Ue di reiterare il costume del Paese retto da camerieri con medaglietta parlamentare o incarico da ministro, vice e sottosegretario. Sorge il sospetto che l’uscita di Berlusconi “se non c’è una maggioranza meglio un Gentiloni bis” sia stata dettata proprio dalle pressioni dell’Ue. Questo avvalora la tesi che Pd e Forza Italia siano disposte a continuare la politica economica inaugurata in Italia col governo Monti: ovvero spoliazione dei patrimoni privati degli italiani, tramite innalzamento di almeno due punti percentuali della pressione fiscale nel biennio 2018-2020, aumento dell’Iva al 25 per cento entro il 2021, reintroduzione dell’Imu sulla prima casa, introduzione d’una tassa sul dichiarato superiore ai 20 mila euro annui per costituire un fondo perequativo a sostegno del rettiti di cittadinanza. Insomma il capitalismo dell’Ue sta favorendo l’introduzione di “aree ad economia pianificata” nella cosiddetta “fascia povera” dell’Unione Europea. Ricetta a cui dovrebbe sottostare l’Italia in compagnia di Portogallo, Grecia e Cipro europea. E si badi bene che stanno attentissimi a non allargare queste ricette all’ex Europa orientale, consci che in quei paesi ben conoscano la “pianificazione economica”, poiché pilastro economico del marxismo. Con una simile ricetta ed in forza della varie normative europee, l’Italia può ben dimenticare l’economia solidale di mercato ed i “lavori in economia”, ricette in passato alla base del nostro benessere, perché permettevano al popolo di poter intraprendere lavori artigianali e di coltivazione diretta, nonché i piccoli commerci urbani. Di fatto le scelte dell’Ue frammiste a minacce di “chiusura di rubinetto” stanno facendo calare sull’ex Belpaese la carestia…tecnica in uso già secoli or sono, quando l’imperatore di Germania puniva i vassalli italiani perché in contrapposizione alle scelte teutoniche. Così calavano i lanzichenecchi e ci si ritrovava con fame, peste e violenze. Cambiano i tempi e le metodiche, ma il frutto della politica tedesca rimane del tutto similare. Soprattutto oggi piangiamo la mancanza dei valorosi capitani di ventura, che difendevano lo Stivale dalle soldataglie dell’imperatore. Al loro posto abbiamo una torma di camerieri che, con tanto di conti all’estero, garantiscono la sudditanza politica dell’italiano medio.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

C'è ancora un governo in Italia?

di Adriano Tilgher

Ci hanno fatto vivere due giorni di “suspense”, secondo loro. Il governo Conte cade o non cade? I numeri ci sono, non ci sono, il mercato delle vacche (alcune autentiche, con tutto il rispetto per l’animale sacro agli Indiani), i costruttori, i distruttori, i responsabili, gli irresponsabili… Parole, tutte vere, tutte false, tutti ad accapigliarsi ma per cosa? Per andare a votare? Come se non sapessimo che anche con il voto nulla cambierebbe, tutte le forze in campo sono controllate, nessuno ha un autonomo progetto politico, tutti sono liberisti o, per lo meno, nessuno ha il coraggio di condannare apertamente liberismo e globalizzazione.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Confessioni di un fazioso

2006 lo storico leader politico Missino Tomaso Staiti di Cuddia delle Chiuse dà alle stampe per Mursia "Confessione di un fazioso" un vero atto d'amore (tradito) per un'Idea, per una comunità, e per un'area di riferimento che è storicamente anche la mia. In questo testo fondamentale, e nel successivo "Il Suicidio della destra - Non uno schianto ma una lagna", ci mostra una carrellata irriverente del Phanteon missino e post missino. Purtroppo nella mia avventura politica mi sono incrociato con "il "Barone nero" solo 2 volte, nel 1984 dove giovane segretario sezionale Toscano di area Niccolai cercai di promuoverne l'elezione alla Segreteria contro Giorgio Almirante, e nel 2008 quando accettò la candidatura nelle tre circoscrizioni Lombarde per "La Destra", partito dove militavo. Ne uscì un anno dopo, quando si capì che Storace strizzava l'occhio al "Popolo delle Libertà", io sono stato meno coraggioso, e l'ho fatto solo nel 2013. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.