A volte e di questi tempi vale davvero la pena

   A volte, e di questi tempi vale davvero la pena, occorre abbandonare le amare e desolanti vicende pubbliche quotidiane e dedicarsi a letture ricche e cariche di senno e di esperienza.

   Confesso di non avere mai nutrito soverchia simpatia e accentuata considerazione per Susanna Tamaro, ma un suo “intervento” giornalistico di alcuni giorni orsono, intitolato “I ragazzi selvaggi e il tramonto dell’educazione”, merita riguardo, anche se uno dei modelli presentati (don Lorenzo Milani) appare un lontano progenitore o per dirla più francamente uno dei responsabili della situazione esplosa in questi mesi ma con una incubazione, iniziata da decenni con la “lezione” del sacerdote di Barbiana.

   La scrittrice, analizzando un volume sulla crisi del mondo giovanile, apparso nel 2016, si interroga sulle “realtà educative” presenti nella collettività, “abolito il ruolo educativo della scuola – ridotta nel migliore dei casi a luogo dove si apprendono tecniche – cancellata la stabilità e l’autorevolezza del nucleo familiare, scomparsi storicamente i partiti, eclissata la chiesa”. La risposta è centrata se si riconosce il carattere superficiale ed irriflessivo di un’analisi svolta sui risultati del 4 marzo, da realizzare invece con le indispensabili e accurate riflessioni.

   La Tamaro individua “soltanto il narcisismo anarchico della rete che esalta sopra ogni cosa la felicità individuale, creando una monocultura della mente e una totale anestesia del cuore”. Come non ritrovarsi nel bilancio, in cui condivide la posizione di una giornalista tedesca, capace, dopo una sola esperienza, di sfuggire alla “crudele banalità della maggioranza?”.

   In un periodico “cattolico antimodernista” un pensatore, che si firma “Anonimo pontino”, nella nota “Riflessioni sull’”idolatria del migrante””, ha espresso orientamenti che negli ambienti di destra dovrebbero risuonare e offrire spunti ideali sostanziali, preziosi di fronte alla confusione dilagante. Uno getta uno sguardo sull’impostazione di fondo, purtroppo condizionante: “L’economia attuale, totalmente svincolata da ogni norma di etica cristiana, obbedisce ai dogmi del liberismo totale sintetizzati da Milton Friedman ”Massimizzare il valore per gli azionisti è la sola responsabilità di un’azienda””.

   E a proposito del parallelo inevitabile ma scomodo tra comunismo e liberismo, ricorda che come il primo “aveva realizzato “un capitalismo di stato” in cui tutto il patrimonio era gestito dal Partito Comunista, così nel “capitalismo globalista” di oggi poche persone, che si nascondono dietro i fantasmi giuridici delle società per azioni, controllano tutte le ricchezze e le risorse nel loro esclusivo interesse”.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

A chi appartiene il domani?

di Adriano Tilgher

Io non so se questa pandemia sia vera o inventata, non so se sia stata creata in laboratorio o trasferita dai pipistrelli, non so dove inizi la verità e dove la menzogna (che i più schiavi di tutti chiamano “fake news”), ma soprattutto non so dove andremo a finire. Sicuramente so che di questo Covid 19 pochi sanno qualcosa che viene spesso trasformata e imbrogliata da chi, al servizio di interessi terzi, ha inteso approfittarne per incutere terrore nella gente affinché tutti accettassero di non vivere per evitare di morire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

No Vax no Dux

30 maggio 1431 Giovanna d'Arco morì arsa viva dopo un processo per eresia. 14 maggio 2020 la deputata del gruppo misto Sara Cunial, eletta con il movimento 5 stelle, ed espulsa ad aprile 2019 ha tenuto un discorso alla Camera, in cui ha criticato il governo per la gestione dell’emergenza coronavirus. Nella lettura del discorso, tenuto con voce tremolante ma di forte impatto emotivo, ha sferrato un attacco diretto al Presidente del Consiglio Conte, al Presidente della Repubblica, a Big Pharma a Bil Gates e a tutto ciò che gira intorno a varie teorie, considerate di controllo da alcuni, e di complotto da altri.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.