Il gender gap: storia di un inganno liberale

 Il cosiddetto “Gender Gap”, il divario tra il genere maschile e femminile, considerato oggi soprattutto in campo economico e professionale, è divenuto da alcuni anni elemento imprescindibile della narrazione liberale, la stessa a cui ci hanno abituato i mezzi di informazione mainstream, martellandoci un giorno si e l’altro pure con articoli inerenti l’argomento.

Ma è vero che la parità di genere, soprattutto quando sostenuta da scelte politiche mirate, si traduce sempre e comunque in una reale uguaglianza dal punto di vista delle scelte professionali femminili? In altre parole: è determinante una cultura “gender-friendly” nelle scelte lavorative della donna?

Sembrerebbe di no: secondo un articolo pubblicato sulla rivista “psycological Science”, “ The gender-Equality Paradox in science, Technology, Engineering and Mthematics Education”, scritto da Gijsbert Stoet e David Geary (psicologi rispettivamente alla Leeds Beckett University e alla University of Missouri), quanto più le donne hanno raggiunto l’uguaglianza all’interno di una società, meno propenderanno per un corso di laurea di tipo STEM, ovvero di tipo scientifico, tecnologico, ingegneristico o matematico; la situazione si ribalta considerando i paesi in cui la parità di genere è meno rappresentata, come l’Algeria, in cui inaspettatamente la percentuale di donne laureate in materie STEM supera il 50%.

 Questo è quello che i due studiosi hanno definito “Il paradosso della parità di genere”: ma si tratta davvero di un paradosso? Nel documentario di Harald Eia, “Il paradosso norvegese”, vengono riportati alcuni studi, fra cui quello del medico danese Trond Diseth, che sembrano suggerire che le differenze di genere esistono eccome e che non sono determinate dalla cultura, ma (udite, udite!) dalla biologia. Questo giustificherebbe la maggior propensione delle donne a scegliere mestieri che hanno al centro la cura per il prossimo, l’educazione e la comunicazione, con buona pace dei sostenitori del “gender gap”, le cui argomentazioni non fanno che basarsi su postulati (la società patriarcale e sessista) rifuggendo il rigore del metodo scientifico.

 Come giustificare, quindi, le differenze fra Norvegia e Algeria? Probabilmente nei paesi economicamente più arretrati, una laurea in ingegneria rappresenta il mezzo privilegiato per raggiungere benessere e indipendenza economica, soprattutto per una donna, la quale si vede costretta ad accantonare le proprie reali aspirazioni, decisamente meno in linea con le richieste del mercato.

E non è forse questa una violenza di genere? 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La valenza sociale del lavoro

di Adriano Tilgher

Per il liberismo il lavoro è soltanto un costo di produzione e, per le leggi di mercato, i costi vanno tagliati. In tale mostruosa concezione dei rapporti umani la fa da padrone il profitto economico individuale, senza tenere in alcuna considerazione il profitto sociale: ovvero tutta l’utilità che deriva per la comunità da un corretto rapporto sociale. 

Leggi tutto...

Video

Il Bastian Contrario

 

Aspettando il tuo ritorno

Caro Mario,

Non ti nego che provo una certa emozione mista a nostalgia, dovendo scrivere, a nome della Redazione del Pensiero Forte, un pezzo per la rubrica del Bastian Contrario. Una rubrica fatta su misura per te, per la tua penna intransigente, per i tuoi articoli, le tue riflessioni, ricchi di enfasi, passione, cuciti addosso a te, come medaglie sulla divisa di un soldato.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.