Solidarietà all’amico Danilo Quinto

Un giorno pagheranno loro. Non ci sono altre parole per rispondere ai Radicali che hanno mosso battaglia a Danilo Quinto, giornalista e scrittore cattolico che prima della conversione è stato tesoriere del partito di Pannella & Bonino.

L’accusa è stata mossa a seguito di due semplici parole, “servo sciocco”, espressione scritta in corsivo rivolta ad un ex deputato radicale contenuta nel libro di Quinto intitolato “Da servo di Pannella a figlio libero di Dio”, libro per altro dove lui stesso si definiva “servo di Pannella” in riferimento al suo passato. La denuncia per diffamazione a mezzo stampa presentata dai radicali ha fatto partire un estenuante processo, veramente faticoso sia per il carico emotivo, sia per le spese. Cosa parallelamente avvenuta, di altrettanta gravità, è il fatto che qualcuno ha ben pensato di far perdere persino il lavoro a Danilo, mandando sul lastrico un’intera famiglia.

La sentenza, pronunciata il 4 febbraio, prevede la condanna a 6 mesi di reclusione, più 2.000,00 euro di multa e il pagamento delle spese processuali. Curioso notare che il PM aveva chiesto solo la condanna al pagamento di una multa di euro 3.000,00. Adesso bisognerà aspettare 90 giorni per conoscere le motivazioni e presentare l’appello, mentre per la parte economica la sentenza è esecutiva.

Ancora una volta, i paladini della democrazia, del “più Europa per tutti”, degli scioperi della fame e delle marce per i diritti, si dimostrano al servizio della dittatura del dio mammona e dei suoi lacchè.

Ipocriti e mentitori, che si dicono pacifisti ed esultano per i bombardamenti contro i nemici dei loro padroni, si dicono libertari e negano la libertà dei nascituri attraverso l’apologia dell’aborto, un giorno saranno chiamati a rispondere delle loro azioni.

Esprimiamo massima solidarietà all’amico Danilo Quinto, offrendogli il nostro sostegno ed invitando tutti ad esprimere concretamente la propria solidarietà.

Per una donazione:

CONTO POSTE intestato a PASQUALE QUINTO (è il suo nome sui documenti)

IBAN IT 54 Y 36081 0513820 1764601769

oppure attraverso PayPalconto intestato a Pasquale Quinto

 

Coraggio Danilo, siamo con te!


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La società dell'assurdo

di Adriano Tilgher

Certe volte mi sembra di vivere in un tempo non mio; tutto quello che per me è normale per chi gestisce i mezzi di comunicazione è assurdo e piano piano la gente si convince che è assurdo e, siccome dicono che viviamo in democrazia e i più si convincono che l’assurdo è normale, viviamo in una realtà che secondo me è falsa e distorta.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Influencer

1970, Adriano Celentano, assieme alla moglie Claudia Mori, interpreta una delle sue canzoni più famose e dal forte impatto sociale, “chi non lavora non fa all'amore”. Era l'epoca degli scontri sociali, delle ideologie vive, e ben nutrite dal sangue dei giovani caduti sulle opposte fazioni, il sogno del sessantotto, che aveva unito per pochi giorni una generazione, era già diventato l'incubo, dei diritti senza doveri, del 6 politico e del libero amore. La chiesa, dopo millenni, con la chiusura del Concilio Vaticano secondo si era spostata in direzione antropocentrica, (l'antropocentrismo, dal greco anthropos, uomo, e kentron "centro", è la tendenza a considerare l'uomo, come centrale nell'Universo).

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.