4 novembre 1918 – 4 novembre 2018: la discendenza dei “regnicoli Cagoja"

“Cagoja” fu il simpatico appellativo che il Vate d’Annunzio dette al primo ministro Francesco Saverio Nitti allora presidente del consiglio e ministro dell’interno prima, in occasione della “scelta” tutta italiana di non intervenire in una guerra che era già stata abbondantemente su carta dichiarata. Stare a guardare come al solito per vedere quale “giro di valzer” ci sarebbe andato meglio.

Del resto, non c’è da stupirsi se già all’epoca esistevano questi fenomeni, e il “disonorevole” Giolitti – specchio di una Italia che da allora avrebbe affidato il testimone alla Repubblica del 1945 – tra gli alti e bassi era rimasto sempre in piedi a difendere la sua posizione da primo ministro intervallandosi con altri compagnucci suoi.

Cagoja si ripresentò durante l’occupazione dei “sognatori di Fiume” e di tutta quella generazione che mise anima e corpo per riprendersi confini che la stessa Storia sembrava avergli decretato; dall’alto della sua poltrona si trovò ad apostrofare una generazione di guerrafondai senza però poi porsi il problema – ma questo non lo fece mai neppure il Re- di mandare una generazione al macello.

C’è chi la storia la scrive, c’è chi la storia la fa e nella rumorosa maggioranza dei casi le cose non coincidono mai. La terra non è poi così lieve e la memoria dura non più di un ora; a restare sono solo le memorie per interesse o quelle finanziate dal sistema. Però il palchetto è necessario per far vivere le stesse falangi deboli del sistema, e allora 4 novembre 2018 si replica la recita di classe con tutte le forze dell’ordine schierate, pochi che vi credono ancora davvero, e il resto suppellettili spolverate orgogliose di uniformarsi alle parole del loro Presidente.

La salma appare in tutta il suo smagliante grigiore segno dei tempi e del potere dell’economia. Sul pulpito la sua finta commozione mentre commemorando infila in un discorso vuoto la finta bellezza del permettere a uomini di diverse nazioni di camminare (e si badi non marciare né marcire) assieme. E chi permetterebbe tutto ciò se non la pace dei popoli che si chiama Europa o meglio zona euro? Chi se non la silenziosa guerra che ha imposto, senza spargimenti particolari di sangue o di coscienze, la dittatura imposta dell’euro e mascherata dalle sataniche gerarchie plutocratiche in democrazia?

È proprio quella l’ultima “dea cecata “che ci permette di dire scrivere e sentenziare come sto facendo. E allora viva il libero pensiero soprattutto quando tutti scrivono ma nessuno legge, tutti parlano e nessuno ascolta. A reti unificate il nuovo Cagoja commemora la Vittoria ( sottaciuta ) della prima guerra mondiale, ne ricorda pacatamente il sacrificio, ammonisce tuonando le orrende dittature succedute perché mai più fascismo, mai più nazismo, mai più shoah, ( che da pendant ci sta bene sempre ) ma poi trovandosi a Trieste non può firmare la giustificazione scolastica a quel popolo che le scuse, dall’inizio della Repubblica ad oggi non le aveva mai avute; e quindi sempre sommessamente si lascia sfuggire un perdono per le foibe e va avanti così seguendo il canovaccio a cui siamo costretti dal ‘45 ad oggi.

Pazienza, forse è ciò che chi più chi meno tutti meritiamo dato che siamo un popolo che decide di diventare cosa è solo se il carro è pronto ed il giogo dei buoi è stato messo. Così è stato per la prima guerra come per l’armistizio: chi è rimasto nelle proprie linee, fedele alla sua etica, è stato tacciato ed è tacciato a tutt’oggi di essere un criminale.

E allora visto che i criminali sono apolidi e nulla osta loro riguardo all’apologia a qualsivoglia reato contro cose persone o civiltà, mi si conceda una libertà di stampa vera e non si offenda il signor Presidente se quell’ Italia trucidata dalla baionetta dello straniero non è rappresentata dal suo essere accessorio, ma è quella che estrae gente viva dalle macerie dalle esondazioni ed inondazioni e che lotta ogni giorno nel suo fare quotidiano per difendersi dai banchieri dell’ Europa e da una politica fatta da gente come lei!

Quell’Italia che non tollera e che un domani castigherà i “ buffoni da salotto “.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Unità di popolo per resistere

di Adriano Tilgher

Il cammino sarà lungo ed irto di ostacoli, ma è l’unico per uscire dalla crisi. L’Italia sta imboccando la via giusta ma sarà necessario chiedere l’aiuto di tutto il popolo italiano e l’appoggio dei popoli europei. Occorre di corsa fare appello all’orgoglio di essere Italiani, quell’orgoglio che nasce dalle enormi capacità creative del nostro popolo, dall’enorme patrimonio culturale in nostro possesso e dall’altrettanto enorme patrimonio sparso per il mondo, dalla grande tradizione storica di cui siamo eredi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Rosso Istria

28 aprile 1937, Benito Mussolini, inaugura Cinecittà, un complesso composto da 73 edifici, tra cui 21 teatri di posa. Il Duce aveva sempre creduto nella Cinematografia...

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.