APPROFONDIMENTI: le brigate dell'amore e il delitto di odio

“Ah, l’amore, questo folle sentimento che, più fa buio, più ritorna da me. “I meno giovani ricorderanno la canzone dei Formula Tre, parole e musica di Mogol e Battisti.  Si sentiva il bisogno della Brigate dell’Amore, impegnate, per il bene di tutti, a combattere l’odio e gli odiatori. La nuova frontiera della società comatosa è la mobilitazione contro un sentimento. Folle davvero, l’amore falso e malato dei brigatisti anti odio. Non era mai capitato, nella lunga storia umana, che si invocassero e ottenessero leggi contro un sentimento. Il totalitarismo incede a passi da gigante, un lupo con la pelle d’agnello che non sa vincere le sue battaglie se non con divieti, interdetti e proibizioni in nome del Bene, l’ideologia del Diversamente Identico e dell’Equivalenza Universale. Lo stesso politicamente corretto cede dinanzi al nuovo proibizionismo con una mano sul cuore e l’altra sulla tasca interna, rifugio del portafogli. Non si può odiare, solo amare. La coppia, umana, umanissima, deve divorziare, anzi uno dei due, l’esecrato odio, deve scomparire.

Grottesco, l’odio contro l’odio. Chissà che ne penserebbe Catullo, il cui distico Odio e amo è uno dei vertici della poesia di tutti i tempi. Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris. Nescio. Sed fieri sentio et excrucior.  Suggestiva è la traduzione di Salvatore Quasimodo: Odio e amo. Forse chiederai come sia possibile; / non so, ma è proprio così e mi tormento.  Basta tormenti, bisogna farla finita con la complessità. Vietato vietare era lo slogan del Sessantotto. Il progresso è: vietato odiare. Naturalmente l’odio è sempre altrui: “noi” siamo, programmaticamente e insindacabilmente, i Buoni. Noi amiamo, non odiamo. E’ per amore che invochiamo pene severe per gli odiatori. Un po’ per celia e un po’ per non morire, si è tentati di evocare Cattivik, il personaggio dei fumetti che faceva di una comica cattiveria il suo modo di vita, a partire dallo sguardo in tralice e dal ghigno ostile.

Diciamola tutta: le Brigate dell’Amore odiano quanto e più degli altri. I loro bersagli sono la natura e la verità. La natura, imperfetta e piena di ingiustizie, va modificata. La verità deve essere negata in quanto può recare offesa. Spaventa questo mondo di offesi, oltraggiati, risentiti, che vivono oggi giudizio come un affronto. Vietato discriminare, cioè distinguere, giudicare, praticare la virtù dell’intelligenza. Il Bene è ciò che non divide, non esprime giudizi, non prende atto delle differenze, dei fatti. Il Bene ha un altro nemico: la realtà. L’obbligo del Bene e dei suoi pasdaran, i Brigatisti dell’Amore, è la conformità a un modello mentale: la gabbia degli uguali. Uno vale uno. Uno equivale a qualunque altro, è l’esito. Vietato dissentire, sotto pena di passare nella categoria degli offensori e dei portatori insani di odio. Tutto deve essere uguale, equivalente, diversamente identico. Giudicare, valutare, esprimere preferenze e di conseguenza avversioni è un delitto. Delitto di odio, da inserire nel codice penale.

La dittatura postmoderna, dismessa la maschera soft, svela il suo vero volto, un totalitarismo asfissiante che non si accontenta di proibire le parole, ma le riformula, insinuandosi nel pensiero. Siamo tutti Cattivik se non pensiamo in un certo modo, se non cancelliamo dalla cartella “file” del cervello, determinate parole, ma soprattutto se proviamo sentimenti proibiti. Se prendiamo atto delle differenze, le indichiamo e le giudichiamo con il metro della verità, della realtà, della banale constatazione, entriamo nel campo minato dell’odio. Ci aspettano la riprovazione, lo stigma sociale, l’etichetta di malvagi, la stella gialla in cui viene marchiata a caratteri di fuoco la lettera O di odio. Il bestiame umano appartiene a lorsignori. Nulla di strano che ci applichino un marchio. Potremmo ricordare Jean Genet, scrittore maledetto, disadattato, omosessuale, estremista, che scrisse in Les nègres – un titolo che oggi lo esporrebbe alle accuse di odio e razzismo, “quel che ci serve è l’odio. Da esso nasceranno le nostre idee”. Apologeta dell’odio o osservatore asciutto dell’umanità?

Già Eraclito affermò che il mondo avanza per conflitti, incarnati dalla figura mitologica di Pòlemos.  Stupidaggini del buio passato: siamo gente d’Amore. Ci è ingiunto di amare da un’autorità arcana che nega la complessità dell’umano. Ha deciso che esiste solo l’Uguale, l’Equivalente. Per questo, il delitto più sanguinoso è segnalare la differenza. Gli uomini non hanno razze, solo i cani, le civiltà e le culture si equivalgono, nessuno ha ragione, o meglio ce l’hanno tutti. Il bimbo della fiaba di Andersen che gridò “il re è nudo” sarebbe oggi rinchiuso in un riformatorio. Ha detto la verità, sia punito. Poteva affermare che il re è abbigliato con la sua pelle, evitando accuratamente il giudizio di merito.

Viviamo in mezzo a infinite tribù reciprocamente ostili, atomi che si riuniscono provvisoriamente, permalosi, eternamente in guardia dinanzi a qualsiasi parola, gesto, sguardo, condotta che suoni a offesa. Offesi gli omosessuali se non si rende omaggio al loro “orgoglio”, gli stranieri se li chiamiamo così, gli uomini di colore se si osa definirli negri, un termine che la biologia e l’antropologia hanno usato per secoli senza intento diffamatorio, i portatori di handicap se non ci si rivolge loro come a “diversamente abili”. Chi scrive ha sofferto per molti anni di una grave balbuzie: se lo avessero chiamato diversamente parlante sarebbe cambiata la sua vita? Evidentemente no, per cui a buon diritto rivendichiamo il diritto alla verità. Può essere cruda, fastidiosa, ma rende liberi.

Non è con gli eufemismi e i pietismi da salotto che si dimostra di amare.  Al contrario, ci rende più insensibili. Quel cieco è come me, vista a parte. Perché aiutarlo a salire sul bus o ad attraversare la strada? L’uguaglianza folle, imposta, contro logica, realtà e senso comune, genera mostri. Come Mefistofele, è lo spirito che sempre nega. Non ammette la differenza, nega la valutazione, asserisce che non ci sono belli e brutti, intelligenti e cretini, volonterosi e pigri, biondi, bruni e persino negri, con e senza la maledetta G. Constatare, prendere atto non è odiare, così come negare non è amare. Il panorama è variegato, ci sono più cose in cielo in terra di quante ne contenga la tua filosofia, ammonisce Amleto. San Pietro e la parrocchia di Foligno fatta a cubo dall’archistar Fuksas sono assai diverse tanto dal punto di vista artistico che sotto il profilo del richiamo alla fede.

No, quel che scriviamo e pensiamo è delitto di odio. Esiste nell’Italia felix del secolo XXI una commissione parlamentare amorevolmente tesa a stroncare l’odio. Potrebbe incriminarci. Non ci difenderemo: il reato è confesso e sotto gli occhi di tutti. Ma il re senza vestiti resta nudo, il cieco è al buio anche da non vedente e gli uomini sono diversi tra loro per caratteristiche morali, civili, culturali, e, bestemmia massima, etniche e fisiche. La pentola che bolle non riesce a amalgamare tutto: l’olio non si unisce all’acqua. L’insistenza morbosa sull’indifferenziato assume caratteri ossessivi compulsivi.

In una serie televisiva poliziesca, protagonista è Monk, geniale, ma affetto da ogni tipo di fobia. Non sopporta nessuna disarmonia, deve “mettere in linea” tutto ciò che vede, non accetta alcuna difformità, il suo mondo è una linea retta, o un cerchio perfetto. Non funziona così l’uomo e non è così il mondo. Il fatto che dalla persuasione per manipolazione, ripetizione coatta da parte di tutte le agenzie, scuola, governo, televisione, pubblicità, si passi a forme di divieto esplicito con pene a cui sfuggono comportamenti davvero gravi-  furti, truffe, sfruttamento- dimostra che alcuni uomini, forse molti uomini, possiedono ancora anticorpi. Sorvegliare e punire, il biopotere scoperto da Foucault, il potere sulla vita, sul corpo, sui nostri stessi pensieri, sono un fatto, ma non riescono a addomesticare del tutto l’Homo sapiens.

Secondo una ricerca, un numero crescente di italiani non crede o è indifferente all’Olocausto, il totem assoluto della postmodernità. Sbagliano, gli internati non morirono di freddo, ma la ripetizione continua, le infinite giornate della memoria, le dita alzate dei moralisti tanto al chilo, ben diversi dalle sofferenze delle vittime, finiscono per infastidire. La storia umana è un lungo calendario di stragi e ingiustizie. Non ce ne può essere una così diversa da diventare obbligo di legge. A parte le intemperanze di qualche sconsiderato, ciò che irrita non è la narrazione, ma la sua imposizione. L’accumulazione genera rigetto, come la santificazione obbligata di tutto ciò che è “multi” o “trans”. Nessuna civiltà si è fondata sulla torre di Babele, sull’ostilità di mille pezzetti in lotta tra loro, offesi anche dagli sguardi o da un sopracciglio inarcato. Rimodellano le parole per riconfigurare i cervelli, ma si finisce nell’afasia per sfuggire a quella che Durkheim chiamava anomia, l’assenza di ancoraggi comuni.  

Molte idiosincrasie sbrigativamente ribattezzate odio sono frutto di sovraccarico, reazione contro l’evidenza di alcune menzogne. Se ne ha abbastanza di non poter amare noi stessi, perché sarebbe la prova dell’odio verso gli altri. Ci ordinano di amare, ci vietano di odiare. Non si può, l’uomo racchiude in sé entrambi i sentimenti in un’infinità di sfumature. Non bisogna urtare la sensibilità di un numero crescente di soggetti, trucioli di permalose identità. Diventa odio proclamare la propria fede: le altre potrebbero risentirsi. Non si può preferire la propria gente, la lingua madre o i costumi del nostro popolo per lo stesso motivo. Ridotta la convivenza comune a una serie di procedure, di finti inchini reciproci, impauriti, si finisce per non essere nulla e non credere più a niente. Tuttavia, ce lo hanno spiegato Chesterton e Dostoevskij, chi non crede in nulla è disposto a credere a qualunque cosa. Forma tribù, ricerca nuove diversità, e reclama a gran voce il suo posto nella fiera del politicamente corretto, dell’equivalente, del diversamente uguale.

In certe zone degli Stai Uniti, paradiso multietnico, multireligioso, multiculturale, già si parla di ritorno al sangue. Non si dialoga più, se non tra simili. Così finiscono le utopie universaliste: incubi e legge del più forte. La nostra civiltà è in mano a ingegneri sociali. Mancano gli architetti e i buoni filosofi, portatori di un’idea organica della città comune. I maestri del risentimento, Freud, Marx, e poi Adorno, Marcuse, i “decostruttori” alla Derrida e i nichilisti alla Sartre hanno vinto. Il loro sporco lavoro è in via di completamento. A proposito di Freud: parlò di proiezione e transfert. Le anime belle, i brigatisti dell’amore, sono in realtà feroci odiatori, negatori implacabili di ciò che non capiscono. I bersagli sono la proiezione: attribuiscono loro i mali che non osano riconoscere guardandosi alla specchio. Svelare il castello di carte dell’equivalente, dell’indistinto, non mangiare il loro minestrone omnibus li perturba sino all’odio.

Vedono nel dissidente che insiste sulla nudità del re, un deviante animato dall’odio; riversano su di lui un sentimento freudiano, l’unheimlich, il perturbante, l’estraneità che inquieta perché non corrisponde al canone. Con il lessico degli psicologi, i Brigatisti dell’amore vivono in un bias permanente, una distorsione testarda della realtà. Per Carl Schmitt le categorie essenziali a cui ricondurre l’umano sono amico/nemico. Nella Teoria del partigiano notava che la modernità, avendo assunto come criterio fondante l’ideologia, non ha più un iustus hostis, un nemico con cui si tratta all’interno di una cornice comune, ma solo nemici assoluti, a cui va negato lo statuto di uomini, privati di legittimità e diritti. Possono solo essere distrutti, poiché rappresentano il Male. Di conseguenza, “noi” siamo il bene, con diritto di attribuire al nemico ogni nefandezza, a cominciare dall’odio.

“Loro” odiano, noi amiamo. Quindi non vanno sconfitti, ma cancellati. Non si può discutere: il Bene non si misura con il Male. Amore e odio non sono calcolabili in denaro, non possono ancora essere imprigionati in un codice a barre. In una società fredda, l’odio (altrui!) ci fa sentire caldi. Sotto il vestito firmato, identità surrogata degli Identici, dei Seriali, sopravvive un corpaccione flaccido, metafora del Nulla. L'ossessione per il controllo, per la “gestione” è il simbolo di una società amministrativa, privata di ogni idealità, ridotta a idealizzare l’equivalente. Pensiero non debole, ma assente. Nulla è giusto, niente è vero, quindi è odio, pretesa immonda stilare graduatorie, preferire, distinguere, riconoscersi in qualcosa. Il relativo, “liquido”, si assolutizza e chiama odio il dissenso “solido”. Non esiste cura eccetto il ritorno al reale, la dura terapia della verità: credere ai propri occhi, ridare alle cose il proprio nome, riconoscere se stessi, identificarsi e prendere atto delle distinzioni. Ogni tanto, è utile spegnere l’audio. Ad esempio, sottrarsi alla litania di chi ripete che non bisogna avere paura, chi odia ha solo paura. Il coraggio dei forti conosce la paura. La paura è vita, piaccia o non alle anime belle.  Chi teme qualcosa, protegge se stesso e gli altri, appronta difese, guarda in faccia la realtà, “discrimina”. Verrà imputato per violazione della legge Mancino se dirà che non esiste il Buon Selvaggio e che un balbuziente tartaglia?

La società degli offesi non può funzionare; non si può negare che la neve è bianca, l’erba verde e un maschietto è diverso da una femminuccia, un asiatico da un nordico, che un mussulmano ha un sistema di valori distinto da un cristiano. Nel romanzo La pelle di zigrino, Balzac, il gigante delle lettere francesi, descrive un talismano orientale, la pelle di zigrino, appunto, che può esaudire qualsiasi desiderio, ma ogni volta la pelle si restringe, accorciando la vita del suo proprietario. L’uomo occidentale sembra animato dalle stesse intenzioni del protagonista, Raphael: corre, esaudisce, esaurisce desideri e capricci in un suicidio a tappe sempre più ravvicinate. Chiamano odio l’attitudine di chi non condivide il loro universo rosé, amore il degrado di sé, multiculturalismo la fine della civiltà comune. Non sanno amare, solo tollerare, nel senso che accettano tutto poiché non credono in nulla, tranne nel “mischione” diversamente uguale.

Proibiscono i sentimenti perché prigionieri del nulla. La sottocultura del risentimento è “oicofobia”, odio di sé mascherato da rispetto per gli altri. Aveva ragione Cesare Pavese, grande artista manipolato, che pagò con la disperazione e il suicidio il “vizio assurdo” di non essere uguale, funzionale agli interessi dell’apparato ideologico. Nel Mestiere di vivere scrisse: si odiano gli altri perché si odia se stessi. Odiano se stessi proiettando sugli altri, con l’inversione che Orwell chiamò bispensiero, il rancore che chiamano amore.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La cultura dell’odio

di Adriano Tilgher

Ieri e oggi ho incontrato, separatamente, due signore, una relativamente giovane, l’altra relativamente anziana ed entrambe hanno usato una frase priva di qualsiasi significato, ma che è diventata un ritornello sistematicamente ripetuto dai diffusori del pensiero unico globale: “Io sono contro la cultura dell’odio”.

In Italia hanno addirittura fatto una legge in tal senso. Ma cosa significa la cultura dell’odio? Chi è che coltiva l’odio? Ma soprattutto chi può sostenere che in vita sua non ha mai odiato?

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Beat Generation

La settimana scorsa abbiamo parlato a margine del nostro articolo Helter Skelter della paranoia di Charles Manson riguardo alle simbologie Naziste, in articoli precedenti, della vicinanza della cosiddetta Beat Generation a scrittori come Ezra Pound, o ad esperienze artistiche come il futurismo, semplici note ai margini della storia, questo è evidente, ma si può parlare di una fascinazione della Beat Generation Statunitense ad un certo linguaggio e/o ad una certa simbologia ? Nel 1967 Jean-Louis Kerouac, meglio noto come Jack Kerouac, considerato uno dei maggiori e più importanti scrittori statunitensi del XX secolo, nonché padre del movimento "beat", che con i scritti esplicitò le idee di liberazione, ad un incontro presentò una sorta di programma politico culturale per la Beat Generation...

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.