La stretta sui popoli favorita dalla crisi del Coronavirus

Come interpretare quello che sta accadendo?

La crisi determinata dal Coronavirus ha messo allo scoperto il piano dell’Elite transnazionale di utilizzare la pandemia per ottenere il controllo totale delle popolazioni e dei governi sotto il pretesto dell’emergenza sanitaria. Dietro le quinte si muovono i grandi protagonisti della finanza e della politica internazionale dettando le loro direttive e, in qualche circostanza, manifestando apertamente le loro intenzioni.

È il caso di George Soros, il vecchio finanziere, speculatore e cinico promotore di migrazioni e di scardinamento degli stati nazionali, il quale non si è trattenuto ed ha voluto dire la sua. Nel corso di un’intervista rilasciata l'11 maggio, Soros ha detto che la pandemia apre la strada a cambiamenti sociali ritenuti impossibili, definendo questa come "un’opportunità rivoluzionaria per completare i nostri obiettivi".

Naturalmente altri si muovono con discrezione per comunicare le direttive ad organismi come l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il FMI, il WTO, la Banca Mondiale, la BCE e consimili dove sono presenti i fiduciari dell’Elite.

Ci sono però resistenze di alcuni governi che vedono nella crisi l'occasione per riaffermare la sovranità dello stato nazionale e allentare i vincoli dell’Unione Europea, abolendo l'apertura delle frontiere e affermando la preminenza delle proprie costituzioni rispetto alla UE. È il caso dell'Ungheria e della Polonia, che sfidano le regole imposte dalla UE e sono insofferenti delle intromissioni di questa.

Più preoccupanti per la elite sono i tentativi di ribellione di gruppi di cittadini verso la stretta messa in atto dai governi con le misure che sospendono le libertà costituzionali e impongono uno stretto controllo dei movimenti.  Queste misure suscitano una reazione di rivolta di settori della popolazione a causa, fra l'altro, di una crisi economica che sta portando all'impoverimento di una massa di persone.

Tutto questo rende la gente dipendente dagli aiuti di stato e quindi maggiormente ricattabile dalle classi dominanti che possono imporre i loro provvedimenti sulla base degli interessi dei grandi gruppi economici a scapito delle comunità nazionali. Il tutto viene favorito dal clima di paura alimentato dai media facendo balenare l’idea di una nuova ondata di contagi in autunno.

Isolare le persone, prevenire gli assembramenti e dare un senso di precarietà è un fattore importante per condizionare possibili tentativi di resilienza da parte dei soggetti più critici.

Già da tempo nelle riunioni ristrette dei club della Elite (Bilderberg, Trilateral, Davos, ecc. ) si paventava un possibile “risveglio globale” (“the Global Awakening”), come un rischio reale. Tale fenomeno potrebbe avvenire (ed è avvenuto) non soltanto nei paesi in via di sviluppo ma anche nei paesi occidentali, vista la situazione di impoverimento di massa. 

Da qui la necessità di controllare il fenomeno, censurare le pagine di controinformazione nei social ed isolare i fautori della dissidenza.  Uno scenario a cui ci stiamo avvicinando sempre più con casi eclatanti come la censura di Facebook, di You Tube e l'internamento di personaggi come Julian Assange.

Non bisogna farsi illusioni: il sistema sta progressivamente stringendo la morsa del controllo e si stanno perfezionando strumenti di sorveglianza quali algoritmi su pagine web, app di tracciamento, braccialetti elettronici, microchip sottocutanei. Ci stiamo avviando verso un sistema sociale dominato dallo scientismo dogmatico per instaurare il Nuovo Ordine Mondiale, quello che rende superflui i governi nazionali, obsolete le costituzioni.  

Soltanto una sana sollevazione dei popoli, pacifica ma determinata, può evitare questa deriva.

Le difficoltà spezzano alcuni uomini ma rafforzano la volontà di altri.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Il mondo sta cambiando

di Adriano Tilgher

Il dramma è che il mondo sta cambiando in peggio. Ce ne accorgiamo tutti i giorni dalle insulsaggini che ci raccontano, dall’ignoranza che ci circonda, dalle menzogne che ci propinano i media generalisti, di stato e privati, e dalla cultura che è ormai la grande assente. L’unica cosa grande che riescono a proporci è Il Grande Fratello; quello spettacolo spazzatura, degno di un pubblico pettegolo e guardone, che corrompe gli uomini e le donne, come tutti gli spettacoli montati da quella famiglia di corruttori di anime formata dalla coppia Costanzo-De Filippi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Da Prete Gianni a Prete Giorgio

Ammetto che prima di arrivare ad una cultura alta, ed altra, ho frequentato quella popolare, fatta di cinema, tv, dischi e fumetti, che spesso diventano spunti per parlare di temi e concetti attinenti ad analisi e interpretazioni della realtà divergenti dal sentire comune. Del personaggio di oggi potrei dirvi che ne ho saputo l'esistenza leggendo Il re del Mondo di Renè Guenon, mentirei, l'ho incontrato per la prima volta nel 1973, nelle pagine a fumetti dei "Fantastici 4” pubblicati dall' Editoriale Corno, e l'ho ritrovato anni dopo sempre a fumetti in Martin Mystere della Bonelli. Sto parlando di "Prete Gianni", leggendario sovrano cristiano la cui origine risale alla tradizione medievale. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.