I NUOVI MOSTRI: il porno-marxismo di Valentina Nappi

Tra il comico e il grottesco, tesi tra manifestazioni dadaiste ed esternazioni dal sapore inquietante, si ergono i nuovi mostri partoriti dal liberal-capitalismo.

Nella maggior parte dei casi l’uomo medio tende a sottovalutare la portata dei loro show narcisisti (siamo pur sempre figli della cosiddetta “società dello spettacolo”), tanto da derubricarli spesso e volentieri sotto la voce di “provocazione”; ma sono solamente boutades o con la scusa del “quarto d’ora di celebrità”, per citare Andy Warhol, le creature di questo tunnel degli orrori fatto di neon e plastica nascondono un peso specifico decisamente più importante?

Fra questi individui è salita all’onore delle cronache tale Valentina Nappi, porno-attrice salernitana, celebre non solo per i suoi film, ma anche per essere divenuta, è oscuro a che titolo, “influencer” di area liberal-progressista, nonostante nei suoi post instagram nomini spesso Marx (“il futuro è comunista” cit.); forse la signorina Nappi ignora che a Pyongyang sarebbe immediatamente internata in un campo di rieducazione forzata, ma andiamo oltre: quali sono i capisaldi del porno-marxismo di Valentina Nappi, novella Simone de Beauvoir e intellettuale “de sinistra”?

“Aborto obbligatorio per chi non può offrire una vita agiata (sic!) a un figlio: un figlio non è un diritto. Non ha chiesto lui di nascere, è stata una decisione unilaterale dei genitori. Ogni genitore è un assassino (e gli spunti freudiani qui si sprecano) perché mette al mondo un condannato a morte (Valentina ha scoperto che la vita è la malattia con il 100% di mortalità!). Almeno dunque si preoccupi di offrire il meglio. E se non è in grado, meglio l’aborto”.

Insomma, la sinistra riparta da Valentina Nappi e dalla sterilizzazione forzata delle masse operaie, perdindirindina!

L’interesse per il mondo dell’infanzia promosso dalla signorina Nappi, però, non si esaurisce con queste affermazioni (ma quale Montessori! Dopo il porno-marxismo, W la porno-pedagogia!): durante una conferenza TEDx (TED - Technology Entertainment Design: è un marchio di conferenze statunitensi, gestite dall'organizzazione privata non-profit The Sapling Foundation) la signorina Nappi ha argomentato a favore dell’irruzione del porno nello spazio comune: perché non proiettare un film pornografico in piazza, facendolo vedere anche ai bambini?

Tralasciando il fatto che la signorina potrebbe essere perseguita per corruzione di minore, a leggere il nostro bigotto e retrogrado Codice penale, mi sfugge dove siano le istanze marxiste in questa continua esaltazione della libertà di fare tutto sempre e ovunque, più tipica di un borghese annoiato abituato a sniffare i propri peti che della DDR.

Ora, al netto di queste affermazioni acefale, quale dovrebbe essere la reazione di una Comunità sana e “forte” di fronte a queste frasi deliranti fatte in nome di quel modello di società “illuminista e ateo” propugnato da Valentina Nappi? È sufficiente fare spallucce e voltare pagina?

Concludo prendendo in prestito le parole dell’ex presidente cinese Ju Hintao, noto “fascista”: "La pornografia in Rete rappresenta l'emblema della decadenza del mondo occidentale ed un danno insostenibile per le menti giovani".

Dal 2004 la Cina ha bandito i siti pornografici e la pubblicazione di immagini ritenute trasgressive, pena il carcere. Evidentemente lì il porno-marxismo non ha attecchito.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

C'è ancora un governo in Italia?

di Adriano Tilgher

Ci hanno fatto vivere due giorni di “suspense”, secondo loro. Il governo Conte cade o non cade? I numeri ci sono, non ci sono, il mercato delle vacche (alcune autentiche, con tutto il rispetto per l’animale sacro agli Indiani), i costruttori, i distruttori, i responsabili, gli irresponsabili… Parole, tutte vere, tutte false, tutti ad accapigliarsi ma per cosa? Per andare a votare? Come se non sapessimo che anche con il voto nulla cambierebbe, tutte le forze in campo sono controllate, nessuno ha un autonomo progetto politico, tutti sono liberisti o, per lo meno, nessuno ha il coraggio di condannare apertamente liberismo e globalizzazione.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Confessioni di un fazioso

2006 lo storico leader politico Missino Tomaso Staiti di Cuddia delle Chiuse dà alle stampe per Mursia "Confessione di un fazioso" un vero atto d'amore (tradito) per un'Idea, per una comunità, e per un'area di riferimento che è storicamente anche la mia. In questo testo fondamentale, e nel successivo "Il Suicidio della destra - Non uno schianto ma una lagna", ci mostra una carrellata irriverente del Phanteon missino e post missino. Purtroppo nella mia avventura politica mi sono incrociato con "il "Barone nero" solo 2 volte, nel 1984 dove giovane segretario sezionale Toscano di area Niccolai cercai di promuoverne l'elezione alla Segreteria contro Giorgio Almirante, e nel 2008 quando accettò la candidatura nelle tre circoscrizioni Lombarde per "La Destra", partito dove militavo. Ne uscì un anno dopo, quando si capì che Storace strizzava l'occhio al "Popolo delle Libertà", io sono stato meno coraggioso, e l'ho fatto solo nel 2013. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.