Le impure mani della "Chiesa"

“Ricordati, figliolo, che la peggiore razza al mondo sono i preti!” Con questa frase, il superiore di un mio amico ex seminarista venne accolto il primo giorno in seminario. Forse il reverendo padre tutti i torti non li aveva.

Se il tono polemico del mio scrivere vi sembra già fin troppo elevato, potete tranquillamente passare altrove, ma ciò non cambia la realtà oggettiva dei fatti: la “Chiesa” è piena di schifo.

Fresca fresca è la notizia delle indagini sul vescovo Mons. Gustavo Zanchetta, altro fedelissimo di Bergoglio, promosso da lui alla diocesi di Oran e poi, dopo la sua misteriosa rinuncia al governo delle anime, alla Apsa, la potentissima Amministrazione Apostolica della Santa Sede. Un amico di Jorge, come lui stesso si è più volte definito, che ora si ritrova nella ennesima indagine per abusi omo-sessuali. Ancora il caso McCarrick stride per le vie di Borgo Pio ed ecco che già si torna a parlare di male fatto ai più deboli, da parte di chi i deboli dovrebbe proteggerli e condurli al Paradiso.

Ops, già, mi spiace dirlo, anzi no, lo ripeto volentieri: la chiesa è piena di gay.

E già che ci sono, ne dico anche un’altra: tutti sanno tutto di tutti, soprattutto in Vaticano, soprattutto il “Papa”.

Sento già con non poca goduria lo stracciarsi di vesti della moltitudine di benpensanti, di strenui paladini, di impegnati nel cammino, di personaggioni studiati del popolino e della intellighenzia “cattolica”. Ebbene, fatevene una ragione! Ben venga che stridano queste parole alle vostre orecchie, tappate dal cerume della vostra vomitevole omertà e della colpevole ignoranza, che vi rende stupide capre al servizio del maligno.

Voi, difensori dell’indifendibile, eretici più dell’eresiarca, incapaci del retto uso della ragione, oltre che della Fede, che purtroppo Divina e Cattolica forse nemmeno mai l’avete conosciuta, imbevuti di mefistofeliche cialtronerie circa il diritto, la pastorale, il vangelo, la catechesi, i gruppi, i ritiri, i cammini, i movimenti, e bla bla bla, chi più ne ha più ne metta.

Ciechi che guidano altri ciechi, sordi che gridano ad altri sordi, storpi che brancolano nel buio trascinando una infinità di anime alla dannazione, a suon di errore e di orrore.

Mi dispiaccio per la generale ignoranza in termini di teologia, nonché di filosofia (che già sarebbe una propedeutica conquista e risolverebbe molti mali), e non mi occuperò certo di smontare qua tutti i castelli di carta circa papa / non papa, Chiesa / falsa chiesa, e via dicendo; desidero che anche solo per un istante, cominciate a rendervi conto che il marcio, lo schifo e la perversione più vomitevole sono imperanti e dominanti all’interno del clero e delle gerarchie e che deve essere chiamata col suo nome ed accusata come tale.

I seminaristi vengono educati all’omosessualismo (oltre al fatto che vengono fatti fuori se hanno retta Fede Cattolica), vengono provati con una moltitudine di perversioni, costretti ad ingoiare i rospi, maltrattati, spinti a credere cose contro ogni credo e a tenere nascoste verità oscure, in nome della falsa obbedienza, cavallo di battaglia della chiesa dell’anticristo (ben altra cosa è la virtù dell’Obbedienza).

Allo stesso modo, quei preti che vengono su in queste condizioni, pervertiti eticamente sin dal principio, non possono che diventare quei mostri che osano abusare bambini e adulti, di ambi i sessi, distruggendo la vita di innumerevoli anime.

No, signori miei, non sono pochi, non sono casi isolati, non sono una cerchia ristretta. Sono la marea, la maggioranza. Provare per credere. Anzi, no, vi sconsiglio di provare, perché non è necessario provare il fuoco per sapere che brucia.

Aprite gli occhi! Cominciate a guardare con cristiano realismo come stanno le cose e ciò che avviene attorno a voi.

Ancora manca il vero svelamento dei nomi e cognomi, delle liste di tutte queste orribili bestie, che governano dalla sede vaticana, che proteggono i loro simili, che ordiscono come viscidi serpenti nuove insidie per i nobili e puri cuori dei fedeli.

Finché gli scandali avvengono all’estero o in remote regioni, poco cambia. Il vero “boom!” lo avremo quando verranno fuori gli scandali in Italia. Allora sì che la “Chiesa”, avente sede a Roma, sarà scossa.

Attendete, è solo questione di tempo. Scegliete voi se rimanere dalla parte dei cooperatori di questi traditori, o se cominciare a risvegliarsi e scegliere di seguire Cristo Gesù e Maria Immacolata.

Ma tutto questo schifo, che senso ha? Perché Dio lo permette? Ancora una volta, il Padre nella Sua Perfettissima Provvidenza permette tanto male per un bene maggiore. Anzitutto, il distacco dalla falsa chiesa anticristica; quindi l’affermazione della Sua Onnipotenza e suprema autorità; quindi il Trionfo del Cuore Immacolato di Maria, che vedrà sbaragliati tutti i servitori del cornuto e la vittoria per i pochi eletti che saranno stati degni di entrare alle mistiche nozze dell’Agnello.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia che non cambia

di Adriano Tilgher

Ho piacere di sentire le tante riforme che il governo a trazione leghista vuole fare in questa legislatura, magari siglando un nuovo contratto con i pentastellati. Mi lascia però perplesso l’assoluta mancanza di riferimento a qualsiasi punto fermo di visione complessiva della politica, della vita, dell’uomo cui ancorare queste ipotetiche riforme.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

I "valori" dell'Occidente

Messina 11 Giugno 2019, il filosofo russo Alexander Dugin, autore fra altri importanti testi, de: "La quarta teoria politica", doveva tenere una conferenza nella sala Cannizzaro del rettorato dell’università, il tutto organizzato da mesi, e con il patrocinio del Comune, ad un giorno dall'evento, (come accaduto a Roma per la presentazione del libro "la mia Avanguardia" del nostro direttore Adriano Tilgher), la sala viene negata per volere del Rettore Salvatore Cuzzocrea.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.