Le Idi di Marzo: dalla stampa all'IBAN

ovvero:

come 23 soldatini di piombo abbiano trasformato attraverso l'IBAN la favola in storia

[…]Così fu trafitto da ventitré pugnalate, con un solo gemito, emesso sussurrando dopo il primo colpo; secondo alcuni avrebbe gridato a Marco Bruto, che si precipitava contro di lui: "Anche tu, figlio?". Rimase lì per un po’ di tempo, privo di vita, mentre tutti fuggivano, finché, caricato su una lettiga, con il braccio che pendeva fuori, fu portato a casa da tre schiavi […] “ Par. 81 Liber I “Divus Iulius” De Vita Caesarorum, Svetonio

La storia è un passaggio di stato. sembra essere così diversa a volte ma in realtà è tutta uguale.

Ci vollero 22 coltellate di cui la 23^ fu quella mortale – come i testi ci narrano – per far finire la concezione “romanocentrica”; certo poi nei secoli fu riproposta sotto mentite spoglie ma quel “primo latte” limpido che era sgorgato dal ventre di mamma lupa allattando Romolo e Remo si concluse nelle Idi di Marzo.

Poi una serie di eventi nel susseguirsi delle stagioni storiche iniziarono ad avvicendarsi sulla scia di quelle 22+1 coltellate. Dobbiamo arrivare al XV secolo per i 23 soldatini mobili con cui un uomo conquistò il mondo dando la storia senza i suoi margini differenziali di racconto alla carta stampata: si chiamava Johannes Genfleisch della corte di Guttemberg. Fatto sta che “l’invenzione della sua stampa” decretò già una netta spaccatura tra vincitori e vinti; tra chi in futuro avrebbe potuto scrivere e chi no; tra chi avrebbe potuto raccontare e chi si sarebbe perso nell’oblio della parola.

Già il povero Platone cercava di ammonirci e di dissuaderci dall’intraprendere la scrittura e Socrate suo maestro quando Plato Maior era giovinetto ne sotterrò il seme: a nulla valsero i consigli. Avremmo perso molto ma soprattutto forse non ci saremmo potuti fare un’idea.

Ma una pugnalata è una traccia indelebile: come la scrittura. Anzitutto può sancire un “inizio o fine della storia” e inoltre rimane imperitura e indelebile alle generazioni future consegnandosi di solito come atto di coraggio quasi mai o in rari casi come codardia.

L’uccisione di Cesare e l’avvento “ a breve “ delle religioni monoteiste che avrebbero ripristinato sul trono lo stesso sotto mentite spoglie (vedasi la concezione del Cesaropapismo) sono la prova più evidente del trasformarsi e del mutare delle situazioni che, se in alcuni casi giocano a favore di quella che sarebbe potuta essere un’ottimale situazione primaria, nella maggior parte di essi ne stravolgono la stessa idea o la consegnano come non dovrebbe essere.

Gli uomini passano e le idee restano; ma siamo sempre sicuri che le stesse non siano state contaminate?

22+ 1 soldatini di piombo conquistano il mondo a suo tempo quando il primo libro ( la Bibbia e non è un semplice caso ) arriverà sulle tavole di ogni Cristiano, e non solo, nel mondo ma quando la stessa identica operazione sarà reiterata dallo spostamento di interi capitali dall’una all’altra parte del globo, e le banche per arrogarsene il diritto trasformeranno gli stessi in “ tracce elettroniche alfa-numeriche” spostandole per conto terzi perché come tutte le scritture a differenza del linguaggio restano sì ma non sono mai al portatore.

La creazione di un IBAN ( International Bank Account Number) di - notate bene – 22 numeri finali – in quanto i primi identificano la nazione da cui si parte e altre caratteristiche inerenti il conto - ha permesso e permette a tutt’oggi che anche il “Tu quoque” possa rinverdire.

Se è vero che la reale “intellighentia” è l’arte di unire le cose e di tracciare attraverso materie affini ma non del tutto simili diciamo una linea comune che mantenga agli occhi della profanitas una diversità manifesta, qui le categorie le abbiamo tutte e come al solito la visione d’insieme che manca ai più.

Qua si vorrebbe far chiarezza su ciò che è stato dopo delle tappe storiche dove, con la scusa di uccidere il tiranno, si sono portati al governo di determinati Paesi delle vere e proprie flotte di aguzzini opportunisti che del tiranno non valevano nemmeno l’unghia del mignolo.

Ma si sa e siamo soliti ripeterlo “ Unusquisque Faber fortunae suae”; questo mantra ci ricorda che la storia più che da vinti e vincitori è fatta da macellati e macellai e all’interno di questa macelleria dovremmo optare non per il meno peggio ma per chi ha una visione universale e programmatica di tutto ciò che lo circonda e chi pensa al suo benessere in riferimento a quello altrui. Che ha grande la visione del mondo che è visione di Roma e civiltà. Cesare con tutti i suoi limiti ha avuto il coraggio, l’audacia, la caparbietà e il carattere di lanciare il cuore oltre il Rubicone e oltre il Reno. Quando qualcuno già prima ma soprattutto dopo di lui aveva capito e aveva in cuor suo il medesimo scopo lo ha fatto fuori; per ripetere maldestramente quella storia che si sarebbe consegnata a noi stessi come Dominio di un’ ordine mondiale che avrebbe colonizzato i popoli anche i più ricchi di risorse naturali alla povertà della “ stringa elettronica “ della moneta unica con i suoi annessi e connessi.

 

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

A chi appartiene il domani?

di Adriano Tilgher

Io non so se questa pandemia sia vera o inventata, non so se sia stata creata in laboratorio o trasferita dai pipistrelli, non so dove inizi la verità e dove la menzogna (che i più schiavi di tutti chiamano “fake news”), ma soprattutto non so dove andremo a finire. Sicuramente so che di questo Covid 19 pochi sanno qualcosa che viene spesso trasformata e imbrogliata da chi, al servizio di interessi terzi, ha inteso approfittarne per incutere terrore nella gente affinché tutti accettassero di non vivere per evitare di morire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

No Vax no Dux

30 maggio 1431 Giovanna d'Arco morì arsa viva dopo un processo per eresia. 14 maggio 2020 la deputata del gruppo misto Sara Cunial, eletta con il movimento 5 stelle, ed espulsa ad aprile 2019 ha tenuto un discorso alla Camera, in cui ha criticato il governo per la gestione dell’emergenza coronavirus. Nella lettura del discorso, tenuto con voce tremolante ma di forte impatto emotivo, ha sferrato un attacco diretto al Presidente del Consiglio Conte, al Presidente della Repubblica, a Big Pharma a Bil Gates e a tutto ciò che gira intorno a varie teorie, considerate di controllo da alcuni, e di complotto da altri.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.