Il nuovo "alto consigliere" di Papa Bergoglio

Il Papa Bergoglio, nell'intervallo fra una predica a favore dei migranti ed un'altra per esortare all'accoglienza, ha lasciato la sua sede in Vaticano e si trova in viaggio per Santiago del Cile dove lo aspettano le autorità di quel paese e la comunità dei cattolici delle Chiese cilene. Appare sicuro che, anche in terra cilena, non dimenticherà di menzionare il grande tema a favore delle migrazioni, probabilmente suggerito da qualche consigliere.

A proposito dei consiglieri del Papa, all'inizio di questo mese è circolata l'indiscrezione che, fra questi consiglieri di alto livello, sia arrivato anche un certo Peter Sutherland, un personaggio a cui il Papa aveva dato in febbraio la presidenza della "International Catholic Migration Commission", e che sembra sia anche consigliere della Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica (APSA).

Questo Peter Sutherland risulta essere anche il rappresentante delle Nazioni Unite per le migrazioni e, nella sua veste all'ONU, si è sempre adoperato per promuovere le grandi migrazioni verso l'Europa dall'Africa e dall'Asia.

Sutherland è un ex banchiere già "chef executive" della Goldman Sachs International e di varie grandi società, fra cui la British Petroleum -BP. E’ stato fra l'altro direttore Generale dell‘Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) ed ha ricoperto l'incarico di Commissario europeo alla Concorrenza.

In pratica è un componente della ristretta elite globalista che governa il mondo. Non per nulla Southerland è anche presidente onorario della "Trilateral Commission" ed è il capo della "London School of Economics.

Il programma di Southerland si ricava dai suoi discorsi ufficiali: "L’Unione Europea deve fare del suo meglio per minare l’omogeneità dei suoi stati membri”, aveva dichiarato nel giugno 2012. Sutherland ha anche affermato la" necessità di arrivare a società multiculturali in un nuovo ordine mondiale che superi le culture autoctone e che si incammini verso una molteplicità di culture".

Tale personaggio che abbiamo sopra descritto risulta quindi essere uno dei pseudo ideologhi della Chiesa "modernista e aperta" di Papa Bergoglio.

Però Peter Sutherland è deceduto il 7 gennaio di questo anno e presto sarà sostituito da un altro personaggio del suo livello.

Quando "el Papa" rientrerà a Roma troverà ad aspettarlo i protagonisti del circolo mediatico e pseudo intellettuale di riferimento, che saranno lieti di proseguire nel loro programma e di sollevare il nuovo vessillo pontificio per "santificare" l'idea del mondo globale che ci attende, assieme con la prossima "africanizzazione dell'Italia", quella che ci aveva predetto inascoltata  la compianta antropologa Ida Magli.

Sarà un mondo carico di promesse e di illusioni per i migranti che arrivano nella penisola, non altrettanto per i perdenti della globalizzazione, come quella coppia trovata a dormire, con bambino di due anni al seguito, nel vagone di un treno abbandonato su un binario morto alla stazione di Cagliari, hanno il torto di essere italiani e nativi sardi, una categoria non prevista dagli apostoli della Globalizzazione. Di loro il Papa e le istituzioni dello Stato non hanno tempo di occuparsi, non rientrano nella "categoria protetta" dei migranti.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Cosa succede?

di Adriano Tilgher

Sono preoccupato, molto preoccupato. Quello che ci potrebbe capitare è veramente incredibile.

Ma non è un virus ormai sotto controllo e sicuramente poco letale a preoccuparmi, sono gli eventi che accadono quotidianamente senza spiegazioni plausibili.

Questa volontà criminale di terrorizzare la gente, questa pervicace insistenza di dare notizie approssimative ed in modo capzioso, questa volontà perniciosa di creare ansia e quindi soggezione mi convincono che ci sia qualcosa di distorto.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Gli alarbi di Masaniello

Napoli 7 luglio 1647. Il pescatore Tommaso Aniello d'Amalfi, meglio conosciuto come Masaniello, al grido di "mora 'o malgoverno" da il via alla rivolta contro il Viecerè di Spagna Rodrigo Ponce de León, duca d'Arcos colpevole di un' onerosa pressione fiscale, e di aver introdotto una gravosa gabella sulla frutta, all'epoca  alimento più consumato dai ceti umili. Masaniello ed i suoi alarbi  (lazzari vestiti da arabi ed armati di canne come lance), sollevarono la popolazione, e la guidarono fino alla reggia dove, sbaragliati i soldati spagnoli ed i lanzichenecchi di guardia, giunsero fino alle stanze della Regina. Il duca d'Arcos, riuscito miracolosamente a salvarsi si rifugiò nel Convento di San Luigi e da qui fece recapitare all'arcivescovo di Napoli, il cardinale Ascanio Filomarino, un messaggio in cui prometteva l'abolizione di tutte le imposte. Dopo dieci giorni di rivolta che avevano costretto gli spagnoli ad accettare le rivendicazioni popolari, Masaniello fu accusato di "Pazzia" (probabilmente causata dalla reserpina, un potente allucinogeno somministratogli durante un banchetto nella reggia), e ucciso con una serie di archibugiate. Il corpo fu decapitato, trascinato per le strade del Lavinaio, e gettato in un fosso vicino ai rifiuti, mentre la testa fu portata al Viceré come prova della sua morte. Chiaramente le "gabelle” tornarono.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.