Il calcio: possiamo chiamarlo ancora sport?

Lo chiamano ancora sport, anche se ormai di sport al calcio è rimasto davvero poco. Il pallone è un business e non è un caso che tutti i suoi protagonisti puntino, prima ancora che ai successi sul campo, a fare quattrini. Così, nelle ultime settimane abbiamo assistito a scene pietose, che hanno portato al fallimento, facilmente prevedibile, dell’elezione del presidente federale e al commissariamento della Federazione Italiana Giuoco Calcio e della Lega di serie A.

Il risultato finale, dunque, ha decretato la vittoria sua tutta la linea del presidente del Coni, Giovanni Malagò, che voleva esattamente questo: diventare il vero padrone del business calcio. Come commissario Figc ha scelto un suo uomo, tal Fabbricini, mentre come commissario della Lega Calcio ha scelto se stesso: adesso tocca a lui dare il via alla nuova partita.

A noi interessa poco chi ha vinto oggi e chi vincerà in futuro, ma non possiamo non registrare che questi personaggi – tutti, nessuno escluso – hanno ridotto il calcio italiano in uno stato comatoso. La guerra tra i potenti del calcio – il vecchio presidente Tavecchio, il patron della Lazio, Lotito, e i loro seguaci – e il Coni di Malagò ha lasciato sul campo morti e feriti e, tra questi, purtroppo, c’è il calcio stesso.

Cosa dobbiamo aspettarci ora? Difficile dirlo, ma lo scenario che abbiamo davanti è avvilente. Il nostro settore giovanile, una volta grande punto di forza, è ridotto ai minimi termini, ma non potrebbe essere altrimenti, dopo decenni in cui le società e i procuratori dei calciatori hanno pensato soltanto a lucrare (spesso in nero) sui trasferimenti e sugli acquisti dei calciatori. La nostra nazionale, visto del depauperamento del settore giovanile, è in caduta libera ed è addirittura stata eliminata dai prossimi mondiali.

Insomma, siamo ai minimi termini e nessuno sembra essersene accorto. La cosa che interessa davvero a tutti sono i soldi e, per la prossima stagione, arriveranno tanti soldi in più, grazie alla televisione. Così,  le società incasseranno di più, i calciatori e i loro procuratori, insieme agli allenatori, potranno pretendere stipendi più alti (e già parliamo, in serie A, di guadagni  milionari) e gli spettatori negli stadi saranno sempre di meno, sia per l’offerta tv sempre maggiore, sia per il costo assurdo dei biglietti.

In definitiva, Malagò e la sua banda dovrebbero rifondare il calcio, ma non lo faranno. Si accontenteranno di gestire, attraverso il commissariamento, il miliardo di euro che arriverà per i diritti tv e accontenteranno, come sempre, gli amici e gli amici degli amici. Con buona pace degli amanti del calcio inteso come sport vero, quello che non esiste più da decenni.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La finanziarizzazione del potere

di Adriano Tilgher

Forse è questo il tema più delicato da trattare, per le sue implicazioni e per le sue conseguenze. Infatti i detentori del potere oggi non sono identificabili, sono un insieme di società, per lo più rette da prestanome anche di prestigio, neutralizzando i quali, non risolveresti nulla, data la totale spersonalizzazione di queste scatole cinesi dietro le quali si nascondono una serie di magnati e di inqualificabili oppressori. Eppure eliminare lo strapotere della finanza e dei suoi manipolatori sarebbe teoricamente molto semplice, basterebbero due leggine o, meglio, due articoli di legge, uno sulla moneta e l’altro sul mercato azionario, per destabilizzarlo totalmente. Il potere finanziario si regge tutto sulle carte; siano esse cartamoneta, azioni, obbligazioni o derivati sempre e soltanto carte sono.

Leggi tutto...

Video

Il Bastian Contrario

 

Tanto amore

Da alcune settimane anche le pagine di Fb sono inondate dalle sequenze del film So-no tornato, di un Mussolini che riappare nel nostro presente – imitazione cialtrona e da guitti di analoga operazione realizzata di recente in Germania. Facile strappare la risata, la battuta irridente, ma a me sembra come si sia, anche qui, di fronte a inconsapevole o meno atto di una sorta di ‘nostalgia’… senza, va da sé, la forza di quel ‘romanticismo fascista’ che ci appartiene e coinvolge e a cui non intendiamo rinunciare, noi ostinati proscritti contro l’invadenza dell’oggi. Non è di questo, però, che intendo scrivere se non come un qualsiasi possibile esordio. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.