Il calcio: possiamo chiamarlo ancora sport?

Lo chiamano ancora sport, anche se ormai di sport al calcio è rimasto davvero poco. Il pallone è un business e non è un caso che tutti i suoi protagonisti puntino, prima ancora che ai successi sul campo, a fare quattrini. Così, nelle ultime settimane abbiamo assistito a scene pietose, che hanno portato al fallimento, facilmente prevedibile, dell’elezione del presidente federale e al commissariamento della Federazione Italiana Giuoco Calcio e della Lega di serie A.

Il risultato finale, dunque, ha decretato la vittoria sua tutta la linea del presidente del Coni, Giovanni Malagò, che voleva esattamente questo: diventare il vero padrone del business calcio. Come commissario Figc ha scelto un suo uomo, tal Fabbricini, mentre come commissario della Lega Calcio ha scelto se stesso: adesso tocca a lui dare il via alla nuova partita.

A noi interessa poco chi ha vinto oggi e chi vincerà in futuro, ma non possiamo non registrare che questi personaggi – tutti, nessuno escluso – hanno ridotto il calcio italiano in uno stato comatoso. La guerra tra i potenti del calcio – il vecchio presidente Tavecchio, il patron della Lazio, Lotito, e i loro seguaci – e il Coni di Malagò ha lasciato sul campo morti e feriti e, tra questi, purtroppo, c’è il calcio stesso.

Cosa dobbiamo aspettarci ora? Difficile dirlo, ma lo scenario che abbiamo davanti è avvilente. Il nostro settore giovanile, una volta grande punto di forza, è ridotto ai minimi termini, ma non potrebbe essere altrimenti, dopo decenni in cui le società e i procuratori dei calciatori hanno pensato soltanto a lucrare (spesso in nero) sui trasferimenti e sugli acquisti dei calciatori. La nostra nazionale, visto del depauperamento del settore giovanile, è in caduta libera ed è addirittura stata eliminata dai prossimi mondiali.

Insomma, siamo ai minimi termini e nessuno sembra essersene accorto. La cosa che interessa davvero a tutti sono i soldi e, per la prossima stagione, arriveranno tanti soldi in più, grazie alla televisione. Così,  le società incasseranno di più, i calciatori e i loro procuratori, insieme agli allenatori, potranno pretendere stipendi più alti (e già parliamo, in serie A, di guadagni  milionari) e gli spettatori negli stadi saranno sempre di meno, sia per l’offerta tv sempre maggiore, sia per il costo assurdo dei biglietti.

In definitiva, Malagò e la sua banda dovrebbero rifondare il calcio, ma non lo faranno. Si accontenteranno di gestire, attraverso il commissariamento, il miliardo di euro che arriverà per i diritti tv e accontenteranno, come sempre, gli amici e gli amici degli amici. Con buona pace degli amanti del calcio inteso come sport vero, quello che non esiste più da decenni.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Quali forze collegare [2]

di Adriano Tilgher

Detonatore potente di una micidiale miscela esplosiva è tutto il Medio-oriente con i numerosi problemi insiti in questa definizione. Dal problema palestinese alla sopravvivenza ed alle mire espansioniste di Israele, dalla questione libanese al problema dei territori occupati, dalle rivalità di religione agli intrighi di potere, dallo sfruttamento delle enormi risorse petrolifere al controllo delle vie di comunicazione per le stesse, tutto in questa zona del pianeta è complicato, foriero di gravi implicazioni, capace di scatenare inimmaginabili cataclismi.

Leggi tutto...

Video

Il Bastian Contrario

 

Il solstizio al Semprevisa

Venerdì scorso, tardo pomeriggio, alle porte di Latina. Percorrendo la via Pontina il traffico impone lunghe code e la guida a passo d’uomo. Temo d’arrivare in ritardo e me ne preoccupo. La ‘nostra’ comunità mi attende per la presentazione del libro. Un pretesto – ne sono consapevole e ne condivido l’intento – per ritrovarsi riconoscersi stare insieme in un momento antico e nuovo al contempo.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.